“I medici che sconsigliano i vaccini rischiano la radiazione”

Se c’è un argomento che ha sollevato e che continua a sollevare polveroni e polemiche anche su questo blog è quello delle vaccinazioni.
“Vaccino sì, o vaccini no?”. Dalla risposta che diamo a questa domanda e dalla decisione che prendiamo dipende la salute dei nostri figli.

Le voci e le opinioni che si sentono in giro sono tante. Racconti che a volte fanno rabbrividire. E tutti noi ci chiediamo: “C’è davvero un legame tra il vaccino e l’autismo oppure è solo un falso mito da sfatare?”.
In realtà negli ultimi anni delle sentenze hanno dato ragione ad alcuni genitori che hanno fatto causa per i danni subiti dai figli. Danni emersi subito dopo le vaccinazioni.
Allora… forse… la nostra paura non è proprio infondata

Al momento c’è solo un dato certo: numeri alla mano, c’è un preoccupante calo delle vaccinazioni.
Calo che ha portato la Federazione degli Ordini dei Medici (Fnomceo) a scendere in campo.
E’ stato presentato un documento in cui si scrive nero su bianco che i medici che sconsigliano i vaccini infrangono il codice deontologico, e vanno incontro a procedimenti disciplinari che possono arrivare alla radiazione.
Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Ecco come scrive chi ha complessi di inferiorità

livaIn una società competitiva, nella quale è importante apparire e vendersi al meglio, spesso anche al di là delle effettive capacità, non poche persone si trovano a disagio.

E’ un disagio che nasce dal confronto con il collega o con il vicino di casa e può degenerare in un vero e proprio complesso di inferiorità, che traspare anche dalla scrittura.

Come si fa a riconoscere chi vive un complesso di inferiorità?

Ce lo spiega la nostra grafologa Candida Livatino:
Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Capitolo chiuso!

30 giugno 2016.

Stamattina quando ho varcato la soglia della scuola materna ho pensato: “Siamo proprio alle fine. Alla fine di un percorso straordinario che ha dato tanto ai miei figli e anche a noi”.

Ho salutato le due maestre, nascondendo palesemente l’emozione. Le ho abbracciate sperando di rivederle in altri contesti.
Poi ho salutato Rita, la bidella. Un vero pilastro in quella piccola scuola. La mamma di tutti i bambini.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Che fare quanto un bambino morde o graffia?

Don't worry! No nose was hurt during this session :) It was a really unxpected but tender friendly nose bte. These kids are still best friends :)

 

Quante volte vi è capitato di andare a prendere vostro figlio da nido o dalla materna e di trovarlo con un bel morso sul braccio, sulla gamba…
O al contrario, avete mai visto vostro figlio tirare i capelli, graffiare o mordere altri bambini?
Come vi siete comportati? Avete rimproverato il bambino? Lo avete allontanato? Avete fatto finta di nulla?

Oggi con la nostra Psicologa Amica parliamo proprio di morsi, o meglio di come intervenire e cosa fare quando ci troviamo in situazioni di questo tipo!

Ecco cosa ci consiglia Francesca Santarelli: Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

E’ Patrizia Lovato la “Miss Mamma Italiana 2016”

Miss Mamma Italiana 2016 Patrizia Lovato

E’ Patrizia Lovato la “Miss Mamma Italiana 2016”. A lei la fascia e la corona della manifestazione, giunta alla 23esima edizione, riservata a tutte le mamme aventi un’età fra i 25 ed i 45 anni.
Ad incoronarla il sindaco di Gatteo Mare.

Trentotto anni, commerciante, di Trissino (VI), Patrizia Lovato è sposata da 13 anni con Riccardo Filatondi ed è mamma di Lorenzo di 4 anni. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Come riconoscere dalla grafia il “geloso”

gelosia

Un pizzico di gelosia, si sa, fa piacere un po’ a tutti e a tutte.
Ci si sente apprezzati, desiderati…
Ma perché sia una gelosia “sana” non deve superare il pizzico.
Quando è troppa diventa una malattia!

Ma come fare a riconoscere la persona gelosa?
Attraverso la scrittura. Oggi la nostra grafologa Candida Livatino ci spiegherà come riconoscere la persona gelosa osservando la sua grafia:

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Un compleanno speciale tra le mille attrazioni di Gardaland

prezzemolino
Comincio dalla fine. Erano ormai le 11  di sera, eravamo stanchi stremati ma felici e soddisfatti. Stavamo andando verso l’auto e Luca mi ha detto: “Mamma, è stata una giornata speciale, anzi specialissima. Hai scelto bene, il tuo è stato proprio un bel compleanno, anche più bello del mio!”

Mi ha fatto una tenerezza!

Ogni anno per i nostri 4 compleanni ci “regaliamo” una giornata speciale. Ognuno di noi può scegliere come festeggiarlo e dove vuole andare (nei limiti del possibile :) ).

Io quest’anno ho voluto fargli una sorpresa, li ho portati a Gardaland! Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

In vacanza con i nonni

nonni

Oggi con la nostra psicologa, la dottoressa Francesca Santarelli, parliamo delle vacanze estive in compagnia dei nonni.

Devo essere sincera, ho fatto fatica a pubblicare questo articolo, perché so perfettamente che appena i miei genitori, nonché nonni dei miei figli lo leggeranno, mi tireranno le orecchie (visto che Marco e Luca sono ancora con me e non con loro!)

Che c’è di più bello per i bambini che trascorrere le vacanze insieme ai propri nonni? Vizi assicurati, nipoti super controllati, cibo ottimo e abbondante, gelati a volontà, regole in cantina!

Vedete per caso qualche “contro”? :)

Per i nonni e per i nipoti no, per i genitori ogni tanto… sì!

E allora ecco qualche utile consiglio per fare in modo che la vacanza con i nonni sia un periodo di serenità, gioia e relax per tutti! Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Come passeggiare sulle acque del Lago d’Iseo con tutta la famiglia

issima

Si chiama Carlottissima, e questo suffisso se l’è guadagnato sul campo. E’ una persona veramente straordinaria, superlativa in tutto.
Perché vi parlo di lei oggi?
Non per tesserne le lodi (anche se meriterebbe un post solo per quello 😉 ), ma perché in avanscoperta è andata in un posto che mi piacerebbe moltissimo visitare e che son certa interessa tantissimi di voi: “The Floating Piers”, la passerella fluttuante che fa camminare sulle acque del Lago di Iseo. A suo dire “l’installazione più incredibile, bella e suggestiva di Christo, l’artista noto per aver impacchettato gli edifici”.

Carlottissima ha scritto un articolo sul suo Blog. Un articolo che fa sognare chi non può andare a fare la stessa esperienza e dà dei validi consigli a chi invece vuole avventurarsi.

La passerella è molto larga e i servizi di sicurezza efficientissimi. Adatta a tutte le famiglie. Si può andare anche con i passeggini e con i bambini di ogni età.

Curiosi di sapere di più? Qui trovate tutte le info:  http://www.carlottissima.com

Ps. la foto che vedete è stata scattata da Carlottissima.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page