Zaino in spalle, si riparte: back to school!

scuola_bimba_1In questi giorni i cancelli di tutte le scuole d’Italia si stanno riaprendo. Maestre, educatrici, professori e bidelle sono pronti ad accogliere nuovamente tutti gli studenti, ossia i nostri figli.
Ma cosa possiamo fare per rendere questa esperienza serena e gioiosa? Come possiamo aiutare i nostri piccoli alunni ad andare a scuola con il sorriso e ad eliminare la parola “ansia” dal loro vocabolario?
Ci viene in soccorso la psicologa amica con tanti utili consigli.

Eccoli:

La ripresa dell’anno scolastico dopo la pausa estiva, porta alla luce aspetti emotivi intensi, che vanno dal polo positivo, della gioia del ritrovarsi e della curiosità di sperimentarsi in quello che sarà un nuovo percorso, al polo negativo, dell’ansia, dell’affanno, sin della confusione, nella foga di arrivare pronti al primo giorno tra i banchi di scuola.

Santarelli2014_piccolaLa scuola occupa un posto di rilievo nella vita dei bambini e delle famiglie, è luogo dove si riversano grandi aspettative e dove inevitabilmente si riversano anche ansie e timori.

E’ importante quindi saper gestire al meglio quest’onda emotiva per non trovarsi sopraffatti da un carico che rischia di disorientare, specie i più piccoli. Loro, i veri protagonisti della scena scolastica, vanno accompagnati e sostenuti amorevolmente sia dai genitori che dagli insegnanti; posto centrale va dato all’emergere delle loro emozioni, che, solo se adeguatamente contenute, comprese, potranno trasformarsi in positive e arricchenti.

I sentimenti che il ritorno all’attività scolastica provoca soprattutto nei bambini infatti, spesso è confuso: da un lato vi è un malessere al pensiero di sottostare a orari e compiti o dare inizio a qualcosa di sconosciuto, ma dall’altro vi è l’emozione nel rivedere i propri amici e compagni, e di affrontare una nuova esperienza. Le varie fasce d’età, nascondono cause e problemi diversi.

Lo stato emotivo che ritroviamo più spesso all’inizio di un nuovo cammino, proprio per l’incertezza che il nuovo e il cambiamento comportano, è proprio l’ansia o lo stress.

E’ necessario quindi che i genitori, in primis, e gli insegnanti poi, trovino il metodo giusto per rendere questo momento meno difficoltoso e far sì che lo studente, che sia un bambino o un’adolescente comprenda che si tratta di un passaggio da vivere al meglio.

In alcuni casi particolari, inoltre, rientrare a scuola, può trasformarsi in un vero e proprio incubo. Alcuni alunni, anche se in salute, possono andare incontro a diversi problemi sia fisici che mentali. L’ansia e la paura del tornare tra i banchi e affrontare la realtà scolastica, che molto spesso non è poi così semplice, crea uno stato di malessere generale, che non deve essere sottovalutato. Il problema, a volte, può essere facilmente risolto con il sostegno dei genitori, ma, altre volte ci può essere una situazione più complicata, ed è quindi opportuno rivolgersi a un esperto. La paura del rientro a scuola potrebbe non essere un problema dovuto alla personalità dell’alunno, ma il riflesso di situazioni più gravi: stress casalingo, problemi di apprendimento o situazioni di bullismo. Per questo motivo è fondamentale comprendere le motivazioni che si trovano alla base di questo rifiuto, e affrontarle con estrema serietà.

Facciamo però una differenziazione tra gli alunni della scuola d’infanzia e primaria da quelli un po’ più grandicelli che riprendono il percorso della secondario o addirittura della scuola di primo grado.

Nel primo caso, capita spesso che i genitori dei bambini che intraprendono per la prima volta il loro percorso scolastico, che sia all’infanzia o alla scuola primaria, vivano loro stessi in maniera ansiosa il distacco dai propri figli. I bambini captano questo malessere e lo vivono in modo ancora peggiore rispetto ai genitori, non comprendendo realmente le cause di queste sensazioni.

Occorre quindi parlare delle proprie emozioni da adulti, condividendole e lasciando spazio per ascoltare le aspettative, l’entusiasmo o il timore, che i bambini esprimeranno nei confronti della nuova esperienza che andranno a vivere; inoltre è anche necessario spiegare il più serenamente possibile, cosa realmente è  la scuola, mostrandogli, anche concretamente di cosa si tratta (ove possibile si potrebbe portare il bambino a visitare la nuova scuola, oppure organizzare incontri con i nuovi compagni, per favorire la socializzazione).

Con i bambini un po’ più grandi, che sanno già cosa significa affrontare un anno scolastico, è bene condividere i loro pensieri e le loro emozioni, cogliendo l’opportunità di dialogo, ad esempio effettuando l’acquisto del materiale scolastico insieme.

I sintomi che l’ansia, soprattutto nei bambini, può causare riguardano difficoltà nel dormire, incubi e disturbi comportamentali di vario genere. I più piccoli possono diventare irrequieti, e chiedere continuamente attenzione da parte dei genitori. Questi problemi possono durare anche per un po’ dopo l’inizio della scuola, ma, nel caso proseguano, è preferibile parlarne con gli insegnanti e consultare un esperto.

Nel caso invece delle scuole secondario o di primo grado, il cambiamento rappresenta una situazione complicata per molti alunni. Lo stesso vale per la particolare età in cui si svolge questa fase di transizione, dove l’ alunno da un lato ha voglia di essere autonomo, dall’ altro invece ha ancora esigenze tipiche dell’infanzia, che però tende a nascondere. La pressione sociale è notevole e non sempre il ragazzo è in grado di assorbirla.

Per i genitori riconoscere i problemi derivanti dal passaggio da un grado di scuola ad un altro, non è semplice, visto che solitamente in quest’età il ragazzo tende a non voler condividere le proprie esperienze con i genitori.

In tutti i casi, per aiutare nostro figlio ad affrontare al meglio questa ripresa, possiamo tener presenti questi suggerimenti:

1.Ripristinare un corretto ciclo “sonno-veglia”, quindi, già nei giorni precedenti la ripresa scolastica, mettere a letto i bambini mezz’ora prima, svegliandoli, allo stesso modo, mezz’ ora prima.

2.Adottare un atteggiamento che infonda entusiasmo nell’affrontare la ripresa scolastica: sottolineare ad esempio la gioia nel ritrovare i compagni, nel riprendere attività ludiche e piacevoli…

3.Incoraggiare i bambini verso l’ autonomia, sia nel vestirsi che nel nutrirsi, ad esempio.

4. Ove possibile, prevedere delle visite alla scuola, o nei dintorni, per rendere famigliare l’ ambiente al bambino, soprattutto se è la prima volta che entra a scuola.

5. Curare gli aspetti della socializzazione è importante per i bambini: utile è organizzare delle ri-unioni con i compagni, se il bambino frequentava già la scuola, oppure cercare di inserire il bambino nel gruppo, facendogli frequentare i luoghi di aggregazione (ad esempio oratori, pre-scuola, centri estivi…).

6. Per ridurre lo stress e l’ansia, è giusto organizzarsi la sera prima (anche durante l’anno), preparando, insieme al bambino, lo zaino e gli abiti; per il primo giorno è importante anche svegliarsi prima per non rischiare di fare tutto frettolosamente e quindi arrivare a scuola con l’ emozione del primo giorno e l’ansia di non “essere pronti”.

7. Soprattutto per il primo giorno è bene accompagnare i figli a scuola, lasciando scegliere, ai più grandicelli se questo è di loro gradimento, perché potrebbero aver voglia di dimostrarsi autonomi di fronte ai compagni.

8. Parlare apertamente dei propri stati d’animo, condividendoli con quelli dei bambini.

 

Buon anno scolastico a tutti!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Zaino in spalle, si riparte: back to school!

  1. ciao a tutte…………………
    ke dire…………….. io per fortuna non ho ansia da rientro … e devo dire nemmeno i miei bambini, anzi, ormai dopo tre mesi di vacanze … godute fino all’ultimo, hanno anche voglia di riprendere. riky soprattutto, lui ormai va in quarta …. ha una classe splendida e quindi ha voglia di tornare coi suoi amici.
    per federico è un nuovo inizio, si parte col la prima elementare. ammetto di essere molto emozionata …. ma nn in ansia, e nemmeno lui. come nn lo era riky qnd ha iniziato.
    io nn parlo molto dell’inizio della scuola, ok si sa ke si comincia …. da ieri sappiamo le maestre, conosciamo qualche compagno …. ma preferisco ke inizino un po’ ignari …. scoprendo di cosa si tratta giorno dopo giorno …. non ho mai detto “dovrai studiare, dovrai stare seduto, dovrai dovrai dovrai …. “, cavolo…. certo ke se no si mettono in ansia anche loro…..
    i miei sono entrambi sereni …. meno male ……… e vedremo, vivendo un po’ “alla giornata” … e con calma risolveremo gli eventuali problemi ke incontreremo 😉

    in bocca al lupo a tutte le mamme!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *