L’incubo

Da piccola, ricordo, facevo un sogno, o forse sarebbe meglio chiamarlo incubo, ricorrente.
Sognavo che moriva la mamma. Mi sono svegliata tantissime volte con il cuscino bagnato.
Quando lo raccontavo a mia madre, lei prendendomi anche un po’ in giro mi diceva: “Mi hai allungato la vita di un anno, ogni volta che sogni che una persona muore, in realtà gli stai regalando del tempo da vivere!”.
Ma quella sensazione di smarrimento e di paura mi rimaneva comunque dentro.
Stamattina, erano ormai le 7, io e mio marito eravamo già in piedi e stavamo per svegliare i bambini. All’improvviso abbiamo sentito Luca piangere.
Ci siamo guardati e ci siamo detti: “Buongiorno! Con quale luna storta si sarà svegliato stamattina il cucciolotto?”
Sono andata nella cameretta.
Luca era lì, avvolto nel suo piumone, dormiva con i lacrimoni.
Si è svegliato subito, si è guardato attorno e appena ha capito che ero lì mi ha abbracciata.
“Cosa è successo?” gli ho chiesto. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Buon 2017!

Buon  Anno!
Buon 2017 a tutti.
Scusatemi se arrivo con un po’ di ritardo a farvi gli auguri… ma sono stata in vacanza, anzi siamo stati in vacanza.
Stamattina rientrata in ufficio un mio collega appena mi ha visto ha detto: “Maria sei stata in Puglia vero?”
Io: “Sì, come fai a saperlo?”
Lui: “Si vede!” e ha sorriso, facendomi capire che si nota dalla forma decisamente più arrotondata.
Non lo nego, abbiamo mangiato tanto e con gusto.
Con due cuoche provette come mia madre e mia zia era impossibile dire di no a qualsiasi pietanza.
Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Come fare la coroncina natalizia

Le settimana scorsa gli artisti di  Food & Cake Design Associazione Artisti Italiani  ci hanno insegnato a realizzare un Elfo con la pasta di zucchero.
Ed oggi?
Visto che siamo ormai vicinissimi a Natale, oggi ci insegneranno a realizzare una ghirlanda natalizia fatta di porcellana fredda ClarenArt.

Una coroncina che può essere appesa, oppure utilizzata come segnaposto, oppure come base per una bella candela da mettere come centrotavola nei giorni di festa.

Intanto iniziamo con l’imparare a realizzare la ghirlanda… e poi spazio alla fantasia per i mille utilizzi possibili.

Grazie a Claudia Rinascimento che ha realizzato questo tutorial per noi!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Ecco come riconoscere la persona riflessiva dalla grafia

La capacità di riflettere è una virtù sempre meno riconosciuta.

I ritmi ai quali siamo sottoposti presuppongono risposte rapide, decisioni prese d’ impulso, che a volte però si dimostrano troppo azzardate.

Incontrare una persona riflessiva è un’opportunità ormai rara.

Ma come riconoscerla? Ci aiuta, come sempre, la nostra grafologa Candida Livatino.
Ecco cosa ci dice sulla scrittura del “riflessivo”: Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

La lettera a Babbo Natale

Ieri sera stavo chiacchierando con i miei due birba. Il tema era il Natale.
“Ragazzi avete scritto la lettera a Babbo Natale?”
Luca: “Io ancora no!”
Io: “Occhio Luca, se non fai in fretta, non riceverai nulla. Babbo Natale ha bisogno di tempo per costruire i giochi per tutti i bambini del Mondo”
Luca: “Ma Babbo Natale è magico, lui sa cosa voglio”
Io: ” E cosa vorresti?”
Luca: “Uno skateboard senza rotelle, ma con il motore a razzo. Uno skateboard che fa volareeeee…” Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

I bambini e il “segreto” di Babbo Natale

Il Natale si sa, è la festa più amata e attesa per tutti i bambini del mondo! Una sorta di magia che purtroppo da adulti si va a perdere per molti di noi.

Ma i bambini come vivono l’attesa per il Natale e soprattutto per l’arrivo di Babbo Natale? Cosa rappresenta e che significato ha per loro questo personaggio, che porta i regali per i bambini di tutto il mondo?

Ad un certo punto della loro crescita, è necessario spiegare “Il segreto” di Babbo Natale?

Ne parliamo con la psicologa Francesca Santarelli:
Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Idee regalo fai-da-te per Natale? Ecco come realizzare un Elfo!

 

Che ne dite di questo Elfo?
Bellissimo vero?
Gli artisti di  Food & Cake Design Associazione Artisti Italiani oggi ci insegneranno a realizzarlo.
Una galleria di immagini, un tutorial, in cui ci spiegano passo passo come farlo.
Sembra impossibile, difficilissimo e invece… è alla portata di tutti.
Potete utilizzare pasta di zucchero, porcellana fredda o eventualmente anche pasta di sale.

Liliana Miraglia, l’artista di Food & Cake Design Associazione Artisti Italiani che ha realizzato questo Elfo, ha utilizzato la pasta di zucchero.

Buon lavoro e buon divertimento!

Permettetemi di ringraziare, oltre a Liliana Miraglia, anche Daniela Alborino, presidente di questa associazione No Profit, che ci ha regalato questo specialissimo tutorial!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Come riconoscere la persona forte e determinata

Poter contare su una persona forte e determinata è sempre più importante in un contesto sociale dove le pressioni, e le prevaricazioni altrui, mettono a dura prova la nostra capacità di reazione.

Lo è per una coppia e lo è, a maggior ragione per un nucleo familiare più allargato, dove una persona capace di reagire con fermezza e determinazione agli eventi negativi è il punto di riferimento di tutti.

Ma come riconoscere la persona forte e determinata? Un aiuto, come sempre, ci arriva dalla grafia.
Candida Livatino oggi ci svela le caratteristiche da osservare nella scrittura per individuare subito la figura leader. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lettere da Orlindi

Tempo fa vi ho parlato di Mammadù Italia Onlus, un’Associazione senza scopo di lucro (della quale orgogliosamente faccio parte) che aiuta i bambini dell’orfanotrofio di Orlindi (Orlindi Place of Safety), in Namibia.

Perché vi parlo ancora di Mammadù? Perché Andrea (uno dei fondatori), periodicamente invia a tutti gli associati una e.mail con gli aggiornamenti di quanto succede laggiù. L’ultima lettera mi ha commossa e gli ho chiesto il permesso di condividere alcuni stralci con tutti voi.
Eccola:

“E’ arrivata la PIOGGIA in Namibia!!

La pioggia tanto attesa e desiderata, dopo pochi giorni è già finita e purtroppo non basterà! Dicono che ci vorranno almeno due anni di intense piogge per risanare la grave di siccità che si è venuta a creare. L’ACQUA è VITA e quando non ce l’hai, te ne accorgi. 

L’acqua è stata chiusa senza preavviso a giorni alterni, ben inteso, solo nelle zone di periferia. Poi, c’è chi, nonostante il divieto di riempirsi le piscine private non intende rinunciare ad una bella nuotata rinfrescante o chi per fare apparire ai turisti questo paese completamente diverso da quello che è, si preoccupa di tenere la piscina del lodge pulita e piena d’acqua.

Le “tratte” dei turisti sono tendenzialmente ben lontane da tutto quello che viviamo e vediamo tutti i giorni ma quando qualcuno esprime il desiderio di potere “conoscere” e “vedere” con i propri occhi dove nessuno desidera andare, li accompagniamo nei quartieri poveri della capitale, dove scende la notte senza luci e dove bambini nudi si rotolano nell’immondizia e le loro mamme già dalle prime ore del mattino consumano una birra all’ombra di una lamiera … Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page