Detersivo o caramelle di gelatina?

I colori sono invitanti, accesi, sempre più sgargianti: blu elettrico, verde acido. Al tatto sono morbide e gommose. Agli occhi dei bambini delle perle invitanti.
No, non sto parlando delle ultime caramelle in vendita nei supermercati, ma delle capsule di detersivo da inserire in lavatrice o in lavastoviglie.
In Gran Bretagna alcuni bimbi le hanno scambiate per caramelle, le hanno assaggiate finendo dritti dritti in ospedale.

Lo so che la polemica, soprattutto in Rete, è in voga già da tempo.
Ma ora ci sono stati dei casi veri: cinque bimbi sotto i due anni sono stati ricoverati al Royal Hospital for Sick Children di Glasgow (GB), per aver mangiato le capsule.

Così i medici britannici in una lettera pubblicata su ‘Archives of Disease in Childhood’ hanno lanciato un appello ai tutti i genitori affinché mettano questi prodotti in posti sicuri, in alto, o comunque lontani dalla possibile presa dei piccoli.

“I prodotti chimici alcalini nelle liquitab provocano un’ustione chimica immediata, causando problemi respiratori. Le conseguenze potrebbero anche essere fatali. E’ imperativo arrivare subito in ospedale. Nella maggior parte dei casi visti finora – spiega il team di Lyndsay Fraser – abbiamo dovuto inserire un tubo per proteggere le vie aeree del bambino e aiutarlo a respirare”. Ecco perché è fondamentale conservare questi prodotti in luoghi inaccessibili ai piccoli.

“Da tempo – dicono gli esperti al ‘Daily Mail’ – conoscevamo il rischio di lesioni agli occhi per i bimbi che strizzavano queste capsule per gioco, fino a romperle. Più di recente abbiamo visto che i bambini possono mordere queste compresse di detersivo liquido, forse perché pensano si tratti di gelatine: hanno la stessa consistenza e colorazione brillante”.

Questi medici britannici hanno puntato il dito soprattutto verso queste nuove capsule, ma la stessa cura e le stesse raccomandazioni valgono anche per gli altri detersivi e detergenti.

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

7 risposte a “Detersivo o caramelle di gelatina?

  1. Una mia cugina è rimasta sfigurata in questo modo da piccola. Era sparita, la mamma l’ha trovata in lavanderia, con la faccia sporca di polvere bianca, l’ha lavata con l’acqua, ma era soda caustica o peggio (non mi ricordo, è passato molto tempo), e l’ha ustionata. Il figlio della mia testimone invece ha mangiato il detersivo in polvere della lavastoviglie direttamente dalla vaschetta, mentre lei la stava caricando. Si era girata per 5 secondi! Insomma, bisogna avere 1000 occhi, e nemmeno quelli sono mai abbastanza…

  2. Sono certa che il primo pensiero di ogni genitore è fare in modo che ai propri figli non capiti mai niente. Una buona dose di fortuna poi, aiuta.

  3. io ho una bambina di 8 anni, e quando era piccola abitavamo in una casa piccola, i detersivi e detergenti di qualsiasi genere e tipo li ho sempre tenuti in posti che mia figlia non poteva arrivare., quindi fuori dalla sua portata. ho fatto in modo che a mia figlia non capitasse nulla.

  4. Ciao, io sono fortunata.
    La lavatrice è in box e i detersivi (liquidi) in alto. ma in cucina e in bagno non ho mai avuto problemi perchè Luca non mi apre le ante degli armadietti.
    quando era piccolo li chiudevo con un “catenaccio”, così come gli altri cassetti, ma visto che non li apre, non ho problemi. ci aveva provato ad aprire i cassetti della cucina, ma l’ho sgridato subito e lui sa che se ha bisogno di qualcosa deve chiedere (infatti ho sgridato mia suocera perchè gli faceva prendere i grissini da solo dal cassetto degli orrori e non mi andava). poi a volte sono stata io a dirgli di aprire il cassetto delle bavaglie, ma solo per prendere la bavaglia prima di mangiare.
    inoltre per la lavastoviglie uso le capsule ma sono impacchettate e non quelle in gelatina, quindi non ha nemmeno lo stimolo di metterle in bocca. è capitato che,mentre metto il detersivo nella lavastoviglie, mi chiedesse di fare lui, ma gli ho semplicemente spiegato che il detersivo lo mettono gli adulti, lui può chiudere la lavastoviglie o mettere le forchette, se proprio vuole aiutarmi e così fa.
    però come ripeto con Luca sono stata fortunata anche perchè non mi ha mai messo nemmeno le dita nelle prese, non si è mai arrampicato sui mobili come ho invece sentito dire da altri genitori e nemmeno si è avvicinato più di tanto al camino che ho in sala, le rare volte che l’ha fatto l’ho sgridato e dato una sculacciata sul pannolone per fargli capire di non farlo.

  5. il mio piccolo invece il giorno del suo primo compleanno ha deciso di provare le capsule del detersivo della lavatrice,appena messe in bocca l’ho visto ma era già troppo tardi.E’ iniziato subito il vomito e quindi subito in ospedale, dove è stato ricoverato per 3 giorni…ma per fortuna è andato tutto bene!!comunque da quel giorno non ho comprato più il detersivo a capsule.

  6. tengo sempre d’occhio i piccoli quando si avvicinano agli stipi dove ho il detersivo..non sis a perche sembrano essere cosi invitanti per loro… ma per fortuna non mi è mai capitato nula del genree…speriamo…

  7. Purtroppo è successo anche a me …. mio figlio che all’epoca aveva due anni ha preso la capsula della lavastoviglie per fortuna sono arrivata in tempo e non l’ha mangiata però ci è mancato davvero poco …. e comunque detersivi e medicinali in alto in luogo sicuro …..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *