3 lug

Come sedurre un uomo con lo sguardo!

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo della seduzione e sveliamo gli altri “strumenti” che noi donne abbiamo per attrarre un uomo.
Ci spiaga tutto la nostra grafologa Candida Livatino: Leggi il resto di questo articolo »

Candida Livatino

2 lug

Perché i bambini dicono le bugie?

pinocchiovero

Perché i bambini dicono le bugie?
E come ci dobbiamo comportare noi genitori?
Di questo ci parla oggi la nostra Psicologa Amica, la dottoressa Francesca Santarelli.

Ecco cosa ci dice e cosa ci consiglia:

Leggi il resto di questo articolo »

La Psicologa amica

29 giu

E’ Elisa Marcuccini la “Miss Mamma Italiana 2015”

Miss Mamma Italiana 2015 Elisa Marcuccini

E’ Elisa Marcuccini la “Miss Mamma Italiana 2015”.
Trentatreanni, parrucchiera, di Montefelcino (PU), è sposata da 8 anni con Manuel Tramontana ed è mamma di Bianca di 3 anni.

A lei la fascia più ambita del concorso che non vuole premiare solo la bellezza, ma intende valorizzare il ruolo della mamma come donna impegnata in famiglia, nel lavoro e nella società.
Le 19 mamme finaliste infatti hanno sfilato prima con abiti che rappresentavano la loro personalità poi in costume da bagno ed hanno sostenuto una prova di abilità (come cantare, ballare, cimentarsi in esercizi ginnici e in varie prove creative coinvolgendo il marito ed i figli).

La giuria, presieduta dal Sindaco della città di Gatteo, Gianluca Vincenzi, ha proclamato vincitrice, con la fascia e la corona di “Miss Mamma Italiana 2015”, appunto, Elisa Marcuccini. Capelli lunghi rosso rame, occhi marroni ed un fisico perfetto (è alta 170 cm per 58 kg di peso), donna solare, simpatica, comunicativa, molto affascinante e dolcissima, con l’hobby della danza del ventre e di fare lunghe camminate all’aria aperta e con il sogno di poter avere altri figli. Leggi il resto di questo articolo »

Viva la mamma

26 giu

Ecco cosa fa una donna quando vuole sedurre un uomo

seduzioneCome fa una donna a sedurre un uomo?
I modi sono tanti. E molte volte, anche quando la timidezza prende il sopravvento, è il nostro corpo che si fa avanti, lanciando segnali inconfondibili.

Quali? Ce li svela la nostra grafologa Candida Livatino:

Leggi il resto di questo articolo »

Candida Livatino

25 giu

Congedo parentale: in vigore nuove modalità e tempi

mamma-che-allatta
E’ entrato in vigore oggi, 25 giugno 2015,  il decreto legislativo sulla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro che prevede nuove modalità e tempi per il congedo parentale.

Il decreto prevede l’allungamento dei tempi di utilizzo del congedo parentale (mantenendo comunque il pacchetto a 6 mesi per la mamma, 11 mesi per la coppia) portando il tetto a 6 anni di età del bambino per il congedo retribuito al 30% (finora era a 3) e a 12 quello per quello non retribuito (finora era a 8).

Si prevede la possibilità di ‘trasformare’ il congedo parentale in part-time al 50% mentre si riduce da 15 a cinque giorni il tempo minimo per il preavviso al datore di lavoro rispetto al momento nel quale si intende iniziare il congedo.

Il decreto prevede anche la possibilità di estendere il periodo di congedo di maternità obbligatoria oltre i cinque mesi se il parto è molto prematuro e incentivi al telelavoro con la possibilità di escludere i lavoratori che lo fanno dal computo di limiti numerici previsti per l’applicazione di previsioni normative legate alla base occupazionale.

 

Ecco il testo del DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Leggi il resto di questo articolo »

Viva la mamma

24 giu

Secchiello, paletta e tanta voglia di giocare, crescere e imparare

bambini mareDi foto con mio marito che gioca con la sabbia con Marco e Luca ne ho a centinaia.
Da quando erano piccolissimi ad oggi!

Costruiscono vascelli, galeoni, navi pirata. Lui fa la struttura, i bambini lo aiutano e poi vanno a cercare conchiglie, pezzi di legno o altri piccoli oggetti per abbellire e rifinire il loro capolavoro.
A me piace molto guardarli e fotografarli. Rare volte, anzi quasi mai, mi unisco a loro.
Eppure fare castelli di sabbia in riva al mare non è solo un bel passatempo. Ma può essere anche un’occasione di crescita per i bambini.

Oggi la psicologa amica, la dottoressa Francesca Santarelli ci spiega cosa imparano e come e con quali giochi li possiamo aiutare:

Leggi il resto di questo articolo »

La Psicologa amica

19 giu

L’impazienza dell’altro nei gesti del corpo

candida-bluA volte capita che, presi dai nostri discorsi, dai nostri racconti, non ci rendiamo conto che ci sta di fronte vuole scappare via. Insomma è impaziente di tagliare la corda.
Per rispetto ed educazione magari non ce lo dice, ma il suo corpo parla per lui. E da alcuni semplici gesti ci possiamo rendere conto se è pronto a scattare, o meglio a scappare!

La nostra psicologa Candida Livatino oggi ci spiegherà come riconoscere le persone “impazienti”.
Ecco cosa ci dice:

Leggi il resto di questo articolo »

Candida Livatino

18 giu

Elogi e complimenti: quando fanno bene e quando creano piccoli narcisisti onnipotenti!

mamma_figlio“Bravo. Sei un campione!”
Fa piacere a noi, fa piacere anche a loro, ai nostri figli, soprattutto se a fare i complimenti sono i genitori.
Ma quando è utili elogiare i propri figli e quando, invece, si rischia di creare piccoli narcisisti onnipotenti.

Di questo oggi ci parla la nostra psicologa amica, la dottoressa Francesca Santarelli.
Ecco cosa ci dice:

Leggi il resto di questo articolo »

La Psicologa amica

17 giu

Help! Cotto e Mangiato aspetta le tue ricette

tessaCome ve la cavate tra i fornelli?
Qual è la vostra specialità: stuzzichini? Primi? Secondi? Dolci al cucchiaio? Dessert? Torte?

So perfettamente che tra di voi ci sono tante cuoche provette o che comunque si cimentano con passione.

E allora vi chiedo di mandare le vostre ricette con una foto a www.facebook.com/CottoeMangiato/CucinaTU

Le più ghiotte, le più belle, le più buone saranno pubblicate direttamente sulla pagina ufficiale Facebook di Cotto e Mangiato!

Viva la mamma

16 giu

I compiti delle vacanze: meglio cominciare a farli subito o aspettare? I consigli dei pediatri

bambino_compiti-a-casa
“Marco, sono passate quasi tre settimane da quando hai salutato la scuola e le maestre. Non ti sembra che sia arrivata l’ora di cominciare a fare i compiti delle vacanze?”, Ho chiesto ieri al mio piccolo studente.

E lui: “No, non sono ancora in vacanza!”

E io: “Come no? Non stai mica andando a scuola!”

E lui: “Sì, ma non sono neppure al mare. Queste le chiami vacanze?”

“Io sì, io le chiamo vacanze. Sei tutti i giorni al campus estivo con tanti amici a giocare a tennis, a basket, a calcio, a fare i tuffi in piscina e giochi vari. Come chiami tutto ciò: lavori forzati?”, gli ho risposto.

E lui: “Lo chiamo campus estivo. Le vacanze cominciano quando partiamo!”

E io: “Facciamo che da domani, invece, cominciamo a riprendere almeno la penna in mano. Non vorrei che nel frattempo dimenticassi tutto. Riprendere poi è più faticoso!”

Quando non c’è di mezzo la scuola, i compiti, la lettura, lo studio… devo ammettere che a casa mia l’aria è molto più rilassata. Ma prima o poi bisogna pure riprendere e aspettare troppo potrebbe essere controproducente.

Oggi scorrendo le agenzie di stampa ne ho trovato una di qualche giorno fa: “I compiti delle vacanze, uno stress per studenti ma anche per i genitori”

Mi sono sentita meno sola. Non sono solo io a stressarmi per i compiti. Sono in buona compagnia!

La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (Sipps) ha redatto una sorta di vademecum con i consigli utili per genitori e figli per arrivare a settembre con i compiti fatti e con lo stress ai minimi termini.
Ecco i punti principali: Leggi il resto di questo articolo »

Il mondo del bambino