Il ciuccio? Sui bebè maschi inibisce le espressioni facciali

Nell’infinito e sempre verde dibattito sul “ciuccio sì” o “ciuccio no”, dall’America arriva un’altra motivazione a favore del “NO”. Secondo quanto emerso da una ricerca promossa dall’Università del Wisconsin e pubblicata sulla rivista ‘Basic and Applied Social Psychology’, il ricorso al ciuccio può avere conseguenze emotive sul bebè maschio impedendogli di sviluppare normali e complesse espressioni facciali durante l’infanzia.

Lo studio è il primo a considerare le conseguenze psicologiche dell’uso del ciuccio tra i neonati maschi dopo i suggerimenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di ridurre il ricorso al ciuccio per promuovere una più efficiente alimentazione al seno e prevenire i disturbi ai denti e le infezioni.

“I neonati apprendono dalle nostre espressioni facciali nella primissima fase della vita”, ha spiegato Paula Niedenthal, autrice dello studio. “Sono espressioni che provano a emulare per imparare a esprimere emozioni ed esigenze. Dai nostri dati – ha aggiunto – è emerso che il ciuccio interferisce sullo sviluppo naturale delle espressioni facciali, inibendo la possibilità dei bebè di adottare ed emulare smorfie per comunicare con gli altri. Un impedimento che reprime l’espressione normale delle emozioni”.

Che ne penso di questa ricerca?

Non sono un medico, ma sinceramente non ci credo tanto. E poi, perché nei maschi sì e nelle femmine no? E ancora: per inibire le espressioni i bimbi devono portare il ciuccio 24 ore al giorno. E chi lo tiene tanto?

Quando ho avuto Marco, le puericultrici dell’ospedale Mangiagalli, a tutte le neomamme hanno detto che il ciuccio non era una buona abitudine, che mandava in confusione il bambino e che, se proprio proprio volevamo darglielo, potevamo farlo dopo i 40 giorni di età.
Ho seguito il loro consiglio. In fondo, chi meglio di loro può sapere cosa è meglio per il neonato, ho pensato.

Esito: per i primi 40 giorni Marco mi ha massacrata. Usava il seno non solo per nutrirsi, ma anche per rilassarsi, coccolarsi. In pratica voleva stare sempre attaccato.
Dopo 40 giorni ho provato a dargli il ciuccio…ma l’ha sputato con una tale grazia! A circa un metro di distanza.
Ho pensato che non gli piacesse quel particolare modello, allora ho comprato il ciuccio in silicone, poi quello a ciliegina, quello tondo, quello schiacciato, quello colorato.
Una bella collezione.
Nulla! Ormai voleva solo la tetta. E fino ai 12 mesi ha usato il seno per addormentarsi la notte.

E con Luca?

Avrei dovuto aver imparato la lezione, vero?
E invece no. Sono stata recidiva.
In fondo, ho pensato, a parte la fase iniziale è andata bene! Non ho avuto il problema che hanno tutti, ossia quello di toglierlo a due anni.
Forse, però, non ricordavo bene la fatica.

E così anche Luca mi ha massacrata. Ma non fino a 12 mesi, ma fino a 20! Lui ha voluto la tetta per addormentarsi per quasi due anni.
Mio marito, da sempre favorevole al succhiotto, ha commentato: “E’ la giusta punizione!”

E a differenza di Marco, che almeno mangiava il latte nel biberon, Luca ha rifiutato pure quello.
Così la mattina, sin da piccolissimo, la colazione l’ha fatta con tazza e biscotti.
La sera relax con tetta!

Cosa farei adesso?

Tornassi indietro (perché di terzo non se ne parla!!), gli darei il ciuccio! I bebè si rilassano, stanno meglio e fanno vivere meglio pure le mamme!

E per i denti? Se il ciuccio viene messo da parte verso i 18 mesi, 2 anni… non ci sono assolutamente controindicazioni.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

15 risposte a “Il ciuccio? Sui bebè maschi inibisce le espressioni facciali

  1. che dire cara mamma medico? mia figlia non voleva il seno e mi ha fatto andare via il latte perchè la imbottivano di camomilla prima che io potessi allattarla… dicono di non dare ilciuccio con qualcosa di dolce sopra, ma ho visto con i miei occhi mettere sul ciuccio di alcuni bimbi al nido degli ospedali, la famosa pomatina per la candida o mughetto….

  2. scusate ma questo articolo mi ha fatto proprio arrabbiare. quando è nato il mio primo bambino anche io ho seguito scrupolosamente l’indicazione di non dare il ciuccio prima del primo mese, così l’inizio non è stato proprio idilliaco. ma con la piccola non “mi hanno fregato”. e non per l’esperienza precedente bensì perchè ho visto con i miei occhi la mia bimba con il ciuccio in bocca nel nido della Melloni. ciuccio tolto immediatamente appena si sono accorti della mia presenza. ovviamente non sono stata zitta, e mi è stato detto “sa altrimenti non possiamo parlare con le mamme”. appena dimessa ovviamente ne ho comprato uno. Non ha mai fatto confusione fra tetta ciuccio o biberon.

  3. i iei figli hanno preso il ciuccio da subito, anche se il più grande lo rifiutava perchè tutta la mano in bocca, TUTTA!!!!, gli piasceva di più, ma ho pensato che il ciuccio proma o poi sarei riuscita a toglierlo e la mano invece no!… il primo e la terza se lo son tolti da soli a circa 18 mesi, mentre per la grande ho faticato un po’, ma a 2 anni via il ciuccio, che tra l’altro tutti e tre prendevano solo per la nanna!

  4. @ge1977: hai ragione non credo dipenda solo dal ciuccio ma poprio dalla conformazione del palato. Anche io non chiudo perfettamente il morso, l’arcata superiore e’ leggermente piu’ avanti di quella inferiore ma non ho messo l’apparecchio. Oggi pero’ sono molto piu’ fiscali, pero’ abbaimo ancora tempo davati…ci penseremo piu’ in la’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *