Educazione dei figli, che si fa se mamma e papà sono in disaccordo? I consigli di Tata Simona

Che si fa quando, nell’educazione dei figli, mamma e papà sono in disaccordo?
Lo chiediamo a Tata Simona.

Questa domanda cade proprio a fagiolo. Giorni fa durante un colloquio con dei genitori in difficoltà sulla gestione della loro bambina di 4 anni, mi raccontarono di un episodio che li trovava in totale disaccordo: la bambina all’uscita dalla scuola materna di punto in bianco comincia a correre con un amichetto rischiando di finire in mezzo alla strada, la mamma si trova costretta a lasciare la carrozzina con il figlio minore di 4 mesi e rincorre la bimba, furiosa e spaventata la sgrida pesantemente, la punisce vietandole parco e merenda e si mostra furiosa ad ogni richiesta della bambina per tutto il pomeriggio.
Il papà quando torna a casa, immediatamente spiega alla piccola che ciò che ha fatto è gravissimo, ma poi rivolgendosi alla moglie dice che se fosse stata più attenta non sarebbe successo e che comunque non approva la sua severità.
La mamma si sente in colpa con se stessa e arrabbiata con il marito che non la capisce, quindi chiedono entrambi la mia opinione.

Mi voglio proprio soffermare sull’importanza del sostegno e della comprensione nella coppia, sappiamo benissimo come può essere difficile e faticosa una giornata tra lavoro, casa e bambini, la responsabilità che un genitore avverte per la crescita dei propri figli delle volte è pressante ed è importantissimo che il partner comprenda la stanchezza dell’altro e, soprattutto, che lo supporti, lo sostenga e quando è necessario si prenda carico anche solo per un giorno di tutto permettendo a chi si occupa solitamente dei bambini e della casa di prendere una boccata di ossigeno.
Sentirsi dire “non ti preoccupare oggi penso a tutto io” è una grande dimostrazione di amore e permette di staccare la spina e di tornare alla normalità con il giusto entusiasmo! Non sottovalutate neppure i momenti di coppia e lasciate da parte i sensi di colpa, una sera affidate i vostri piccoli ai nonni o agli zii o alla babysitter, e ricordatevi che siete ANCHE una coppia, godetevi una serata spensierata senza controllare che nessuno rompa bicchieri, rovesci l’acqua, corra per il ristorante ecc……
Per i bambini è una conferma importante sapere che i genitori si amano ed è un modo per voi di riscoprire i preziosi momenti di vita amorosa con il partner.
Se siete diventati una splendida famiglia è perchè avete condiviso momenti indicabili di coppia, che vi hanno portato a pensare di essere pronti ad affrontare una vita insieme, ovviamente ogni famiglia ha il suo vissuto, ma è importante non dimenticare mai da dove si è partiti, e quando vi sembra di essere un pò affaticati dalla quotidianità è un ottimo modo per ricominciare da capo con una nuova carica emotiva!!!

Vi vorrei segnalare che TATA SIMONA IL PROSSIMO 18 GIUGNO TERRA’ UN CORSO SU “I BAMBINI E LE REGOLE“.
Se volete avere tutte le informazioni in merito, CLICCATE QUI

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Educazione dei figli, che si fa se mamma e papà sono in disaccordo? I consigli di Tata Simona

  1. Salve
    Voi dottoresse o posicoleche spesso dite di non bisticiare davanti hai figli …
    Credo sia una cosa difficilissima.. anche perche I bambini fanno parte della famiglia e ci Sono sempre ..io credo che se loro sentano le discussioni dei propri genitori nn e poi cosi tanto un tramma

  2. Salve ! Ho la rabbia in corso..
    Ho un figlio di 4 anni che E abbastanza attivo passa piu tempo con me che con il papa per via del suo lavoro sempre continuato…l ora della cena come e sempre un tramma..
    Capisco la stanchezza che ha il mio ragazzo quando tornare da lavoro vorebberono sentire solo pace e calm! ! ( ma ovvio chi e che nn la vorebbe) ma con Un figlio in casa pultroppo e impossibile..
    Mio figlio quando sta con me e calmo mi ascolta !!!! Ma quando per sera che arriva il padre fa un cambiamento as solito e fuori dala normal diverta isoportabil diverta piu piccolo fa troppI vizzi come esembio oggi a cena seduta a tavolo da un colpetto al dito che ovvio nn si E fatto nulla !!! A tutti I cosi vuole bagnare il tldito sotto acqua gli Lo faccio fare nn contenta e le dico di sewers subito per mangiare ! Che a tavolo si sta Fermi e compostI il padre si mettere in mezzo Dando retta al bambino e rempiendoli a diridura un vasoio con acqua per metterli la mano dentro.. e poi il caos totale…ovvio il bambino sa Che il padre li per mettere tutto quindi il bambino se ne aproffito di questo… nel fratempo io cerco di fare capire che se io le ho detto di no lui nn deve metterli in mezzo e fare fawe il doppione che vuole …solo perche vorebbe nn sentire storie…Mi dice anche che ho modi brutto di rivolgermi al bambino quando solo cerco di fare capire le cose al bambino vedendo mi arrabbiata io credo che questa sia educazone e nn avere un figlio viziato. ..perche credo che il padre Lo vizzi e dove deve dire cosa…nn Lo sgrida usa la sua teoria da calmo…ma dopo che il bambino nn ascolta neanche a lui allora anche lui arriva alla fine alla mia teoria di educazione alzando voce e se ce bisogno dare anche uno sculaccione..io nn soporto piu questo …e sopratutto nn so come farglilo capire al padre…

  3. ciao,
    io ho una bimba di 21 mesi, serena e giocherellona. A volte mi capita però di alzare la voce, quando ha un comportamento scorretto, giusto per farle capire che alcuni atteggiamenti o modi di fare non vanno ripetuti. E il papà che dice? Amore, non alzare la voce con la piccola….
    La difende sempre: non sgridarla, non alzare la voce, non dirle di mangiare se non ne ha voglia (la mia passa anche 4 giorni con solo il biberon della mattina perchè è inappetente!).
    Io mi sento messa in disparte, quando lui torna a cena alla piccola tutto è permesso. Peccato che poi durante il giorno la piccola si sente libera di fare qualsiasi cosa, perchè con papà lo fa.
    Corre sul lettone, si arrampica sui mobili e io ho il cuore in gola. Se però succede qualcosa, la colpa è sempre e solo mia. Se fossi stata più attenta, se non fossi andata in bagno a fare pipì, se non fossi stata occupata a preparare la cena….
    Peccato però che le due volte che la piccola si è fatta male era presente anche lui, spaparanzato sul divano in attesa della cena….ma io, Io cosa stavo facendo????
    Uff…è proprio dura a volte….

  4. Se fosse stata + attenta? E’ troppo severa? Beh comodo arrivare a casa la sera e giudicare, caro papà. Certo se l’avesse messa al guinzaglio forse non sarebbe riuscita a correre via. Ho degli amici che hanno una bimba che si comporta nello stesso modo. Disubbidisce a tutto, corre via, anche per strada, rischiando di mettersi in pericoli seri. La madre è sul disperato andante, non sa + cosa fare….e a quel punto cosa fai?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *