I bambini non circoncisi sono più a rischio infezioni urinarie: sarà vero?

Scorrendo velocemente le infinite news delle agenzie di stampa, il mio occhio è stato rapito da questo titolo: “I bambini non circoncisi sono più a rischio infezioni urinarie”.
Avendo due maschietti, mi sono subito fermata a leggere anche il resto.

Possibile? Ma non era il contrario?

Ebbene, secondo un nuovo studio pubblicato su CMaj- Canadian Medical Association Journal, “i bambini non circoncisi sono a maggior rischio di infezioni del tratto urinario, indipendentemente dal fatto che l’uretra sia visibile o meno”.

“Le infezioni delle vie urinarie sono una delle più comuni infezioni batteriche gravi nei bambini e, se non trattate, possono causare un’infezione del sangue o ai reni.La nostra ricerca evidenzia che i bambini non circoncisi risultano maggiormente associabili a un aumentato rischio di infezione delle vie urinarie”, ha spiegato l’autrice Sasha Dubrovsky dell’Ospedale dei Bambini di Montreal del McGill University Health Centre.
“Dai nostri risultati -ha aggiunto- emerge che il rischio non aumenta in relazione al grado di visibilità dell’apertura uretrale ma che i ragazzi il con meato uretrale esposto sono più predisposti alle infezioni. Suggeriamo che i medici prendano in considerazione la circoncisione come parametro di rischio e non il grado di visibilità uretrale”.

Devo dire la verità? Non sono un medico, ma questa agenzia non mi ha minimamente convinta.
Ho chiamato una mia amica pediatra e mi ha confermato che le infezioni urinarie nei bimbi sono frequenti, ma spesso sono dovute ad una carenza di corretta igiene. Ed ha ha aggiunto: la circoncisione c’entra poco.
Insomma, la parola magica è igiene.
Dobbiamo essere noi genitori a pulire attentamente le parti intime dei piccoli. E non servono pratiche particolari. Basta dell’acqua e del detergente.

Sui metodi antichi di “forzare la natura” cercando di effettuare delle retrazioni prepuziali, si è detta assolutamente contraria. Spesso questi tentativi non solo possono causare dolori nei bimbi, ma anche danni, lacerando la pelle della cute e portando a delle cicatrizzazioni che possono diventare anche più forti di quelle preesistenti, naturali e fisiologiche.

Quindi che si fa?

Lei ci consiglia di non forzare la mano. Di pulire delicatamente “il pisellino” sollevando la pelle fin dove si può, fin dove arriva, senza insistere oltre. A fare il suo corso ci penserà la natura!
E la natura può anche impiegare del tempo prima di completare l’opera, anche 4 anni!

In fondo, ha concluso la mia amica, se l’organo maschile è stato fatto così un motivo ci sarà. E siccome funziona perfettamente, perché intervenire con il bisturi?

La stessa cosa, stesso concetto e stesse frasi mi furono dette anche dalla mia pediatra quando gli portai Marco per fargli controllare il suo “mostro come un occhio solo” (come lo chiama lui :)).
Mia madre mi allarmò con le sue storie dei tempi antichi. Noi facevamo questo, si prendeva così, si tirava colì, etc.
Per fortuna che non ho seguito i suoi preziosi consigli 😉
La pediatra mi disse che non c’era assolutamente bisogno. Che ogni bambino ha dei ritmi di crescita diversi in ogni cosa, anche nelle parti intime. E che la natura avrebbe fatto il suo corso.

Vi assicuro che l’ha fatto! Il ragazzino promette bene 🙂 🙂

Ha anche imparato a fare amicizia con “il mostro con un occhio solo” e ogni mattina, quando fa la doccia, lo saluta e gli cambia l’acqua 🙂

E con questo mi fermo… Meglio non spingersi oltre 😉

Ah!… Finora nessuna infezione urinaria. Incrociamo le dita per il futuro!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

26 risposte a “I bambini non circoncisi sono più a rischio infezioni urinarie: sarà vero?

  1. @calogero45: ma quando tua figlia porta tuo nipote dal pediatra non gli fa questo tipo di controllo? Di solito viene fatto gia’ dai 3 anni per verificare l’apertura e prima dell’intervento chirurgico oggi esistono delle pomate che aiutano l’apertura, pero’ va fatto tutto molto prima.
    Fossi in te insisterei con tua filgia per farlo visitare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *