In vacanza con i nonni

nonni

Oggi con la nostra psicologa, la dottoressa Francesca Santarelli, parliamo delle vacanze estive in compagnia dei nonni.

Devo essere sincera, ho fatto fatica a pubblicare questo articolo, perché so perfettamente che appena i miei genitori, nonché nonni dei miei figli lo leggeranno, mi tireranno le orecchie (visto che Marco e Luca sono ancora con me e non con loro!)

Che c’è di più bello per i bambini che trascorrere le vacanze insieme ai propri nonni? Vizi assicurati, nipoti super controllati, cibo ottimo e abbondante, gelati a volontà, regole in cantina!

Vedete per caso qualche “contro”? 🙂

Per i nonni e per i nipoti no, per i genitori ogni tanto… sì!

E allora ecco qualche utile consiglio per fare in modo che la vacanza con i nonni sia un periodo di serenità, gioia e relax per tutti!

“Se abbiamo avuto la fortuna di averli vicino, quando eravamo bambini, o se godiamo ancora della loro presenza, sappiamo che i nonni hanno un posto speciale nella nostra vita, così come noi siamo speciali per loro.

Per molti di noi i nonni rappresentano un punto di riferimento affettivo e anche una sorta di nido sicuro a cui tornare. Perché i nonni, liberi dalla responsabilità di essere genitori, possono godersi i nipoti ed essere una presenza di saggezza e serenità nella loro vita.

  • I nonni possono svolgere un ruolo importante di guida non giudicante per i bambini, trasmettere la storia familiare, essere consiglieri sereni e quasi sempre scanzonati compagni di giochi e grandi dispensatori di coccole.

Se abbiamo l’opportunità di trascorrere le vacanze insieme ai nonni o di mandare i bambini a fare un po’ di vacanze con loro, è certamente una straordinaria occasione per tutta la famiglia, con molti risvolti positivi. Per i bambini il tempo passato coi nonni sarà un ricordo da conservare per tutta la vita.

La presenza dei nonni:

. ci dà una mano nelle incombenze quotidiane
· ci permette di avere un po’ più’ di tempo per noi
· è un’occasione per raccontare le storie di famiglia
· è un’occasione per recuperare anche noi un po’ di coccole
· è un tempo sereno e positivo per i nostri figli

Ma affinché  la vacanza coi nonni sia positiva, è importante che il nostro rapporto con loro sia sereno e trasparente. Può capitare infatti che abbiamo motivi di tensione, incomprensioni o risentimenti, tanto nei confronti dei nostri genitori, tanto verso i genitori del nostro compagno/a.

  • Ma dobbiamo sforzarci di superare i conflitti o le diffidenze, per non privare i nostri figli di una presenza importantissima nella loro vita.

Qualche consiglio pratico può tornarci utile:

. Ricordiamoci di esprimere gratitudine nei confronti dei nonni

· Ricordiamoci di apprezzare quello che fanno con i nipoti. 

· Ricordiamoci di ringraziarli per quello che fanno per noi

· Parliamo con loro all’inizio della vacanza, in modo chiaro ma sereno, per stabilire una sintonia di comportamento educativo verso i bambini, in modo che non prendano abitudini difficili da gestire al ritorno (vale per l’alimentazione, per gli orari, per i giochi e per tutto il resto).

. Permettiamo ai nonni di ‘viziare’ un po’ i loro nipoti, senza entrare in competizione. Qualche volta ci capiterà di ricordare la nostra infanzia, ma cerchiamo di non rivangare e se proprio non riusciamo, cogliamo l’occasione per chiarirci con i nostri genitori o con i suoceri e superare vecchi risentimenti.

. Verifichiamo lo stato di salute dei nonni prima e durante la vacanza, mantenendo attenzione, ma discreta, per non farli stancare.

Rendiamoci disponibili ad ascoltare i loro consigli e i loro punti di vista, motivando le nostre scelte quando sono differenti, con rispetto.

Sdrammatizziamo e sorridiamo. La vacanza inizia da qui…”

 

Copertina-Mamme-No-Panic

Per appuntamenti  con la dottoressa Francesca Santarelli, o info, potete visitare il sito Internet del suo studio:  www.studiosantarellidecarolis.com 

Francesca Santarelli è in libreria con il libro “Mamme No Panic”, scritto a quattro mani con Giuliana Arena

 

 

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *