9 Nov

Tic nervosi nei bimbi, quando preoccuparsi? Parla il neuropsichiatra

Ammiccamenti, torsioni del collo, alzate di spalle, smorfie del viso ma anche il continuo raschiarsi la gola, tirare su col naso, sbuffare, grugnire e nei casi più complessi l’abitudine a ripetere parole fuori contesto e parolacce e a riproporre gli ultimi suoni sentiti o gli ultimi gesti osservati.

E’ così che, in generale, si manifestano i tic nervosi nei bambini, che si dividono nelle due grandi categorie di motori o vocali: si tratta di movimenti o espressioni involontarie, rapide e stereotipate, che una volta comparse terrorizzano i genitori.

Che si deve fare? Già tempo fa affrontammo questo argomento con l’aiuto della psicologa Amica, la dottoressa Francesca Santarelli.

Ora invece ascoltiamo il parere del professor Stefano Vicari, responsabile di Neuropsichiatria Infantile dell’ospedale pediatrico “Bambin Gesù” che dice: “Non sempre è il caso di preoccuparsi troppo. A volte, infatti, i disturbi sono temporanei e vanno via in pochi mesi, solo trascorso un anno è necessario che il piccolo sia curato da un neuropsichiatra infantile. A quel punto – chiarisce il professor Vicari – è bene spiegare al bambino esasperato dallo stress e preoccupato che cosa gli sta  accadendo, cercando di rassicurarlo il più possibile e di fargli seguire la terapia, che prevede la somministrazione di farmaci per il riequilibrio dei

neurotrasmettitori, cioè quelle sostanze che trasmettono le informazioni da un neurone all’altro”.
“Le terapie psicologiche da sole non servono a molto- spiega il professore- possono eventualmente fungere da supporto a quella neuropsichiatra”.

I tic nervosi hanno un’alta incidenza tra i bambini: circa il 20% ne soffre in modo transitorio e non necessita di essere curato mentre uno su cento soffre , invece, della sindrome di Tourette, che combina insieme i tic motori con quelli vocali.

La buona notizia, però, conclude il professor Vicari, è che “circa l’80% dei bambini con tic non li avrà più in età adulta con una regressione spontanea del disturbo”.

OkNotizie

« Torna alla home

La salute del bambino

154 Commenti a “Tic nervosi nei bimbi, quando preoccuparsi? Parla il neuropsichiatra”

  1. Andrea Scrive:

    salve sono Andrea,40 anni; io soffro da tanto ormai di questi disturbi e purtroppo devo dire che sono anni che faccio ricerche ma che che ne dica il prof. ,purtroppo la realtà è che nella maggior parte scompare in adolescenza e a pochi, tipo me,purtroppo rimane. Se posso aiutarvi in qualche modo,per esempio io nei periodi di stress maggiore e di preoccupazioni, sbatto gli occhi,o muovo la bocca o faccio dei suoni. Ho imparato poi nel tempo a controllare non avendo grossi problemi sociali. Quello che posso dire è che nessuno per ora ha una cura,vi posso consigliare di non riprenderli per questo; a me faceva più male se qualcuno me lo faceva notare e aumentavano.molto spesso ho notato che li hanno le persone iperattive, sensibili, che pensano tanto ed è quasi una energia repressa che vuole venir fuori. Lasciatemi esprimere, non obbligateli a frequentare attività sportive o altro che non vogliono frequentare, cercate di capire quando sono rilassato, quando corrono? Quando ballano? Quando cantano? E fateglielo fare anche come attività. Purtroppo non è sempre utile tutto ciò, ci sono casi seri di sindrome di tourrette che non è facile controllare ma sono più rari. Ho notato cmq che prima erano pochi,oggi invece sempre più bimbi li hanno. Ci sara’ forse qualche relazione con la vita di oggi e non so con cosa ma è strano. Mia figlia da tre giorni sbatte gli occhi, sarà ereditario? Purtroppo credo di si. Cmq amateliiiiii, non siate troppo protettivi, e dopo averglielo detto,non glielo fate notare sempre. In attesa di una vera cura . cmq osteopati , centri energetici roba innocua ,provare non costa nulla; psicofarmaci, se non veramente funzionali,io bo’ non lo farei .in bocca al lupo

  2. clementina Scrive:

    buonasera a tutti. il mio bimbo di 4 anni da oramai 7 mesi soffre di un tic vocale (tosse e singhiozzi)… vedo che siamo in tanti a dover affrontare queste situazioni. io le sto provando tutte: omeopatia psicomotricità e psicologo infantile… a volte sono davvero affranta.. spero passi, per lui che si spaventa e per me che mi sento impotente. dato che vedo tanti casi simili volevo sapere se a qualche vostro bimbo sono passati.. e come.. grazie per l aiuto.

  3. Pietro Scrive:

    A parte il fatto che non penso proprio sia questo per delle risposte pubbliche a tutte le persone che scrivono, l’articolo è generico e da una breve panoramica sulla cosa.

    Ma quello che veramente trovo non condivisibile è questa affermazione..
    “Le terapie psicologiche da sole non servono a molto- spiega il professore- possono eventualmente fungere da supporto a quella neuropsichiatra”
    Per carità…

  4. Luca Scrive:

    Buonasera, mia figlia di 8 anni è da circa un mese che a un tic tipo colpo di tosse contraendo la pancia, era già capitato anni fa con smorfie del naso, alzare le spalle, poi risolti da soli, ora che si accorge anche lei di questi tic, inizia a infastidirsi, vorrei capire cosa posso fare per aiutarla a farli passare.
    Grazie attendo vostre.

  5. lucia Scrive:

    mio figlio di 7 anni da un mese produce un suono conla bocca di continuo o quasi unisce le labbra e butta fuori l aria emanando un suono ,non sappiamo piu cosa fare ci dia un consiglio grazie

  6. fabrizio Scrive:

    buongiorno cerco una aiuto x mio figlio che a 15 anni ed dei tik sia vocale che di testa e spalle come posso aiutarlo se posso contattare un centro o qualche medico grazie.

  7. maria carmela Scrive:

    Buongiorno mio figlio di 7 anni da circa 11 mesi soffre di tic , torce il collo tossisce si gratta la gamba con il piede strizza gli occhi. Questi tic vanno e vengono e si accentuano durante fase di tensioni Ci hanno consigliato di fare una elettroencefalogramma e esami specifici dato che la mamma soffre di epilessia ed è sotto cura. Cosa ci consiglia di fare?

  8. Miriam Scrive:

    Salve, da circa un mese mia figlia di 7 anni, bambina molto tranquilla, manifesta diversi tic, come movimenti spastico con le dita delle mani, alza sopracciglia e spalle, sbatte talvolta piedi a terra come a fare una corsetta sul posto, fischia e si chiarisce la voce…il pediatra dice che sono movimenti fisiologici ma non di natura neurologica . Sono preoccupata…

Lascia un Commento