Sei più da nero, da rosso o da blu? Il colore svela come sei

Ogni colore denota uno stato d’animo, un modo di essere che può anche cambiare a seconda del periodo. A volte ci sentiamo forti e allegri e decidiamo di vestirci con colori sgargianti. Altre volte invece prediligiamo tinte più tenui. A volte tonalità scure.
Che cosa ci spinge a scegliere un colore piuttosto che un altro quando compriamo un abito o una maglietta? Scopriamolo insieme alla nostra grafologa Candida Livatino: Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Estate, bimbi in vacanza con i nonni

La scuola è finita ormai da qualche settimana. I bambini probabilmente sono già alle prese con campus estivi, GREST, centri ricreativi. I più fortunati, magari, hanno già fatto dei giorni di vacanza con mamma e papà al mare, in montagna..
Ma quanti di voi hanno a disposizione i nonni e non “approfittano” della loro disponibilità?
E quanti di voi si sentono tranquilli a mandare i propri figli in vacanza solo con i nonni?
Di questo argomento parliamo oggi con la nostra psicologa amica, la dottoressa Francesca Santarelli. Ecco cosa ci dice in merito: Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Come si può aiutare un bambino balbuziente? Risponde la psicologa

Oggi con la dottoressa Francesca Santarelli torniamo a parlare di un tema che sta a cuore a molti genitori e che spesso è anche fonte di preoccupazioni: la balbuzie.
Capita, ed è anche abbastanza frequente, che i bambini da un giorno all’altro comincino a balbettare. Spesso a questa difficoltà di parlare fluentemente si associano anche forme di tic. 
Che fare? Possiamo aiutare in qualche modo questi bambini? E come?
Ecco cosa ci dice in merito la psicologa Santarelli:
Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Ecco come scrive la persona “razionale”

Ci sono persone che al primo impatto non generano entusiasmo ed empatia, ma comunque nel tempo riescono a farsi apprezzare ed amare. questo tipologia rientrano certamente quelle che vengono comunemente definite “razionali”.

La logica, il metodo, l’affidabilità e l’efficacia sono le loro doti migliori.

Ma come scrive la persona razionale? Oggi la nostra grafologa Candida Livatino ci insegnerà proprio come riconoscere il razionale dalla grafia.
Ecco cosa ci dice: Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Buona vita a Mister B e Mister Bis

“Se mi avessero chiesto di scommettere l’avrei fatto e avrei perso!”
Così qualche giorno fa ha esordito mio marito mentre cambiavo le foglie di gelso al bruco da seta, il nostro piccolo ospite di casa.
Io: “Scusa non ho capito, cosa vuoi dire?”
Lui: “Voglio dire che mai nella vita avrei pensato di vederti accudire un verme, di vederti parlare con lui, insomma dillo, ammettilo davanti a testimoni: ti sei affezionata…”

Io: “Innanzi tutto non si tratta di un verme, ma di Mister Bis, un amorevole bruco che un giorno diventerà una splendida farfalla colorata…” Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Ecco come scrive chi è dotato di intelligenza riflessiva

Per risolvere un problema o superare un ostacolo c’è chi fa affidamento sul proprio istinto o sulle sue doti creative, ma c’è anche chi  invece ricorre alla riflessione.

In questo caso poter contare su una buona intelligenza riflessiva può fare la differenza.

Capire chi ce l’ha è relativamente facile se lo si frequenta e conosce, ma, se non è così, lo si può dedurre dall’osservazione della sua scrittura.

La nostra grafologa Candida Livatino oggi ci spiegherà proprio come riconoscere la persona dotata di una spiccata intelligenza riflessiva osservando anche poche righe scritte di pugno.
Ecco cosa ci dice:

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Sette giorni per i sette anni: buon compleanno Luca!

Mi dispiace un sacco, ma ormai tempo per aggiornare il blog ne ho veramente poco. Non riesco più a scrivere come e quanto vorrei. Eppure di cose da raccontarvi ne avrei veramente tante.
Con la bella stagione abbiamo dato il via alle gite fuori porta, ai piccoli viaggetti, alle passeggiate nei parchi. Da Gardaland, al Parco di Sigurtà, da Alpyland a Firenze, da Lucca al mare, passando per il parco sotto casa… quante cose abbiamo visto, quante cose abbiamo fatto!
La verità è, come ho già detto tante volte, che non occorre fare tanta strada per vedere cose belle e mangiare bene. L’Italia è così ricca e piena di meraviglie che basta guardarsi intorno per lustrarsi gli occhi e rimanere incantati.

Non so da dove cominciare… e allora partirò dal compleanno di Luca.

Il 25 aprile il mio piccolo campioncino ha compiuto 7 anni. E per non farsi mancare nulla ha chiesto sette giorni di festeggiamenti. (… speriamo che non ci chieda la stessa cosa a 18 anni, o peggio a 30 anni 😉  ) Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

La parolaccia…

Qualche giorno fa stavo controllando i quaderni di Luca. Ad un certo punto ho visto un “OTTIMO” barrato e sotto un “BENE” corredato da un punto interrogativo.
Ho chiamato il ragazzotto e gli ho chiesto: “Cosa significa tutto questo?”

E lui, fingendo una imbarazzante disinvoltura, ha risposto: “Avevo preso ottimo, infatti se vedi non c’è neanche un errore, sono stato bravissimo… ma poi la maestra mi ha sentito che dicevo una parolaccia ad un compagno e mi ha abbassato il voto”.

Io: “Cosa hai fatto? Hai detto una parolaccia! Mille, mille e mille volte ti ho detto che non si dicono le parolacce…”
Lui: “In realtà non lo so, era una parola che mi aveva detto poco prima un compagno e io allora l’ho ripetuta ad un altro compagno. Ma non so neppure cosa significa”.

Io: “Ma mi vuoi dire cosa hai detto?”

Lui: “Ho detto SEI GAY, SEI GAY, SEI GAY. Ma cosa vuol dire gay?” Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page