Tic nervosi nei bimbi, quando preoccuparsi? Parla il neuropsichiatra

Ammiccamenti, torsioni del collo, alzate di spalle, smorfie del viso ma anche il continuo raschiarsi la gola, tirare su col naso, sbuffare, grugnire e nei casi più complessi l’abitudine a ripetere parole fuori contesto e parolacce e a riproporre gli ultimi suoni sentiti o gli ultimi gesti osservati.

E’ così che, in generale, si manifestano i tic nervosi nei bambini, che si dividono nelle due grandi categorie di motori o vocali: si tratta di movimenti o espressioni involontarie, rapide e stereotipate, che una volta comparse terrorizzano i genitori.

Che si deve fare? Già tempo fa affrontammo questo argomento con l’aiuto della psicologa Amica, la dottoressa Francesca Santarelli.

Ora invece ascoltiamo il parere del professor Stefano Vicari, responsabile di Neuropsichiatria Infantile dell’ospedale pediatrico “Bambin Gesù” che dice: “Non sempre è il caso di preoccuparsi troppo. A volte, infatti, i disturbi sono temporanei e vanno via in pochi mesi, solo trascorso un anno è necessario che il piccolo sia curato da un neuropsichiatra infantile. A quel punto – chiarisce il professor Vicari – è bene spiegare al bambino esasperato dallo stress e preoccupato che cosa gli sta  accadendo, cercando di rassicurarlo il più possibile e di fargli seguire la terapia, che prevede la somministrazione di farmaci per il riequilibrio dei

neurotrasmettitori, cioè quelle sostanze che trasmettono le informazioni da un neurone all’altro”.
“Le terapie psicologiche da sole non servono a molto- spiega il professore- possono eventualmente fungere da supporto a quella neuropsichiatra”.

I tic nervosi hanno un’alta incidenza tra i bambini: circa il 20% ne soffre in modo transitorio e non necessita di essere curato mentre uno su cento soffre , invece, della sindrome di Tourette, che combina insieme i tic motori con quelli vocali.

La buona notizia, però, conclude il professor Vicari, è che “circa l’80% dei bambini con tic non li avrà più in età adulta con una regressione spontanea del disturbo”.

Share on Facebook0Share on Google+3Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

163 risposte a “Tic nervosi nei bimbi, quando preoccuparsi? Parla il neuropsichiatra

  1. Buonasera,mio figlio di quasi 8 anni è da parecchio tempo che sopratutto dopo i pasti tossisce,raschia la gola,tira su col naso,dalla visita otorinolaringoiatrica nn è risultato nulla,presumo sia un fattore nervoso,tanto più che da 5 mesi io e suo padre ci siamo separati,nn so che pensare.

  2. buona sera dottore ,mi scuso per l’ora ,o il mio figlio che da quando era piccolo bateva i piedini ,poi adesso a 4anni e 8 messi ,e de qualche messe che batte i piedi e dondola le mani .aiutatemi sono tanto preocupata ,che dire e come un ballo per mio piccino ..vi prego ,vorei tanto sapere perche sono tanto preocupata ..Grazie..

  3. Salve,sono preoccupata per mio figlio di quasi 6 anni.lo scorso gennaio dopo una febbre forte e una cura di antibiotico e ferro gli è venuto che mentre gioca o parla di continuo una specie di fiatone come se si affatica.È stato ricoverato per 3 giorni,gli hanno controllato il cuore ed è appostoDiagnosi: ansia.siamo stati dallo psicologo è mi ha detto che è tic e che ne aveva molti e probabilmente era dovuto al tablet che giocava e infatti glielo tolto.dopo circa un mese gli è passato.Nel mese di agosto gli è ritornato quando cammina deve fermarsi per buttare questo sospiro, gioca a palla e butta di continuo questo sospiro.aveva di nuovo ripreso il tablet e glielo ritolto ma non glielo do più questa volta.Qualcuno ha un’esperienza simile?io sono preoccupata perché sembra che gli manchi il respiro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *