11 lug

La famiglia più numerosa d’Italia? E’ veneta: ben 15 figli.

La famiglia più numerosa d’Italia? E’ veneta. Ben 15 figli.
L’ultima, Angelica, è arrivata da poche settimane. Il più grande, invece, ha solo 20 anni. Ed è l’unico maggiorenne.
In pratica sulla porta della loro villetta non è passato anno senza vedere un fiocco rosa o azzurro appeso.
E’ la storia di Walter e Cristina Scalco che insieme ai loro figli (nove maschi e sei femmine) vivono a San Giorgio in Bosco, nel padovano.

Walter, 47 anni, fa il falegname e trova il tempo, con la moglie Cristina, di seguire i suoi figli, anche se in casa i compiti sono ampiamente suddivisi, con i più grandi ad aiutare i più piccoli. Tutti si danno da fare e con tanta armonia, reciproco rispetto ma soprattutto – raccontano – con la consapevolezza dell’importanza della collaborazione.

Ad aiutarli anche l’abitazione, su più livelli, dove 17 persone in totale possono distribuirsi senza ”pestarsi troppo i piedi” dicono. La mamma, la prima ad alzarsi alla mattina, prepara le colazioni e poi dà il via al rito delle sveglie a seconda degli impegni dei suoi ragazzi e ragazze.

Il tutto con una collaborazione che ha permesso a Walter e Cristina di prendersi la piccola Angelica ed andare in vacanza per qualche giorno. Gli altri fratelli e sorelle sono rimasti invece a casa a badare l’uno all’altro ed in particolare al penultimo arrivato, un anno o poco più, al quale latte ed omogeneizzati vengono dati a turno da fratelli e sorelle maggiori.

“Una famiglia esemplare – racconta il sindaco Renato Roberto Miatello – che al Comune non ha mai chiesto nulla, solo fatto pervenire la richiesta di assegno di maternità, peraltro spettante di diritto”. Nessun giudizio sulla scelta di allargare ulteriormente la famiglia. “La loro è una libera scelta che si può condividere o meno – dice ancora il sindaco – ma io sono sempre contento quando nascono bambini in paese”.

Che dire: che coraggio! Io con due bambini sono già presissima. Con 15 penso impazzirei.
E’ come avere una squadra di rugby da accudire tutti i giorni.

Sono felici? Chissà. Bisognerebbe chiederlo ai figli. E’ vero che fanno di necessità virtù e che già da piccoli sono responsabili e si aiutano a vicenda.
Ma i piccoli devono essere già responsabili? Non è come negargli l’infanzia?
Non so.
Di sicuro non avranno tempo e modo di pensare ai vestiti di marca, alle scarpe con le luci e all’ultimo gioco dei Gormiti.
Non saranno viziati e straviziati come la maggior parte dei loro coetanei. Ma apprezzeranno di più il valore delle cose. E sapranno cosa significa davvero il verbo “condividere”…

Un in bocca al lupo a questa numerosa famiglia!

OkNotizie

« Torna alla home

Sportello famiglia

73 Commenti a “La famiglia più numerosa d’Italia? E’ veneta: ben 15 figli.”

  1. Stefania84 Scrive:

    Io credo si arrivi ad un punto in cui…come dire…sono cosi tanti che alla fine non è tutto sulle spalle della mamma ma per forza di cose i compiti DEVONO essere distribuiti e anche i figli capiscono che diversamente non si piò fare! Con due, tre bambini quasi tutto è sulle spalle della mamma ma…15…sarebbe davvero impensabile. Riflettevo su una cosa: non chiedono niente al comune…sarò venale ma la domanda me la sono posta: che lavoro fa il padre per mantenere tutti? perchè non credo la madre lavori dato che ogni anno circa partorisce e quindi tra gravidanza e maternità sarebbe sempre a casa…Ma ci pensate a dire al vostro marito:”Caro, stasera a cena abbiamo una coppia di amici, portano anche i loro figli” e ti vedi parcheggiare davanti casa praticamente un pullman e vedere una fila di gente che non finisce più scendere? :D

  2. Redazione (Maria) Scrive:

    @Stefania: il papà fa il falegname…

  3. mimi Scrive:

    Una cosa del genere succede in America, dove gli integralisti cattolici non usano contraccettivi né il controllo delle nascite (o meglio, è un compito che lasciano a Dio, quindi figuriamoci quanto funziona) e ci sono famiglie anche con 20 figli.

    I quali figli, a loro volta, come dici tu, diventano dei piccoli genitori surrogati – e lasciare i figli a casa senza controllo, con un solo maggiorenne, è abbandono di minore in Italia, altro che vacanze…
    Se succedeva qualcosa senti tu il tribunale dei minori…

    Personalmente 15 figli è da irresponsabili. Quanto guadagna il marito, 10.000 Euro al mese? L’assegno di maternità non credo sia così cospicuo e dopo un po’ finisce. In un’intervista il marito ha detto “Una famiglia numerosa è indubbiamente impegnativa sotto molti punti di vista, dalle normali faccende quotidiane, all’aspetto economico, ma esiste la Provvidenza che opera anche tramite una rete di persone amiche e noi affrontiamo serenamente la vita”.

    Eccerto, facciamo 15 figli che poi c’è la provvidenza che aiuta… I Promessi Sposi docet…

  4. rosella Scrive:

    se non chiedono contributi al comune e non gravano sulle spalle di nessuno, perchè no? Io credo sia il modo più efficace perchè i figli non perdano d vista ciò che realmente conta. Questi genitori meritano un monumento, io impazzirei…ho 3 figli di cui una disabile e sono sempre tra le curve…

  5. ge1977 Scrive:

    aiuto………………io morirei!!!! anch’io già con due faccio fatica…figuriamoci 15 ….
    giusto o non giusto??? non so…..secondo me non gli rovini l’infanzia ….. ma gli regali una famiglia bellissima…..!!! boh….ogni situazione ha i suoi pro e i suoi contro…..se sono felici…..bene….tanti in bocca al lupo!!!!!!!!!!

  6. vale82 Scrive:

    @allora…io non voglio essere o sembrare cattiva…ma io penso sempre che il troppo storpia…
    ormai i figli ci sono e va be’, poi quando ci sono sono una gioia. ma pensarci prima?
    se tutti facessimo cosi’?!
    se il papa’ fa il falegname, aiuti a qualcuno ne devono pur chiedere sai, parliamoci chiaro. enon lo trovo giusto.
    trovo piu’ giusto aiutare chi magari ne ha 2 o 3 e perde il lavoro o cose cosi’,.
    ma chi sceglie di farne 15, beh…
    e poi non trovo giusto che queste scelte ricadano sui figli, che debbano stare i ncasa a dare la pappaai piu’ piccoli, credo che i figli si possano responsabilizzare e rendere autonomi anche in altri modi.

  7. Stefania84 Scrive:

    @Maria: grazie per l’informazione! Chissà che allegria c’è in quella casa comunque! Ogni mese feste di compleanno e le riunioni di famiglia…che spettacolo!

  8. Valentina Scrive:

    Saranno catecumeni e riceveranno qualche aiuto in qualche altro modo. Mettetela come volete ma un falegname non può mantenere 14 persone (metti che quello di 20 lavora ed è indipendente).
    @vale82, io ho un caro amico e in famiglia sono in 13 di cui una con la sindrome di Dawn; succede proprio quello che dici tu: spesso i più piccoli venivano lasciati in balìa dei più grandi mentre loro uscivano e non l’ho mai trovato corretto, in particolare la sorella più grande mi ha detto “io ho fatto la mamma fino a 18 anni”..

  9. Charly Scrive:

    Solo due parole: Irresponsabili e Vergogna.

  10. elena Scrive:

    Alla fine anche così, a mio parere, è un atto di egoismo e non di amore, nei confronti di chi deve, forzatamente, accudire i fratelli senza aver avuto la possibilità di scegliere. Francamente la penso come vale82 il troppo è troppo

  11. Ilaria Scrive:

    Bè io ne ho solo 2 ma il “grande” di 3 anni e mezzo già ha i suoi compiti all’interno della casa come mettere i suoi vestiti sporchi nell’apposita cesta, mettere in ordine i suoi giochi a fine giornata e ricercare il ciucio del piccolo quando sparisce!!! e questo non toglie nulla alla spensieratezza della sua infanzia perchè anzi si sente grande e soddisfatto. 15 indubbiamente sono tanti ma per loro, cresciuti in quella realtà, la normalità è quella e non si annoieranno mai!

  12. Redazione (Maria) Scrive:

    @Charly: perchè sei stata così dura? Dire “vergogna” ad una famiglia numerosa, mi sembra un po’ eccessivo… Non ti pare? Ci sono altre cose di cui doversi vergognare su questa terra!

  13. Stefania84 Scrive:

    @Ilaria: è giusto responsabilizzare i figli, sin da piccoli. Quello che gli fai fare tu va benissimo, perchè prende coscienza del fatto che si sta meglio con l’ordine in casa e se lui ti aiuta poi tu magari hai anche 1 minuto in più per starci insieme. E poi dà valore alle cose in questo modo. Far fare da mamma e papà ai fratelloni, capisci anche tu, è molto di più e su questo concordo anche io sul “il troppo è troppo”. Responsabilizzare cosi tanto un ragazzo di 20 anni e giù di lì non so se è giusto. E’ ovvio che loro conoscono solo quella realtà e alla domanda “sei felice?” risponderanno di si. Come fanno a dire no? per loro la vita è quella, è bella cosi, non hanno conosciuto una seconda “modalità” se cosi possiamo chiamarla. Fare 15 figli è una scelta e hanno avuto sicuramente un gran coraggio. Questo è fuori dubbio.

  14. vale82 Scrive:

    @ilaria: un conto e’ responsabilizzare i figli, e stimolarli ad essere autonomi come dici tu, un conto e’ pretendre che si occupno dei piu’ piccoli al posto dei genitori. che con 15 figli deve per forza pretenderelo.
    anche mia figlia si lava e veste da sola, si apparecchia il suo posto a tavola, se vuole quando svuoto la lavastoviglie mette a posto le sue stoviglie, ma quando nascera’ sua sorella, non dovra’ farle da mamma, capisci cosa intendo? secondo me c’e’ differenza.

  15. vale82 Scrive:

    @valentina: infatti e’ quello che intendo, scommetti che poi i figli appena possono scappano, e faranno figli tardi e pochi?!

  16. ge1977 Scrive:

    criticare mi sembra eccessivo…..magari sono davvero felici!!!

    una mia collega è ottava e ultima, 4 fratelli e 4 gemelli …. ovviamente i grandi si sono un po’ occupati dei 4 gemelli, da quel ke so ogni fratello grande si occupava di un gemellino piccolo …. avranno fatto sacrifici …. ma sono tutti felici……..cresciuti bene ……….. ora ke sono grandi qnd si trovano tutti sono più di 20 …. ed è bellissimo…..
    chi può giudicare una situazione così??? allora si potrebbe criticare chi fa un figlio solo ke poi sarà appunto solo…..
    alla fine non credo ke facciamo male a nessuno….. magari saranno più felici di tanti bambini viziati e pieni di agi materiali…chi può saperlo?!?!?!?!?!?

  17. Matthew Scrive:

    Alla faccia della famiglia allargata! Forse non hanno la televisione eh eh… complimenti ai genitori coraggiosi

  18. Rosa77 Scrive:

    Ciao!! Per quanto riguarda il post di charly la penso come Maria, per quanto riguarda i compiti dati ai ragazzu credo sia giusto e poi quando si hanno più figli le cose vengono da se. Anche Asia da quando c’è Manuel ha più compiti e aiuta tanto! Anzi per me il suo aiuto é preziosissimo, ovviamente continua a fare anche la sua vita tra giochi, cartoni e coccole!

  19. Elaine Scrive:

    Io la trovo una bellissima notizia! Personalmente mai e poi mai riuscirei a “sopravvivere” a tale filiazione eheheh ma, se loro sono felici perchè permetterci di dargli contro?
    E’ vero che i più grandi passeranno parecchio tempo a prendersi cura dei più piccini ma..se la loro vita è così – e da sempre – non credo gli pesi terribilmente. Mio padre è il più giovane (ha 70 anni!) di 13 fratelli: è vero, erano altri tempi ma ancora oggi, nonostante qualcuno si sia purtroppo – ma c’est la vie – perso per strada – sono ancora tutti legatissimi e si supportano l’uno con l’altro come se fossero tutti una sorta di mamma e papà.
    Mio padre dice sempre che non si è mai sentito solo, anche quando ha perso i genitori. Buona vita a questa super famiglia!

  20. vale82 Scrive:

    rosa77: ma un conto e’ avere piu’ compiti, un cono e’ fargli da genitori!

  21. ciocco73 Scrive:

    io non riuscirei, come elaine, a sopravvivere… non sono d’accordo sul fatto di farne così tanti, ma solo x un discorso di futuro dei figli e delle cose che si può offrir loro, non parlo di beni materiali, ma di istruzione. con un solo stipendio e il grado di istruzione sempre maggiore che viene richiesta x trovare un lavoro (e l’università costa) trovo un po’ egoistico farne così tanti. si può essere una famiglia numerosa fermandosi anche a 4/5 o 6 figli!
    per quanto riguarda la responsabilità, credo che sia un po’ normale che ai figli maggiori venga richiesta. io ho 2 fratelli minori, il più piccolo ha 12 anni in meno e io mi sono sempre un po’ occupata di lui, come una seconda mamma (cambio pannolini e pulizia sederino compreso). mia mamma mi ha sempre chiesto di dargli un occhio se lei usciva a far la spesa, doveva fermarsi al lavoro, ecc. è normale in famiglia aiutarsi e anche occupandosi dei fratelli minori si diventa più responsabili e si capisce cosa significa occuparsi di qualcuno più “debole” di noi.
    credo che però con una famiglia così numerosa sia un atto egoistico, non si chiede un aiuto ai figli, ma li si obbliga e si conta, egoisticamente, proprio su quello.
    penso anch’io che qualche aiuto lo ricevano, come farebbero altrimenti con uno stipendio a pagare cibo e quaderni x tutti

  22. Elaine Scrive:

    @ciocco, credo che per le tasse x la scuola così come le tasse universitarie siano assolutamente agevolate per le famiglie numerose. Ho trovato questo:
    “(..) le famiglie numerose con almeno 4 figli possano adempiere al loro prezioso ruolo procreativo
    ed educativo, si dispone che si aggiunga alla possibilità di detrazione degli affitti universitari, la detrazione pro capite dei libri di testo e spese di cancelleria per un massimo di 80 euro per le scuole elementari, di 200 euro per le scuole medie, 400euro per le scuole medie superiori e 600 euro per l’università.” Tenendo conto che il reddito di questa famiglia non sarà da nababbo, presumo che abbiano praticamente tutto gratis o quasi!

  23. elena Scrive:

    quello che stupisce è la reazione negativa di alcuni lettori per una scelta di vita altrui..NESSUNO ha il diritto di condannare una famiglia che finalmente funge da esempio anche a chi non ha alcun impegno….purtroppo impera l’idea che l’IO debba sempre primeggiare….rimanete dove siete in compagnia del vostro piccolo IO….

  24. Elaine Scrive:

    @elena, anche io penso che nessuno debba giudicare le scelte di vita altrui, ma ognuno ha diritto di dire la sua: anche tu stai giudicando.
    Sono d’accordo se dici che sarebbe meglio esporre il proprio disappunto in maniera diciamo..più soft :-)

  25. Valentina Scrive:

    @vale82 io ho tre figli e tra qualche mese arriverà il quarto, sicuramente sono molto più abituati a darsi da fare e a autogestirsi però… Non vedo perchè dovrei chiedere a mio figlio quindicenne di fare da balia ai fratelli più piccoli quando dovrebbe uscire e viversi la propria vita, insomma, le scelte dei genitori non devono influenzare troppo la vita dei figli.
    @ciocco73 io parlo per il mio amico che di fratelli ne ha 10 , in totale in famiglia sono in 13 e sai come ha fatto per studiare? Si è impegnato e ha sempre ottenuto le borse di studio. Sai come ho fatto io pur avendo genitori che se lo potevano permettere? La stessa cosa. Però ci va una via di mezzo. Non credo che i genitori si debbano sacrificare per i figli privandosi di tutto però nemmeno il contrario (cioè figli che devono assecondare i genitori)

  26. Silviafede Scrive:

    @elena: addirittura parlare di famiglia esempio mi sembra eccessivo! Non esprimo un giudizio negativo sulla loro scelta, fare o meno filgi e quanti e’ una scelta talmente personale che nessuno puo’ giudicare, mi limito a dire che non la condivido. Il motivo e’ quello gia’ espresso da altre amiche, obbligare dei ragazzini a fare da genitori-sostituti per i fratelli piu’ piccoli non mi sembra una bella scelta, perche’ si fanno crescere troppo in fretta caricandoli di responsabilita’…magari qualcuno lo fara’ volentieri, ma immagino altri che darebbero chissa’ cosa per un po’ di tempo e spazio tutto per loro….
    Invece farsi aiutare in casa con piccoli compiti lo ritengo educativo e serve anche a rendere autonomi i nostri figli, ma c’e’ una bella differenza con questa situazione…

  27. Lui78 Scrive:

    @val82: scusa mi spieghi tutti questi “lavori da genitore” che ricadrebbero sulla testa di questi poveri ragazzi? La mamma si alza per prima la mattina e prepara la colazione per tutti (e credo faccia lo stesso con pranzo e cena di conseguenza) e il papa’ e’ l’unico che lavora. Forse dici perché si aiutano a vicenda coi compiti? O perché mettono in ordine la propria stanza o danno un’occhiata ai fratelli più piccoli mentre giocano e la mamma stira? Direi che sono cose che si fanno anche nelle famiglie con più di un figlio e la mamma che lavora.
    Li accuserei di negligenza se facessero i figli e poi li mandassero a lavorare a 10 anni come succede in tante parti del mondo. Danno loro una casa, amore, rispetto (che manca in tanti figli unici). Potremmo sentire i figli cosa ne pensano ma ho sempre notato che le lamentele verso i genitori aumentano con il diminuire del numero dei figli.
    Per il pesare sulla comunità, DOVE? Prendono quello che spetta di diritto a chiunque. Al massimo ci si può lamentare con lo Stato se la cosa non vi va. Non hanno nemmeno richiesto una casa popolare come spesso accade. Se poi qualche privato vuole dare loro pannolini o altro che problema c’e'? Mica vanno casa per casa a chiedere! E anche se andassero alla Caritas a prendere i vestiti di seconda mano (che spesso e volentieri sono nuovi perché certa gente cambia il guardaroba con le stagioni) per caso ne hanno più diritto i bambini africani di loro?
    Ah si beh c’e’ il rischio che i maschi da grandi si sappiano stirare una camicia e non lascino i calzini ingiro per casa … mondo crudele!

  28. Rosa77 Scrive:

    @vale82: hai ragione peró la vita a volte o le scelte portano ad avere dei ruoli non sempre appropriati, peró per questo non credo che vengano su dei ragazzi depressi o altro, anzi a volte dei”figli tristi” sono proprio quelli che hanno tutto. Per @Elena non so se sei genitore, ma credo che alcuni pensano non tanto sl proprio io ma più che altro alla funzione che dei fratelli devono fare da genitore.

  29. mimi Scrive:

    @Elena: io con il mio piccolo io ci sto benissimo, grazie.

    Nessuno qui ha condannato, da quando esprimere un parere negativo è condanna? Il mondo è bello perché è vario.

  30. LaTitti Scrive:

    Non mi sento di giudicare negativamente, è una scelta personale e fino a che non mi diranno che a quei figli manca davvero qsa di fondamentale – e non mi sembra sia così – non vedo perchè criticare. Certo, quei ragazzi avranno una vita fuori dall’ordinario, ma magari sarà in senso positivo e arricchente. Parlo anche per esperienza indiretta, perchè due famiglie a me vicine, di certo non miliardarie, hanno rispettivamente 5 e 8 figli. Bè, devo dire che sono tutti (dai 20 ai 7 anni) ragazzi sereni ed educati, abituati a sapere cosa davvero conta nella vita. Quando ho proposto alla bimba più piccola, allora di 6 anni, di venire qualche giorno al mare con me e mia figlia, lei mi ha risposto “solo se viene anche almeno uno dei miei fratelli, altrimenti poi mi viene la nostalgia”. Certo, gli estremi lasciano sempre un pò perplessi, ma credo che alla mia figlia unica un pò di sana abitudine alla condivisione farebbe bene.

  31. Mafalda Scrive:

    di solito chi muove critiche feroci e fa allusioni sarcastiche manifesta solo la sua profonda solitudine e quello che questa ha scavato in termini di cattiveria nella propria anima. Ne conosco molte di famiglie cosi, che lasciano fare a Dio e nonostante qualcuno dica che “figuriamoci come puo funzionare” vi assicuro che funziona….nn ho visto mai in queste famiglie la tristezza, lo squallore, la miseria endogena di tante altre…al contrario ho visto gioia, condivisione, allegria e soprattutto quella ilare aspettativa che solo la provvidenza Divina sa creare…percio cari tutti invece di inveire e giudicare io provo un grande senso di rispetto e un pochino pochino di invidia per chi riesce in questo modo a salvarsi e a non conformarsi alle schiavitù di questo tempo…

  32. vale82 Scrive:

    @elena: il problema e’ che secondo me l’IO ce l’hanno loro, che egositicamente impongono una vita che diciamocelo, pesante e’ pesante, anche come aspettative e pretese di aiuto, a tutti e 15 i figli.
    poi se vogliamo parlare sol odi amora, e’ un’altra cosa.nessuno questo lo mette in discussione.

  33. simonetta Scrive:

    Io ne ho sei e gli ultimi tre sono gemelli e a volte quando vado al lavoro e lascio i gemelli (che ora hanno quattro anni) ai fratelli mi sembra di obbligarli, specialmente in questo periodo con le scuole chiuse. Molto probabilmente non sono ancora in grado di gestire tutta la situazione ma quando rientro dal lavoro non sempre è tutto tranquilllo e allora come fa questa famiglia sembra quasi uno spot pubblicitario. Possibile che i ragazzi più grandi non risentano della situazione e non si sentono in parte privati della loro libertà?

  34. vale82 Scrive:

    @valentina: io la penso come te. e non capisco cosa ho detto di cattivo o brutto. non ho offeso nessuno, ho detto solo quello che io non trovo giusto. come dici tu tra autonomia e autogestione a sostituzione dei genitori c’e’ differenza secondo me.
    @lui78: ripeto che tra dare un’occhiata ai fratelli piu’ piccoli e riordinare la propria camera e invece “Gli altri fratelli e sorelle sono rimasti invece a casa a badare l’uno all’altro ed in particolare al penultimo arrivato, un anno o poco più, al quale latte ed omogeneizzati vengono dati a turno da fratelli e sorelle maggiori.”, tanto per dirne una, be’, ce ne passa.
    poi ripeto, non metto indubbio l’amore che hanno. ne’ i lfatto che sicuramente non saranno viziati ne ‘attaccati al futile.

  35. Jessi86 Scrive:

    Io credevo che una famiglia di 3/4 figli fosse numerosa, ma 15 sono davvero tanti, personalmente credo che ogniuno faccia ciò che ritiene opportuno ma questa donna?15 parti!!!!!!!!!!ha una soglia del dolore impressionante.Complimenti a questa famiglia.

  36. Laura Scrive:

    Non ho figli e chissà se mai ne avrò. Sarà per questo che forse un po’ li invidio?

  37. Lui78 Scrive:

    @vale82: intanto si parla di vacanza dei genitori ma che vacanza e’ con un neonato? A me sembra semplicemente dare un po’ di riposo alla mamma dopo il parto (e sappiamo che non e’ una passeggiata) e un po’ di tempo per la nuova arrivata per stare un po’ con mamma. Mica sono andati ad Ibiza a fare le notti in discoteca! Per i ragazzi a casa, non credo che sia il bimbo di 5 anni a dare gli omogeneizzati al fratellino bensi’ i ragazzi grandicelli (tipo dai 14 in su). Considerando che la scuola e’ finita non e’ che hanno molto altro da fare, a meno che non facciano qualche lavoretto estivo. Certo non avranno i soldi per andare in discoteca, per le sigarette, etc ma forse sotto questo punto di vista ci guadagnano in salute.
    Io personalmente non avrei fatto 15 figli, ma non giudico loro e soprattutto non considero a priori, solo in base ai miei standard, che i figli si trovino male.

  38. vale82 Scrive:

    @lui78: io non ho detto che i figli si trovano male, attenzione, io ho detto che IO, ripeto IO, non trovo giusto fargli fare da geniori ai piu’ piccoli, perche’ un conto e’ badare a se stessi, un conto e’ fare i genitori ai fratelli. non ho detto che si trovano male, ma che io non lo trovo giusto.tutto qua.

  39. LAURA Scrive:

    IO SONO LA 1° DI 5 FRATELLI, SIAMO SEMPRE STATI BENE, TUTTI DIPLOMATI(PERCHE’ NON ABBIAMO VOLUTO ANDARE AVANTI NEGLI STUDI), TUTTI A 18 ANNI LA LORO MACCHINA, DOMESTICA 8 ORE AL GIORNO E VESTITI NON RICICLATI. COSI’ E’ VITA NORMALE; SE DEVI SVEGLIARTI PER PRIMO PER POTERTI VESTIRE, SE DEVI FARE ECONOMIA IN TUTTO E LA BABY SITTER AI FRATELLI PIU’ PICCOLI NON SO SE E’ AMORE O EGOISMO

  40. Ele69 Scrive:

    @lui78: condivido le tue opinioni. Inoltre, metto sul piatto opposto della bilancia quello che definisco “l’egoismo” del fare un solo figlio. Notare che io ho una figlia di 20 anni, quindi per prima ammetto di essere stata egoista. Mio padre è stato figlio unico di due genitori a lungo malati, nel tempo si è sentito molto solo nel doverli accudire, non ha avuto nessun fratello che consolasse il suo dolore o condividesse il cordoglio della perdita. Secondo la mia opinione, una famiglia numerosa condivide le gioie ma sdrammatizza i dolori, stempera le sconfitte e valorizza le conquiste, insomma non ci vedo nulla di male. C’è molto, ma molto di peggio, in giro di questi giorni…

  41. lisa Scrive:

    ma invece di criticare sta famiglia prendimao ad esempio gli insegnamenti che danno hai loro figli, cioè non basarsi solo sulle apparenze comele scarpe ftìirmate. il tel di ulimta generazione ( tante volte già a 9 anni , che poi che se ne fa un bambini di 9 anni ancira non si sa), ecc , ci sono bambini delle medie se non le elementari che x loro è normale clessificare i loro comapagni da come sono vestiti e tante volte anche prendendoli in giro. sicuramente non ci sono nati così st…..tti, ma molto probabilmente dipende da chi ti cresce.quindi impariamo da questi genitori che si hanno fatto 25 figli ma sicuramte insegandogli amore affetto e il reale valore della vita, e giusto pe la cronaca insegnargli le responsabilità da piccoli non significa negargli l’infanzia , l’importante è rimepirli swempre di affetto e amore incondizionato ogni istante della loro vita.

  42. Paola Scrive:

    Ciao,leggo tutti i giorni il blog,ma non ho mai scritto, sono mamma di 2 bimbi,io sono la 4di 6 figli e posso assicurarvi che la famiglia numerosa e’veramte una bella esperienza,anche noi non avevamo molto,ma non ci e’mai mancato nulla e soprattutto l’affetto da parte dei genitori e tra di noi.I nostri genitori hanno fatto un bel lavoro.Spesso ho sentito frasi molto brutte tipo “mettono al mondo i figli come i conigli”e non e’molto piacevole.Per quanto riguarda il discorso responsabilita’,io sono cresciuta con il senso di responsabilita’ nei confronti delle mie sorelle ma anche di aiuto che ,ora che siamo adulte e’diventato darsi una mano con i figli,e’avere comunque qualcuno che non ti giudica che ti ascolta che e’disponibile se hai bisogno,senza di loro sarei persa.Come mamma spero di dare ai miei figli quello che ho ricevuto a livello affettivo che non e’paragonabile a niente di materiale.Le feste soprattutto il Natale sono la cosa più bella.Ora mia mamma e’la felice nonna di 9 nipoti di eta’variabile che va dai 18 ai 3anni.Anche io mi sono diplomata a 16 anni studiavo e di pomeriggio un giorno si e uno no facevo la baby sitter.

  43. PIPPO Scrive:

    povera mamma. Chissà se è sempre stata d’accordo.
    Concordo forse a volte era meglio la televisione.
    Il babbo dovrebbe fare, almeno qualche volte, il falegname.

  44. Redazione (Maria) Scrive:

    @Paola: innanzitutto benvenuta, poi… una curiosità: quanti figli siete?

  45. Barbara Scrive:

    L’importante e’ che se li mantengano tutti senza sussidi economici da parte del Comune senno’ e’ un po’ comodo fare figli perché te li mantenga qualcun altro…..

  46. Micki Scrive:

    Ciao, anch’io non sono d’accordo con chi critica questa famiglia.
    Io invidio chi ha la forza di costruire questa famiglie numerose e non penso assolutamente che a questi bambini o ragazzi manchi qualcosa. E’ vero servono soldi perchè l’amore non fa mangiare, ma non penso che i bimbi che hanno tutte le cose materiali che desiderano siano più felici.
    Noi siamo solo in 2 ma quante volte ho chiesto a mamma di farci un altro fratellino o sorellina. Mia zia ha 8 figli maschi e non sapete quanto bene si sta in quella casa e quanto amore c’è, loro vanno d’accordissimo e li invidio tantissimo! Di sicuro non hanno avuto quello che ho avuto io ma non mi hanno mai dato l’impressione di essere infelici o insoddisfatti.

  47. Valentina Scrive:

    @vale82 credo tu non abbia detto nulla di così platealmente offensivo, solo espresso un pò di senso della realtà con cui mi trovo pienamente d’accordo.

  48. Silviafede Scrive:

    @vale82: anch’io concordo in pieno con te….come sempre d’altronde!!!!

  49. ge1977 Scrive:

    io credo ke sia una bella famiglia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  50. Laurel Scrive:

    Anch’io credo che sia una bella famiglia. Credo inoltre che non si mettano al mondo dei figli per fargli fare la vita da nababbi, ma per insegnare loro il rispetto reciproco, la condivisione, l’impegno nel realizzarsi, la sopportazione del dolore e il superamento delle sconfitte, insomma gli strumenti necessari per crescere un individuo capace di stare bene in questo mondo. L’aiutarsi a vicenda non mi sembra privare un bimbo o ragazzo della propria infanzia o gioventù, anzi forse capirà che non tutto gli è sempre dovuto. La Provvidenza esiste solo se noi abbandoniamo il nostro egoismo e ci guardiamo attorno dando agli altri un po’ di noi. Io la penso così!

  51. Piero Quartuccio Scrive:

    Complimenti alla Super Famiglia. Ho letto molti commenti e alcuni sono veramente vergognosi. Chi siete per giudicare. Se voi aveste avuto qualche malformità e i vostri genitori si prendevano cura di voi, magari figli unici, sarebbe stato normale . Perchè avere 4 o 15 figli è sinonimo di irresponsabilità e addirittura vergogna ? Sapete che l’aborto in Italia è sostenuto economicamente dallo ”Stato” ?
    Un figlio invece è considerato un bene di lusso. Prendersi cura di 15 gatti o 15 cani è lecito anzi quella persona verrebbe elogiata e addirittura premiata per il suo impegno nei confronti degli animali. Avere 15 figli è un gesto irresponsabile ? Vi rendete conto di dove siamo arrivati. Vergognatevi e contate fino a 15 adesso prima di parlare e, a sproposito. Dite di essere cattolici ? Ognuno di noi merita quello che ha. Questa Famiglia è ricca di amore, solidarietà, pietà e misericordia. Quello che proprio manca a moltissime persone. Dio benedica questa Famiglia. Un padre di soli 4 Figli.

  52. vale82 Scrive:

    @Pietro: capirai che da 4 a 15 c’e’ una bella, grande,a nzi enorme differenza?! e’ quasi il quadruplo.

  53. mimi Scrive:

    @ Piero Quartuccio: uff, ma perché se uno esprime un parere negativo su qualsiasi cosa bisogna sempre litigare?
    Io non capisco.

    Personalmente ritengo che 15 figli sia da irresponsabili, ma non ho ammazzato nessuno per dirlo.
    Quindi non vedo perché mi si debba disprezzare solo perché ho un’idea diversa dalla tua.

    Ancora nel mondo libero un parere negativo si può dare – siamo in democrazia, giusto? Giusto.

    Basta con il politicamente corretto. Personalmente sono stata battezzata ma non sono praticante, né mi interessa dire di essere cattolica.

    15 figli per me sono troppi. Loro li hanno voluti? Prego, facessero pure.
    Ma come loro hanno il diritto di farne anche 75, di figli, io ho il diritto di dire che secondo me sono irresponsabili senza che arrivi il moralista di turno a lanciare anatemi…

  54. Silviafede Scrive:

    @mimi: non voglio essere polemica, ma quando si trattano certi argomenti la morale cattolica arriva puntuale come il Natale a dicembre….e per morale non intendo l’esprimere un parere favorevole su chi fa 15 figli, diritto sacrosanto, ma quel fare prediche ad ogni costo sul fatto che non si deve giudicare, che bisogna amare la famiglia, che non bisogna essere attaccati ai beno materiali come i giovani di oggi, ecc
    Penso come te che ognuno sia libero di esprimere il proprio parere e di prendere a modello chi vuole, anche per me questa famiglia non e’ un modello ed io non seguirei mai il loro esempio e non per questo mi sento immorale o superficiale…

  55. mimi Scrive:

    @Silviafede: assolutamente d’accordo. E’ che secondo me si confonde l’opinione personale con il giudizio.

    Basta che uno non sia d’accordo con chi legge ed ecco che “tu giudichi”.
    No, io “do’ un’opinione”, è diverso!

  56. Silviafede Scrive:

    @mimi: e poi anche se si trattasse di giudicare, ovvero di esprimere un giudizio, che male c’e'? Discutendo di un argomento e’ normale esprimere un giudizio (o opinione che dir si voglia)personale,ovvero dire cio’ che si pensa liberamente, in questo caso condividere o meno la scelta fatta da questa coppia. A questo serve questo blog a scambiarsi idee e opinioni sugli argomenti proposti, poi se qualcuno offende e’ un’altra cosa, ma mi sembra che a parte un commento un po’ duro tutti noi abbiamo espresso educatamente cio’ che pensiamo, portando le nostre motivazioni e nessuno si e’ permesso di dire quei genitori sono matti o sono da interdire…per cui lunga vita alla liberta’ d’opinione!

  57. ciocco73 Scrive:

    @silviafede/mimi: concordo pienamente con voi. ognuno è libero di fare ciò che vuole, da un solo figlio a due a 4 o a 15 e ognuno è libero di considerare non personalmente corretta la scelta altrui. come si dice? OGNI TESTA UN PICCOLO MONDO. l’importante è che marito e moglie siano d’accordo… io personalmente x ora ho solo Luca, ne vorremmo un altro (vista l’età non credo che incrementerò di molto la famiglia), ma mio marito e io non vorremmo mai che i ns figli crescano con problemi economici (siamo egoisti? va bene accetto il giudizio di chi potrebbe pensarlo) ma sfido chiunque a non cercare il meglio x i ns cuccioli. dell’amore che potremmo dar loro non abbiamo dubbi, ma vogliamo anche avere la certezza che abbiano un futuro e al giorno d’oggi purtroppo l’istruzione costa. sono poi anche quella che vuole responsabilizzare il proprio figlio (o in un futuro figli) chiedendo di non fare il fannullone, di studiare (xchè quello sarà il suo “lavoro”), a risparmiare xchè lavorare e guadagnare è fatica e sicuramente quando sarà abbastanza grande anche che se desidera qualcosa se la deve guadagnare (anche andando a fare lavoretti nel week-end e/o d’estate).
    penso che 15 figli siano troppi, che i figli più grandi, saranno pure sereni e felici, ma che non hanno potuto scegliere…
    sono x qualcuno egoista e non veramente cattolica… problemi suoi, io sono in pace con la mia coscienza, non insulto nessuno e sono tranquilla.
    a volte penso che chi si sente “offeso” giudica più di altri…

  58. Lui78 Scrive:

    Primo: quante volte vi siete sentite dire “che irresponsabile, non hai ancora fatto un figlio alla tua eta’?” oppure “hai fatto solo 1 o 2 figli? E’ colpa delle donne italiane che fanno pochi figli se l’Italia va in rovina” e vi siete incavolate??? Eppure siete le prime a dare degli irresponsabili agli altri. Manco li avessero abbandonati in un cassonetto! Manco avessero bussato alla vostra porta per chiedervi qualcosa! Io li accuserei se usassero i loro figli per guadagnarci qualcosa, invece loro nemmeno un reality. Pensate a quella mamma che ama tutti i suoi figli (noi vediamo il numero 15 ma lei li conosce uno per uno), che come voi si alza per prima la mattina per preparare la colazione, che sarà anche aiutata dai più grandi ma che certamente fa i salti mortali, pensate se leggesse la parola “irresponsabile” (questa parola scusate ma non e’ una opinione. E’ un giudizio bello e buono!). Che vi ha fatto di male??? Non vi ha tolto nulla, non vi ha detto che siete voi/noi irresponsabili perché fate pochi figli. In famiglia siamo solo 2 sorelle e mia sorella mi ha fatto un po’ da mamma perché i miei genitori lavoravano parecchio. Io ho imparato presto a cucinare e sistemare la mia camera. Mia sorella che mi controllava i compiti ha un affetto speciale per me ed io le voglio ancora più bene per quello che ha fatto per me quando ero piccola. Non siamo venute su male anche se non siamo andate in discoteca, in settimana bianca, 1 mese al mare, e via dicendo.

    Secondo: basta ogni volta dire “ecco sono cattolici” … dai non siamo in Africa. Ci sono medici con 6-9 figli, mica sono accecati dalla cultura cattolica. Semplicemente amano avere figli. Che fastidio vi danno?
    Per tutto il resto per cui sarebbe colpa della Chiesa (unioni di fatto, gay, etc) guardate che basta raccogliere le firme e fare un referendum. Ah no e’ più facile incolpare la Chiesa di tutto. Se poi la legge sulle unioni di fatto va male a chi diamo la colpa? Dobbiamo trovare un altro capo espiatorio!

    Terzo: un dato oggettivo ed un po’ egoistico. Se mia nonna si fosse fermata a 2 figli io oggi non ci sarei. Grazie nonna!

  59. Lui78 Scrive:

    @Maria posso stemperare gli animi con un argomento che non c’entra con l’articolo? E’ che sono troppo entusiasta, domani vado a fare il corso di baby signing. Forse qualche mamma del forum l’ha gia’ fatto. E’ che non vedo l’ora di comunicare con Leonardo ancor prima che lui sappia parlare. Tutti me ne parlano un gran bene, che crea meno frustrazioni nei bimbi, che sviluppa la comunicazione e che i bimbi imparano prima a parlare. Non so, vedremo. Certo che, come detto, la cosa mi entusiasma parecchio.

  60. vale82 Scrive:

    @lui78: 1-io non capisco perche’ devi prendertela tanto. abbiamo detto una nostra opinione, possibile che uno possa esprimere un’opinione solo se e’ d’accordo, in questo caso con la famiglia di 17 persone, altrimenti deve tacere perche’ diventa egoista ecc…?
    2- il primo a tirare fuori i cattolici e’ stato proprio Piero, che la famiglia in questione la difende. e inoltre ha usato termini pesanti, tipo vergonatevi. vergognarmi di non pensarla come voi? no, io non mi vergogno di avere una MIA opinione, oltretutto io non ho offeso nessuno, non ho detto a nessuno di vergognarsi, tantomeno alla famiglia in questione. che certi leggi non ci siano in Italia si sa che e’ perche’ c’e’ il Vaticano, ci sono accordi politici col vaticano, che volenti o nolenti entra anche nella vita sociale e politica di quello che dovrebbe essere uno stato laico. le leggi non ci sono perche’ i politici non le fanno, e non le fanno per rispetto di un’istituzione che e’ appunto il Vaticano. non bendiamoci gli occhi dai.
    3- se cosi’ tanta gente difende questa famiglia, dice che si puo’ vivere senza beni materiale, solo con tanto amore, e con la divina provvidenza, eccc…perche’ tutti fanno al max 4 figli? altora tutto voi dovreste farne almeno 10. ripeto 4 e’ un conto, 15 e’ ben altro conto.
    io stessa, che non condivido le loro scelte, se potessi un domani adotteterei 2 bambini, 2 miei mi sembrano sufficienti, ci sono tanti bambini bisognosi, che due li adotterei volentieri, anzi e’ il mio sogno. questo per dirti che sicuramente una famiglia con 4 figli sarebbe comunque numerosa, anche se 2 sono adottatti e 2 naturali, ma certo lo farei con ben altre possibilita’ economiche, affinche’ le mie scelte non incidano in maniera negative sul futuro che posso offrire ai miei figli.
    setto questo, ognuno puo’ fare quel che vuole, ma chi ha offesso qua non siamo noi.

  61. mimi Scrive:

    @ Lui78

    Primo: non ho figli e nessuno mi ha detto che sono un’irresponsabile perché oh-mio-Dio-ho-33-anni-e-sono-senza-figli. Se qualcuno me lo dicesse gli scoppierei a ridere in faccia.

    Secondo: “è un’irresponsabile” è un’opinione personale. Specialmente se preceduta dall’espressione “Secondo me” e simili.

    Terzo: Io sono qui anche se mia nonna, che aveva una marea di fratelli e sorelle, ha avuto solo mia madre e mia zia, pensa tu.

  62. POLDO92 Scrive:

    Un applauso a questa super famiglia.
    Forse dovrei farmi spiegare come fanno in 17 a far tornare i conti a fine mese perché noi in tre con solo il mio stipendio, visto che mi marito è disoccupato, alla fine del mese ci arriviamo stringendo i denti e non solo quelli.
    Vorrei anche farmi spiegare come fa questa supermamma a seguire 15 figli con esigenze diverse tra loro tra un biberon, un pannolino ed una crisi adolescenziale.
    Quando ha il tempo di parlare e coccolare i suoi figli?
    Quando ha tempo di vivere lei stessa?
    Permettetemi di dire che avere 15 figli fa si che non crescano viziati e materialisti mi pare un po’ riduttivo, se sei una persona coerente e decidi di crescere dei figli (non partorirli e mollarli al loro destino) crescono “sani” anche senza farne 50.
    Io cmq sento sempre e solo il parere dei genitori ai figli nessuno chiede nulla perché sarà pur vero che loro sono cresciuti così ma nn vivono su un monte senza contatti col mondo esterno.
    Ricordo che in un programma televisivo una conduttrice ha avuto la malsana idea di far parlare la figlia di una famiglia di 10/12 figli una ventenne che, a detta dei genitori avrebbe dovuto essere felice e gaia in questa famigliola. Alla domanda pensi di avere anche tu una famiglia come la tua un giorno ha risposto con una determinazione pazzesca: “Ho fatto la mamma da quando mi ricordo…. Direi proprio che ho già dato”
    Probabilmente cmq sbaglierò io che con una sola figlia non mi sembra di avere mai tempo per nulla magari lei suddividendo le 24 h su 15 figli riesce qualitativamente a dedicare loro il tempo che gli occorre

  63. Lui78 Scrive:

    @vale82: onestamente da cristiana non condivido chi dice che un buon cristiano dovrebbe fare tanti figli (per quel che ne so io Gesu’ parlava di amare i propri figli non di fare il “ce l’ho ce l’ho … mi manca”). Secondo me e’ semplicemente una scelta fare X figli che prescinde dalla fede. Ecco perche’ chiedo a tutti (scusa se ho citato solo te prima) di non tirare in ballo la religione perche’ mi sembra fuori luogo. Allora anche gli ebrei, i mussulmani, gli indu hanno la stessa logica. Perfino secondo la scienza si dovrebbero fare tanti figli. Io rispetto l’opionione di tutti, io per prima direi che non ne farei mai 15 perche’ semplicemente non ce la farei ma se loro ne vogliono fare 20 basta che gli diano tanto amore e per me va benissimo. Mi innervosisco pero’ quando cercano di far passare un giudizio per una opinione. Basta dire “io non condivido”, “io non lo farei”. Dare loro dei depravatii, degli schiavisti che tolgono la giovinezza ai propri figli mi sembra assurdo.
    @Mimi mi dispiace ma “secondo me” non trasforma un giudizio in una opinione. Trovo offensivo dare ad una pesona dell’irresponsabile. Dove e’ la sacrosanta LIBERTA’ di questa famiglia di fare figli senza sentirsi dire “irresponsabili”??? Allora io posso dire qualsiasi cosa contro tutti basta che dico “secondo me”?????? Oggi me la prendo contro quelli nati al di sotto del Po, domani quelli che parlano una sola lingua … poi quelli che non hanno fatto l’universita’ … quelle che aspettano un messaggino dal moroso che non scrive e poi si credono tanto indipendenti … tutto “secondo me” e nessuno se ne abbia a male! Ma scherziamo, dove e’ il RISPETTO per le altre persone??????

  64. Paola Scrive:

    CIao Maria grazie per il benvenuto ,la mia fam d’origine e’ composta da 6 figli 5femmine e un maschio ,io sono la quarta.Io parlo per me non e’stata così dura forse i tempi erano diversi ,ripeto i miei con noi hanno fatto un bel lavoro ,non credo di aver avuto meno degli altri.Io sono riuscita a fare solo 2figli ma ho iniziato tardi……

  65. mimi Scrive:

    @ Lui78: e dov’è la sacrosanta libertà di dire che secondo me è da irresponsabili?

    Il politicamente corretto è arrivato dappertutto eh.

    Ma un conto è dire “tutti i meridionali sono pezzenti” e un conto è dire, che so “io con i meridionali non ci vado d’accordo”.

    Opinione personale sulla base di esperienza.

    Questa famiglia è stata, ed è, liberissima di ripopolare il paese con 15 figli.
    E io ho la sacrosanta libertà di dire che secondo me è da irresponsabili.

    Il politicamente corretto secondo me sta privando la gente della libertà di pensiero e di parola, certe volte…

  66. Lui78 Scrive:

    @mimi: certo che hai la liberta’ di dire la tua ma non capisco perche’ dare loro addirittura degli irresponsabili. Si amano da piu’ di 20 anni, hanno costruito una casa senza chiedere la casa popolare. Dici che i figli sono soggetti a sacrifici e a dover fare da genitori ai piu’ piccoli, ma come mai il piu’ grande non e’ ancora uscito di casa se si trova cosi’male? Se e’ un inferno perche’ non si e’ preso una stanza in un appartamento con altri? Avessero messo al mondo i figli e poi li avessero abbandonati, chiedessero casa al comune, li trascinassero in tv o un reality potrei essere d’accordo con te che un po’ irresponsabili lo sono, ma la notizia della nascita della bimba l’ha data il sindaco (forse per farsi pubblicita’ lui) e loro si sono limitati a confermare per telefono. Niente ospitate in non so che canale ci sia in Italia. Io chiedo rispetto per questa singola famiglia che non sta chiedendo nulla a nessuno. La prossima famiglia con 15 figli vedremo.
    Poi allora irresponsabile e’ anche chi mette al mondo figli senza due lavori a tempo indeterminato, o che sono in affitto e non hanno casa propria, oppure le donne che diventano mamme dopo i 35 quando si alza di molto il rischio di sindrome di Down. Allora qui non si salva nessuno (me compresa).

    In un Paese civile la tua liberta’ finisce quando inizia la liberta’ dell’altro. Tu hai sicuramente la liberta’ di non trovarti d’accordo con questa famiglia ma scusami loro hanno il diritto di non essere offesi con le tue affermazioni. Loro mica hanno preso la tastiera e hanno scritto online che chi non ha figli e’ irresponsabile!

    Per i meridionali, quello che volevo farti notare e’ che non si dovrebbe generalizzare solo perche’ hai una brutta esperienza con qualcuno. Valutiamo caso per caso. Poi meridionali … o prima o dopo tutti diventiamo meridionali rispetto a qualcun altro. Sai che nella prima agenzia in cui siamo stati per affittare una casa, sebbene avessimo un buon contratto di lavoro, soldi a disposizione per la caparra, etc non ci hanno dato la casa perche’ eravamo italiani? Dall’altro lato pero’ posso dire che un collega di mio marito pur conoscendolo da soli 3 giorni e’ venuto a darci una mano a trasportare i mobili.

    Da ultimo, ti assicuro che non mi interessa il politicamente corretto. Li avessero trascinati di qua e di la per le televisioni, o li avessero abbandonati, o mandati a lavorare a 10 anni, sarei stata la prima a dare loro degli irresponsabili.

  67. Silviafede Scrive:

    @Lui78: il ragazzo di 20 anni e’ vissuto in quel contesto probabilmente per lui, che da sempre si occupa dei fratelli piu’ piccoli ,e’ normale vivere cosi’, ma noi che guardiamo la faccenda dall’esterno possiamo dire che forse quel ragazzo e i suoi fratelli hanno perso un po’ della loro spensieratezza diventando responsabili di qualcun altro troppo presto…poi non e’ detto che la realta’ sia cosi’ e che questo abbia fatto male a qul ragazzo, qualcuno dice che crescere imparando a non essere egoisti e’ un bene, io sono tra quelli che pensano che ogni eta’ deve avere il suo carico adeguato di diritti e doveri, e anticipare o posticipare i tempi sia comunque sbagliato..esprimo un opinione come dice mimi non volgio offendere nessuno ma solo dire la mia sull’argomento

  68. lui78 Scrive:

    @SilviaFede: ti assicuro che non volevo togliere il diritto di esprimere la propria opinione a nessuno. Tu l’hai appena fatto garbatamente. Io stessa non me la sentirei di tirarne su 15 e l’ho più volte ribadito. Quello che ho criticato, non è stata l’opinione, quando come è stata espressa. Alcune parole mi sono sembrate offensive verso questa coppia. Tutto qui. Per quel che riguarda i ragazzi io più del fatto che hanno molte responsabilità o che non hanno tutto quello che hanno i giovani d’oggi (compresa molta libertà) mi preoccuperei più del fatto che fisicamente i genitori non hanno il tempo per seguirli. Mi spiego, alcuni ragazzi se hanno un problema vanno direttamente dai genitori a parlarne, ma altri devi osservarli, seguirli nella vita di tutti i giorni e vedere cosa è che li turba (può essere semplicemente il primo amore, o una materia che proprio non va giù). Ecco io non vedo come riescano a trovare il tempo, ma questo è un problema che li accomuna alle coppie in cui entrambi i genitori lavorano. Una coppia in cui lavorano entrambi cerca di sopperire magari facendo turni diversi o almeno uno dei due cerca di essere più orientato alla famiglia che al lavoro limitando la carriera. Ecco io più che pensare “riusciamo a sopperire economicamente a loro?” nel farne 15 avrei pensato “riusciamo a sopperire emotivamente a loro?”.

  69. Silviafede Scrive:

    @lui78: il mio commento era solo per dare una spiegazione al fatto che il ragazzo di 20 anni fosse ancora a casa, tra l’altro non ho davvero idea se sia proprio cosi’ non conoscendo ne’ lui ne’ la famiglia. Trovo giuste anche le tue osservazioni sul fatto che alcuni bambini/ragazzi richiedono piu’ attenzione di altri e con 15 figli credo sia dura trovare il tempo per tutti, per questo immagino che i piu’ grandi si occupino die piu’ piccoli in tutti i sensi anche in quello psicologico, pur con la loro esperienza limitata.
    Per i beni materiali la penso come te quello e’ il minimo, nel senso che se hanno di che mangiare e vestirsi e possono istruirsi il resto puo’ considerarsi superfluo…

  70. Carlo Scrive:

    io se avessi i soldi li farei 15 figli e come!!! non sopporto gli italiani che non sono mai contenti… se uno ha un figlio— noooo!!!!!!!!! sara’ viziato…. se uno ne ha 15 noo!! sono troppi, ma ognuno puo’ fare un po quello che vuole no? perche non ci facciamo i cavoli nostri?? insopportabili!! smettetela!

  71. mimi Scrive:

    @ Carlo: io invece, guarda un po’, non sopporto chi dice cosa si può o non si può commentare…!

    Non è possibile che uno non possa dire la propria opinione!

    Vorresti fare 15 figli?
    Prego, accomodati.
    Non li vuoi?
    Prego, accomodati.

    Ma lascia che la gente dica quello che pensa, no?!

  72. Casimiro Evola Scrive:

    La famiglia di mia moglie sono 14 fratelli (1941-1967) tutti viventi insieme un totale di 827 anni, naturalmente essendo tanti non è sempre facile però è bello qualche volta vederli tutti insieme.

  73. Laura Scrive:

    In famiglia per ora siamo in tre:io,mio marito e mia figlia.Serena ha ancora 2 anni e mezzo e vorrei passare più tempo con lei.Nella mia famiglia siamo 5: mia mamma,mio papà,mio fratello,mia sorella, e io.

Lascia un Commento

Current day month ye@r *