Il latte artificiale in Italia costa troppo? Il pediatra: “E’ giusto così”

In Italia il latte artificiale e i pannolini costano molto di più che negli altri paesi. Perché? Il ministro Andrea Riccardi vuole vederci chiaro. E per questo ha inviato un esposto all’Antitrust.
Fantastico vero? E aggiungerei: “Era ora!”
Eppure non tutti sono d’accordo. Il pediatra Italo Farnetani, ad esempio, pensa che questa iniziativa possa risultare inefficace o addirittura dannosa.
Cosa succederebbe se in Italia il latte artificiale diventasse improvvisamente low cost?
Secondo il pediatra scatterebbe una corsa al biberon, con conseguente calo del numero di bebè allattati al seno.

Lo so che è Carnevale, ma vi assicuro che questo non è uno scherzo!

Abbassare i prezzi del latte in polvere senza un’adeguata attività di sensibilizzazione in favore di quello materno può portare a una diminuzione della percentuale di donne che allattano al seno. La maggior disponibilità di latte artificiale – spiega Farnetani – fa aumentare la tentazione per i genitori di ricorrere al biberon, soprattutto di fronte alle quotidiane incertezze: per esempio il dubbio se il bambino abbia mangiato a sufficienza o necessiti dell’aggiunta”.

“Mi sono sempre chiesto – osserva lo specialista – perché lo stesso impegno che viene speso per abbassare il prezzo del latte artificiale non sia stato investito anche nella promozione dell’allattamento al seno. Si ricordi che quest’ultimo viene definito ‘naturale’ e, oltre che migliore dal punto di vista della salute, non costa nulla”.

Insomma, più che abbassare il prezzo del latte in polvere, Farnetani vorrebbe vedere più spot pro-poppata al seno, per sensibilizzare le mamme.

Circa il 98% delle donne, ricorda lo specialista, “possono allattare al seno il proprio bambino e si dovrebbero dare tutte le informazioni necessarie perché lo possano fare bene. Per esempio insegnare a capire i messaggi del pianto, a usare correttamente la valutazione dell’accrescimento in peso, e spiegare quali stili di vita che può assumere la mamma. Anche in questo caso nell’80% dei farmaci in commercio in Italia la scheda tecnica precisa che sono controindicati in corso di allattamento al seno, mentre in realtà solo gli psicofarmaci e gli anestetici generali non vanno assunti dalla donna in allattamento. E spesso la donna smette di allattare perché deve eseguire una cura medica”.

Non so cosa ne pensate voi, ma io non sono affatto d’accordo con Italia Farnetani. E per varie ragioni.
Innanzitutto non penso che l’abbassamento di prezzo porterebbe ad un maggiore consumo.
Io credo che ogni mamma desideri allattare il proprio bambino, e se non lo fa è perché ci sono alla base motivazioni reali. Non capricci!

I prezzi folli che ci sono adesso l’unica cosa che fanno è gravare sul bilancio, già magro, delle famiglie.

Va bene, invece, spiegare alle neo-mamme come si fa ad allattare, a capire il pianto, eccetera. Negli altri Paesi, in Inghilterra per esempio, ma anche in Germania, il sostegno alla neo-mamma nel post parto non è fantascienza, ma realtà!
E come ci ha anche raccontato Lui78 ci sono delle puericultrici che vanno addirittura a casa per assicurarsi che tutto proceda per il meglio.

E poi vogliamo parlare dei costi dei pannolini?

Tempo fa, durante un viaggio in Spagna, mi sono fermata al supermercato per comprare un pacco di pannolini. Ho preso la stessa marca che uso in Italia e l’ho pagato quasi la metà!
Esattamente: quasi la metà! Ero senza parole!
Se non avessi avuto problemi di spazio in valigia, vi assicuro che avrei fatto una scorta infinita!

Già la politica per le famiglie è quella che è, gli aiuti quelli che sono.

Speriamo che almeno questo esposto all’Antitrust porti a dei risultati concreti!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

64 risposte a “Il latte artificiale in Italia costa troppo? Il pediatra: “E’ giusto così”

  1. Questo pediatra è meglio che vada da uno psichiatra !
    Che sciocchezza tenere il prezzo alto per giustificare una presunta migliore salute generale…….
    Allora le sigarette dovrebbero costare 10000 euro al pacchetto e la benzina 20 euro al litro (meglio andare in bici).

  2. Ciao,io sono un papà.faccio un lavoro umile il fattorino!il mio stipendio è più o meno quello della maggior parte degli Italiani,è mai possibile che dobbiamo comprare il latte in polvere online all’estero perché costa meno?io non voglio sapere dove vivono i nostri politici.ma quanto dobbiamo aspettare noi genitori a queste imposizioni!è mai possibile che dobbiamo sempre fare quello che vogliono loro?La guerra dei poveri!!!

  3. @Valentina io,inaspettatamente,apprezzo la tua sincerità.Trovo orribile ciò che dici e come lo dici perchè abbiamo il DOVERE di crescere i figli al meglio,e non pensare solo a noi stesse.Ma sei onesta,a differenza di tre quarti delle donne che conosco che accampano mille scuse solo per riprendere la loro vita.
    Di quindici donne che conosco gravide più o meno nel mio stesso periodo,solo due hanno allattato.Una delle due ero ovviamente io.Problemi?Certo.La linea che non tornava,le cene,la libertà.
    Idem per Giulia.Però sei uno schiaffo per quelle donne che davvero hanno avuto gravi problemi;allattare non è l’unica cosa che fa crescere bene un figlio,ma è IMPORTANTE.Tu cosa ne sai,poi?Non hai rinunciato?E allora non puoi giudicare, non puoi sapere semplicemente perchè sei ignorante sull’argomento.
    “E mia figlia non si è mai ammalata,parla tredici lingue ed ha una laurea a 8 mesi”!Dai,sù,il solito discorso che con l’artificiale stanno bene e non si ammalano mai,tipico,risentito e FALSO!
    La mia stella ha dieci mesi,ancora allatto,di notte è dura ( infatti guardate a che ora scrivo 🙂 )…ma tutto questo finirà,ed io saprò di aver fatto piccoli sacrifici per un bene maggiore.E mi mancherà questo periodo di unione unica e irripetibile.
    Piena solidarietà e comprensione per le mamme che non hanno potuto allattare,come Silvi.Si sente il tuo dispiacere,ma non hai colpe!Un abbraccio!

  4. il perchè c’é…gurdate anche quanto costa lo stesso dentifricio in italia ed in germania…si chiama business e in italia ci sono le lobbies che in concerto con le leggi italiane, impediscono la libera concorrenza…tanto è un paese di gente che quando deve votare vota sempre in modo balordo e poi si ritrova in tali situazioni….quale paese al mondo ha avuto 2000 morti in dieci anni per criminalità organizzata? perchè nessuno dice nulla? perchè si fa finta di niente? perchè è business per chi governa….

  5. Pannolini alla Lydl, non puzzano di plastica come altri e assorbono tantissimo sono ottimi.Latte da schlecker (catena di negozi tedesca, in Friuli è presente non so poi nelle altre regioni). Il latte Humana arriva dalla Germania e costa poco. Scatola tedesca con etichetta italiana. 900 grammi 9 euro.

    ogni mamma fa quello che ritiene essere meglio per i propri bambini.

  6. Sono amammo di 2 bimbi, la seconda di 4 mesi 1/2 che allatto esclusivamente al seno e a richiesta e presto rientrerò al lavoro e quindi via di tiralatte in ufficio perché allattare è faticoso e io sono felice di fare fatica. Quindi allattamanto al seno esclusivo, pannolini lavabili e autosvezzamento e tutte questo mi fa solo sorridere!

  7. Ciao, anch’io consiglio il NEOLATTE è uno dei + economici assieme al NOVALAC. il mio tato l’ha preso da subito! Allattare o non allattare? La scelta DEVE essere della mamma, ho amiche che hanno rischiato la depressione per questa storia! Se la mamma sta bene allora sta bene anche il bimbo. I pro e contro ci sono in entrambe le scelte, ricordiamoci che è tutto soggettivo. Le mamme sono tutte brave sia che allattino al seno che non!!!

  8. Mi sono dimenticata di dirvi che volevo così tanto allattarla al seno che mentre le davo già quello artificiale ho tentato comunque per tantissimo tempo di attaccarla al seno perchè mi dicevamo che forse stimolando il capezzolo magari sarei riuscita………alla fine ho dovuto smettere perchè al posto del latte usciva il sangue e sono sicura che tante di voi sanno che non è una passeggiata 🙂

  9. Ciao Ragazze, ho letto un pò velocemente le varie affermazioni e da mamma che non ha potuto allattare (ho avuto grosse complicazioni dopo il parto e non sono scuse………) vi garantisco che (almeno nel mio caso) non è stato bello per vari motivi: il primo è, come giustamente ha detto SilviaFede, il latte Materno è in assoluto il Migliore, il secondo è che il contatto fisico con la tua bimba è ancora più elevato; terzo: visto che si è parlato di comodità, vi garantisco che specialmodo di notte e non solo una volta almeno nel mio caso scendere in cucina e preparare tutto il necessario non è così bello e comodo come si pensa, e vogliamo parlare del costo latte ???????? Bè se ci sono persone che posso permettersi “la scelta” posso solo dire beate loro. Ma in qualsiasi caso la mia sarebbe stata mille volte l’allattamento al seno.
    Sono perfettamente d’accordo con il Ministro Andrea Riccardi che vuole vederci chiaro. E per questo ha inviato un esposto all’Antitrust (chissà forse percè ci sono case Farmaceutiche e Società che vendono prodotti per la prima infanzia che ci marciano alla grande su queste cose) pensiamoci ………………………. Buona giornata a tutte voi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *