Ecco come scrive chi ha una forte carica sessuale

Oramai siamo solo nell’epoca dei contatti virtuali e veloci. Ci parliamo tramite WhatsApp, Messanger, Sms e mail… Eppure da una bella lettera o da un simpatico bigliettino scritto a mano si possono capire tante cose della persona con cui ci stiamo relazionando.
Se osserviamo la sua grafia con un occhio un po’ più attento e analitico possiamo anche “invadere” la sua sfera personalissima e capire se si tratta di una persona che ha una forte carica sessuale o se…  
Ma quali sono le caratteristiche della scrittura di chi è propenso a regalare forti emozioni sotto le lenzuola?
Ci spiega tutto, come ogni venerdì, la nostra grafologa Candida Livatino: Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Ecco come riconoscere se il partner è portato per la sessualità

La sfera sessuale non è l’unica componente che può contribuire alla solidità del rapporto di coppia, ma certamente è molto importante.
Capire se il  possibile partner è  poco portato per la sessualità può quindi aiutare a prendere decisioni più consapevoli.
Oggi la nostra grafologa Candida Livatino ci spiegherà proprio come riconoscere dalla grafia se il partner è promettente o meno sotto le lenzuola. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

L’ansia nei bambini: quando è “normale” e quando è un “disturbo”

Oggi con la dottoressa Francesca Santarelli torniamo a parlare di ansia nei bambini.
Come possiamo capire se si questa apprensione, inquietudine e irrequietudine che rientra nella normalità oppure se si tratta di un disturbo vero e proprio?
E in ogni caso noi genitori come possiamo affrontare la cosa?
Ecco cosa ci consiglia la psicologa: Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Giornata della Memoria: i libri da leggere ai bambini

Il 27 gennaio è “La giornata della Memoria”, per non dimenticare.
Gli adulti difficilmente possono dimenticare la Shoah, l’orrore del razzismo, la cattiveria dell’uomo.
Ma i bambini? Come trasmettergli i valori della solidarietà, della fratellanza, della giustizia, come fargli capire cosa è successo in passato, sperando che non si ripeta in futuro?

Elisabetta Belotti, blogger di LaBiondaProf,  ha selezionato dei libri per noi. 
Libri da leggere ai bambini e commentare insieme.
Ecco cosa ha selezionato per noi:  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Come aiutare i bambini che hanno paura dei terremoti

Ho chiesto alla psicologa amica, la dottoressa Francesca Santarelli, di scrivere un post su come aiutare bambini e adolescenti alle prese con la paura dei terremoti.
In questi ultimi mesi mi sono arrivate tante e.mail da parte di mamme e papà preoccupati per i loro figli. Mail che non vi allego per rispettare la loro privacy, ma vi assicuro molto toccanti.
Sentire i genitori raccontare di bambini che vogliono andare a dormire con i vestiti addosso per essere pronti e preparati in caso di fuga, oppure di ragazzi che fanno fatica ad addormentarsi e ritardano sempre di più l’ora del sonno, fa davvero molto male.

Spero che questo post della dottoressa possa aiutare i genitori ad affrontare al meglio questo problema con i figli. A loro tutta la mia solidarietà. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

L’incubo

Da piccola, ricordo, facevo un sogno, o forse sarebbe meglio chiamarlo incubo, ricorrente.
Sognavo che moriva la mamma. Mi sono svegliata tantissime volte con il cuscino bagnato.
Quando lo raccontavo a mia madre, lei prendendomi anche un po’ in giro mi diceva: “Mi hai allungato la vita di un anno, ogni volta che sogni che una persona muore, in realtà gli stai regalando del tempo da vivere!”.
Ma quella sensazione di smarrimento e di paura mi rimaneva comunque dentro.
Stamattina, erano ormai le 7, io e mio marito eravamo già in piedi e stavamo per svegliare i bambini. All’improvviso abbiamo sentito Luca piangere.
Ci siamo guardati e ci siamo detti: “Buongiorno! Con quale luna storta si sarà svegliato stamattina il cucciolotto?”
Sono andata nella cameretta.
Luca era lì, avvolto nel suo piumone, dormiva con i lacrimoni.
Si è svegliato subito, si è guardato attorno e appena ha capito che ero lì mi ha abbracciata.
“Cosa è successo?” gli ho chiesto. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Buon 2017!

Buon  Anno!
Buon 2017 a tutti.
Scusatemi se arrivo con un po’ di ritardo a farvi gli auguri… ma sono stata in vacanza, anzi siamo stati in vacanza.
Stamattina rientrata in ufficio un mio collega appena mi ha visto ha detto: “Maria sei stata in Puglia vero?”
Io: “Sì, come fai a saperlo?”
Lui: “Si vede!” e ha sorriso, facendomi capire che si nota dalla forma decisamente più arrotondata.
Non lo nego, abbiamo mangiato tanto e con gusto.
Con due cuoche provette come mia madre e mia zia era impossibile dire di no a qualsiasi pietanza.
Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Come fare la coroncina natalizia

Le settimana scorsa gli artisti di  Food & Cake Design Associazione Artisti Italiani  ci hanno insegnato a realizzare un Elfo con la pasta di zucchero.
Ed oggi?
Visto che siamo ormai vicinissimi a Natale, oggi ci insegneranno a realizzare una ghirlanda natalizia fatta di porcellana fredda ClarenArt.

Una coroncina che può essere appesa, oppure utilizzata come segnaposto, oppure come base per una bella candela da mettere come centrotavola nei giorni di festa.

Intanto iniziamo con l’imparare a realizzare la ghirlanda… e poi spazio alla fantasia per i mille utilizzi possibili.

Grazie a Claudia Rinascimento che ha realizzato questo tutorial per noi!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Ecco come riconoscere la persona riflessiva dalla grafia

La capacità di riflettere è una virtù sempre meno riconosciuta.

I ritmi ai quali siamo sottoposti presuppongono risposte rapide, decisioni prese d’ impulso, che a volte però si dimostrano troppo azzardate.

Incontrare una persona riflessiva è un’opportunità ormai rara.

Ma come riconoscerla? Ci aiuta, come sempre, la nostra grafologa Candida Livatino.
Ecco cosa ci dice sulla scrittura del “riflessivo”: Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page