8 giu

Il parto si avvicina, ecco la valigia per la futura mamma da portare in ospedale

La gravidanza volge ormai al termine e il pensiero è già lì, al parto. Ma cosa bisogna mettere in valigia, cosa bisogna portare in ospedale per il grande evento?

Me lo ha chiesto Chiara, una mia amica in dolce attesa. Ma visto che le pancione di questo blog aumentano di giorno in giorno, da Valentina, a Rosa, a Marika, a Giuli… e giusto ieri ho saputo che anche Margherita, una mia cara amica diventerà mamma-bis (tanti auguroni!!) allora ho pensato di scrivere un post per tutte.

La lista è divisa in due parti: l’occorrente per la mamma e il necessario per il bebè.

Partiamo dalla mamma:

1) camicie da notte: almeno tre e aperte davanti fino alla vita per facilitare l’allattamento. Visto il gran caldo che fa negli ospedali vi suggerisco di prendere quelle di cotone anche in pieno inverno!
Per il parto vero e proprio vi consiglio di portare una t-shirt lunga e comoda oppure una camicia da notte decisamente non preziosa. Considerate che si sporcherà parecchio e quindi la dovrete candeggiare per bene o, nel peggiore delle ipotesi, buttare!
Per le 48 ore successive (perché se va tutto bene dopo due giorni al massimo vi mandano a casa!) tre camicie da notte dovrebbero bastarvi!
2) Vestaglia
3) Mutante di rete usa e getta. Si trovano facilmente in tutti i negozi che vendono le cose per i neonati.
4) Pantofole
5) Eventualmente se le usate delle calze (io non le ho portate!), canottiere e reggiseni.
6) Beauty case con spazzolino, dentifricio, detergente eccetera eccetera… Io ho portato anche della calendula madre per disinfettare bene le parti intime :-)
7) Coppette assorbilatte: la prima volta non mi sono servite, la seconda volta sì!
8 ) Assorbenti per la notte. In genere gli ospedali forniscono gli assorbenti, ma spesso sono in cotone senza una base di plastica.
Vi lascio immaginare: tempo due minuti ed è tutto sporco: camicie da notte, letto, eccetera eccetera. Io avevo portato gli assorbenti normali per la notte (che sono più lunghi) e sopra avevo messo quelli dell’ospedale e mi sono trovata bene! (mi rendo conto che non è bellissimo parlare di queste cose… ma qualcuno questo sporco lavoro lo deve pur fare, ah ah! :o)

9) Infine… e per me è stata la cosa più importante: la crema per il seno.
Vi assicuro che quando il pupetto si attaccherà saranno dolori! Soprattutto se non si attacca nel modo giusto (fatevi aiutare dalle puericultrici, sono lì apposta!!). Il vostro capezzolo sarà subito messo a dura prova anche se negli ultimi periodi lo avrete ammorbidito con creme e oli o esposto al sole.

Io ho usato una crema di lanolina pura al 100%. Fantastica anche perché non bisogna lavare il capezzolo prima di attaccare il bambino. Unico neo: è un unguento giallognolo che sporca le camicie da notte ed è difficile da togliere, anche lavandole per bene. Ma se non siete molto affezionate alle camicie… :o

Altra cosa, è un rimedio della nonna, ma vi assicuro efficacissimo: semi di melocotogno.
Mettete cinque-sei semi in una tazza da caffè, ricopriteli con dell’acqua (un centimetro circa sopra ai semi). Tempo due ore si formerà un unguento che potrete applicare sul capezzolo.
Anche in questo caso non è necessario lavare il seno prima di allattare.
In entrambi i casi, ve lo giuro, mi ha salvato le tette!

Quando è nato Marco, credo di avervelo già raccontato, mi stavano venendo le ragadi. Il bambino si era attaccato male al capezzolo e io piangevo per il dolore tutte le volte che allattavo. Che male!
Siccome allattava praticamente notte e giorno (povero aveva fame e il colostro non gli bastava!), vi lascio immaginare i lacrimoni. Fino a che mia madre non mi ha preparato “l’unguento magico”.
Per me è cambiato il mondo!
Siccome anche tante altre neo-mamme erano nella stessa condizione, abbiamo fornito semi di melocotogno a tutte. Mia madre, per fortuna, ne aveva una bella scorta!

Successivamente sono passata alla crema di lanolina, perché più comoda anche da portare in giro. E la uso anche adesso sui nasini dei bimbi screpolati dal raffreddore. E’ ottima!

Ultimo consiglio salva tette e vi prego non ridete: lasciatele “al vento” più che potete.
Io anche in casa, quando potevo, andavo in giro a seno scoperto. Tra una poppata e l’altra, infatti, areola e capezzolo devono essere ben asciutti per favorire la cicatrizzazione di eventuali taglietti.

10) Decimo e ultimo punto… in valigia mettete anche i vestiti per quando tornerete a casa.

Ops.. ho visto che mi sono dilungata un po’ troppo. Praticamente ho scritto un post-lenzuolo. E allora l’occorrente per il bimbo ve lo scrivo nel prossimo post!

OkNotizie

« Torna alla home

Arriva la cicogna

41 Commenti a “Il parto si avvicina, ecco la valigia per la futura mamma da portare in ospedale”

  1. rosa77 Scrive:

    :-) POST LENZUOLO, CARINO!! anche se lunghi, i tuoi post si leggono sempre volentieri

  2. lucia Scrive:

    Io anche ho usato la crema alla lanolina. Si chiama PureLan 100. L’ho trovata davvero utile. Anche in ospedale mi avevano dato dei campioncini, ma non mi sono serviti a nulla…
    E concordo anche sugli assorbenti: ho mandato mio marito a comprare quelli normali perchè quelli dell’ospedale non erano sufficienti a contenere le perdite.

  3. Marika Scrive:

    ahhahahah brava maria! post molto utile!
    io la camicia da notte del parto..l’ho buttata! inutile ogni tipo di lavaggio! peccato, me l’aveva regalata mamma!
    gli assorbenti avevo portato quello che hai detto te da notte,ma nn sono andati bene e ho mandato mio marito a comprare quelli specifici in farmacia (che mi sono avanzati e quindi spero di ritrovare!!!)…per il seno nulla da fare… tutta la gravidanza con l’olio di mandorle,in ospedale con le cremine apposite anti-ragadi…ma niente…tette infiamme e dopo 10 giorni mastite!!! :(
    speriamo bene a sto giro!!!

  4. eli Scrive:

    ciao!anche io ho usato la Purelan100 e mi sono trovata bene.Nel mio ospedali gli assorbenti li davano sono nei bagni della zona travaglio,quindi poi ho preso quelli un po’più grossi di quelli normali per i primi due giorni,poi ho usato i classici.fate una bella scorta delle mutandine di rete,a me ne sono servite tantissime :-/

  5. Valentina Scrive:

    al corso preparto hanno detto che gli assorbenti migliori sono quelli rettangolari della tena perchè sotto hanno la plastica…sono enormi, ma immagino che non serviranno tutti i 40 giorni di capoparto…spero che servano solo i primi giorni!!!
    ma non c’è proprio nulla che possa prevenire le ragadi??? sono un po terrorizzata che mi vengano!!!

  6. Redazione (Maria) Scrive:

    Ragazze, non vorrei essere ripetitiva, ma non sottovalutate l’unguento magico della mamma e la crema di lanolina!! Vi salvano dalle ragadi. E poi fate attenzione a come si attacca il bambino: non deve prendere solo il capezzolo, ma anche l’areola. E comunque… fatevi aiutare dalla puericultrice…

  7. Redazione (Maria) Scrive:

    40 giorni? Ma va! Valentina stai tranquilla, sono molto meno!

  8. Marika Scrive:

    ma dove si trovano i semi di melocotogno???
    da noi sarà che era di agosto ma nn è passata neanche una puericoltrice…veramente nn è passato neanche un medico nelle prime 48 ore…figuriamoci se ci insegnavano ad allattare!!!
    speriamo che col prossimo vada meglio!!!

  9. ge1977 Scrive:

    a me le ragadi non sono venute….per fortuna! la cosa fondamentale è ke il bimbo si attacchi bene, io cmq ho usato l’olio VEA ……. fantastico, anche quello non va lavato.
    ora lo uso x i bimbi se magari hanno il sederino eccessivamente arrossato o per il nasino screpolato! l’avevo usato anche per il grande qnd ha avuto la varicella…………..

  10. PAOLA Scrive:

    Grazie dei suggerimenti!!! Dove si comprano i semi di melocotogno?? Io per il primo bimbo alla fine ho allattato pochissimo per colpa delle ragadi… avevo il seno in condizoni pietose.. mi usciva addirittura sangue tutte le volte ke lo attaccavo… Ora x il secondo visto ke sono ancora in tempo vorrei prevenire tutto ciò ed allattarlo come si deve!!! Senza sofferenza!!!

  11. Redazione (Maria) Scrive:

    Mia madre ha l’albero. Quindi lei l’estate raccoglie i frutti, fa le cotognate e le marmellate, e conserva anche i semi!
    Ma immagino che si possano trovare tranquillamente in erboristeria o questa estate… direttamente nei melocotogni!

  12. rosa79 Scrive:

    quando ho avuto marco, è arrivato cosi a sorpresa… che in valigia c’era tutto tranne i panni per tornare a casa…. da usanze ancithce qui si dice 7mesi valigia pronta…. ma i panni miei proprio non c’erano anche eprche era il 18 dicembre quando son andata in clinica epr vedere cos’era il mal di pancia e io aspettavo amrco per il 20 gennaio!!!
    spero che ‘umbertino’mi dia il tempo di preparare la valigia epr bene…
    per gli assorbenti io ne ho usati certi tipo tena che hanno la plastica i primi giorni…
    per il seno avevo usato l’olio vea…ora proverò con la lanolina..mi sa sarebbe difficle trovare i semi del melocotogno…poi vi racconterò la mai futura esperienza…
    tra una decina di gioirni sono in ferie e una giornata al dedicherò agli acquisti per ‘umbertino’ anche se mi son fatta tentare e qualche tutina gliel’ho gia presa…qualcosina di marco riesco a riciclarla tipo i quadrati di cotone e poi mi occorre tutto ex novo…
    maria aspetto il prox post…questo si è letto benissimo :) e grazie dei tuoi mille consigli sempre

  13. Redazione (Maria) Scrive:

    Anche io ho usato l’olio Vea, ma per massaggiare i bimbi dopo il bagnetto (quanto gli piace!!). Ma per il seno, se ti stanno venendo le ragadi, l’olio Vea non basta. Meglio qualcosa di più “strong” come la lanolina o i semi di melocotogno.

  14. Marika Scrive:

    @rosa79: ma a che mese stai?? sai già il sesso se lo chiami “umbertino”!!?? :)
    io ho paura che contro le ragadi sanguinose non ci sia crema che tenga…
    ricordo peggiore l’allattamento del travaglio (e questo non è stato semplice!)
    ps. la mia valigia l’ho preparata l’ultimo mese,ma ogni giorno trovavo un pagliaccetto che mi piaceva di più e allora continuavo a farla e disfarla!!! :)

  15. PAOLA Scrive:

    Si infatti a me l’olio vea non aveva fatto nulla… provo a comprare la lanolina..e magari inizio già adesso…Mi informo anche x i semi di melocotogno…. Speriamo stavolta di farcela!!!!

  16. rosa79 Scrive:

    @MARIKA:sono alla 27ma settimana…al sesto mese insomma il lieto evento è previsto epr settembre…e mi auguro di alvorare fino ad agosto :)

  17. roberta30 Scrive:

    rosa79 non si può resistere all’acquisto, proprio no!!!….a che mese sei?
    io credo che i semi si possano trovare facilmente in erboristeria…
    io la valigia l’ho fatta e disfatta svariate volte mi ricordo che avevo una scatola dove tenevo tutte le varie tutine ed acquisti e ogni tanto cambiavo, per fortuna che l’avevo prepata dato il mio ricovero improvviso!!!

  18. roberta30 Scrive:

    rosa79 sono un pò rimbambita ci avaevi risposto sul post dell’abbronzautra ….quindi agosto mare con marito e piccolino il nome già l’hai scelto?

  19. enzina Scrive:

    se posso vorrei consigliare alle future mamme di fare degli impacchi di succo di limone sui capezzoli con un dischetto di cotone.
    io li ho fatti dal 7° mese in poi e non ho avuto problemi al seno con l’allattamento (non so se sia dipeso dagli impacchi…ma farli non costa nulla) me lo ha consigliato la mia ostetrica, è un rimedio preventivo naturale, ricco di vitamina E.
    per quanto riguarda la valigia io l’ho fatta due gg prima di partorire, nonostante mia madre continuava a dirmi di farla, e ovviamente ho portato una marea di cose inutili dimenticando il cambio per quando sarei uscita…

  20. rosa79 Scrive:

    @Roberta30, il piccolino si chiamerà Umberto come il nonno paterno, a Marco, il primogenito ho dato il nome di mio padre che è mancato quand’ero bambina
    speriam che ad agosto ho la forza di godermi un po’ di mare e marco con i suoi mille capricci :)

  21. Laura Scrive:

    wow! che fortuna! non ho mai avuto nessun problema con l’allattamento! E’ vero che fin dalla prima poppata sono stata seguita dall’ostetrica che ci insegnava come prendere il piccolo, posizionarlo, farlo attaccare e come staccarlo se non si era attaccato bene… sapete com’è.. non hanno la boccuccia, hanno una ventosa portentosa! :)
    Quindi alla fine non ho dovuto utilizzare nulla ne come oli ne come pomate!
    La valigia? non era pronta! Ero andata per un controllo e mi hanno ricoverata! Ho avuto le cose a puntate di volta in volta che ne avevo bisogno!

  22. Tiziana Scrive:

    Volevo portarvi la mia esperiena (il primo parto):
    - per partorire in ospedale mi hanno dato ben 2 dei loro camici (quelli bianhi che si legano dietro): il primo l’ho praticament einzuppato di sudore), avevo portato una vecchia maglietta di mio marito (è alto 1.95 contro il mio metro 1/2, quindi le sue magliette mi stanno lunghe), ma non è servita.
    - l’ospedale dove ho partorito non da gli assorbenti post parto (che sono scomodissimi soprattutto se ti fanno l’episiotomia come a me, infatti dopo 2 giorni li avevo già sostiuti con i lines seta ultra notte), ma fornisce la copertura per il lenzuolo
    - il taglio (episiotomia) mi si è infiammato e mi hanno dato loro una creama che poi mi sono portata a casa e ho usato fino a finirla
    - mi sono venute le ragadi e mi hanno dato loro una creama apposta lasciandomi portare a casa il tubetto
    - calze indispensabili: durante il parto ho cambiato talmente tante posizioni che mi osno girata tutta la sala parto
    - una delle mie compagne di stanza (3 letti x stanza) aveva portato anche i trucchi, mi ricorderò sempre quando è arrivata in stanza alle 5 della mattina dopo aver partorito perfettamente truccata e prima dell’orario delle visite si ritoccava sempre il trucco… io era tanto se mi pettinavo (una coda fatta alla meglio e via!)
    Io la valigia ho finito di prepararla la mattina dopo ch emi si sono rotte le acque… però, a mi discolpa, posso dire che ho partorito a 37 settimane…

  23. Margherita Scrive:

    Io consiglio sempre un contenitore per l’acqua a spruzzo, (tipo quello per Ketchup e senape ;)) si trovano nei negozi per pasticceria… io mi facevo il bidet con quello perchè il primo giorno avevo paura a mettere le mani lì sotto….
    Anche io non ho avuto problemi al seno, il mese prima di partorire strusciavo i capezzoli tutte le sere con l’alcool e quando ho iniziato ad allattare ho usato OsminRag, un liquidino che si mette dopo ogni poppata senza lavarlo, mitico!
    Un’amica ha risolto la ragade con il copricapezzolo di argento (si possono anche usare i cucchiani o i piattini del servizio di argento della nonna). L’argento accelera la cicatrizzazione.
    In bocca al lupo a tutte!

  24. genny Scrive:

    questa è la mia prima gravidanza e ho una paura schifosa del parto! soffro di attacchi di panico e ansia.. so che avere un figlio è la cosa più bella che possa capitare ad una donna, ma leggere di sangue a flotte tagli al seno e squartate “la sotto” mi rabbrividisce. aiuto!! :-(

  25. Redazione (Maria) Scrive:

    Genny, c’è una puntura che si chiama epidurale che porta via tutti i dolori… o quasi! :)
    E poi… se quasi tutti hanno due figli e anche più… significa che non è poi la fine del mondo.
    Non voglio sminuire il parto. E’ doloroso. Ma il bello… arriva subito dopo! :)

  26. vale82 Scrive:

    @genny: io sono alla seconda gravidanza..e ti posso assicurare che non mi ricordo il dolore, il fastidio li’ sotto ne’ quello al seno i primi giorni di allattamento. che vuol dire? che e’ fattibile, e che poi ti scordi tutto.
    la mia paura? i primi 3 mesi!!!!ecco, questi si’ che li temo! ma non preoccuparti, non a tutti capita una piccola iena urlante giorno e notte, quindi stai tranquilla.
    a proposito maria, mi ripeti il procedimenti per i semi di melograno da mettere sul capezzolo? va bene anche prima dell’allattamento? dove trovo i semi?

  27. Rita Scrive:

    L’allattamento per me è stato un incubo…dopo due ore avevo già le ragadi e dopo due giorni sono stata costretta a smettere! Ho preso nota dei vostri consigli e se ricapiterà ci proverò più che volentieri! mai dire mai!

  28. Margherita Scrive:

    Ciao a tutte! Io sono al 5° figlio, anche se l’ultima ha 11 anni e la prima 17, sono quì perchè come dice il preverbio “non si finisce mai di imparare!”
    Vorrei consolare sopratutto Genny…(che non so se ha già partorito!) a paura è normale, ma quando sarai in travaglio e starai affrontanto quello che ora ti terrorizza troverai una grande forza dentro di te (che poi ti chiederai tu stessa:”ma come ho fatto?”) che non ti accorgerai del dolore, comunque ti sembrerà minimo rispetto al miracolo che stai vivendo: la nascita di una nuova creatura!
    Riguardo alle ragadi anche io ho sempre preparato il capezzolo con creme e “massaggi” che lo aiutano a venire ben fuori e rinforzano la pelle, poi ho continuato ad usarli durante l’allatamneto. Erano creme a base di calendula, anch’essa non neccessita di essere lavata per poter allattare!
    Trovo utilissimo questo scambio di notizie e di esperienze!!

  29. Redazione (Maria) Scrive:

    @Margherita: complimentoni! 5 figli!
    Sul nostro blog, non vorrei fare figuracce!, c’è solo Cettina che ha 5 figli: 3 maschioni, come li chiama lei, e due bambine!
    Cinque… non riesco neppure ad immaginare. Io già con due sclero!!
    Ci racconterai com’è la vita con 4 ragazzi in casa e un bebè.
    Ma è già nato oppure è in arrivo? E si tratta di maschio o femmina?
    :)

  30. Margherita Scrive:

    Dimenticavo una cosa: io ho trovato utilissimo portare un rotolo di carta cucina assorbente in tessuto-non tessuto da utilizzare al posto degli asciugamani dopo i vari lavaggi..ho evitato così di sporcare e poi dover lavare tanti asciugamani! La carta che ho utilizzato era “panno carta tutto”

  31. Margherita Scrive:

    Arriverà a fine marzo (speriamo prima di Pasqua!!!) e ancora non so il sesso, speriamo di riuscire a saperlo alla prox eco (il 5 dic.)
    La vita in casa con 3 ragazze e un ragazzo + uno in arrivo è splendida!
    C’è una colaborazione e una complicità enorme!…Eppoi siamo tutti felicissimi di questo nuovo arrivo…che per alltro non è uno “sbaglo”…ma è stato volutamente “richiesto alla cicogna” !!!!! :D

  32. ge1977 Scrive:

    @margherita: complimenti!!!!!!!!!!!!!!!!

  33. ciocco73 Scrive:

    @margherita : congratulazioni!!!

  34. Cettina Scrive:

    @Margherita mii unisco al coro delle congratulazioni, come ha detto Maria anche io ho 5 figli, anche se tre sono abbastanza grandi (30, 27 e 21) e già sono fuori casa perchè sposati (il piccolo convive) e quindi mi sono rimaste le bimbe di 8 e 4 anni. Ecco se c’è una cosa che mi è mancata è di averli tutti a casa contemporaneamente perchè quando è nata la grande già due erano fuori, per il resto io sono strafelice di averne 5 e col senno del poi dovessi tornare indietro li farei tutti a distanza ravvicinata, l’unico piccolo problema è che a volte quando siamo tutti insieme scambio i nomi, non so se capita anche a te ma se è no allora vuol dire che sto diventando proprio vecchia con un pò di di demenza senile……………..Un Abbraccio da Cettina

  35. katia Scrive:

    io sono in dolce attesa di un maschietto sono quasi al termine 37 settimane ma ho una paura tremenda e non so come devo comportarmi, e poi per il neonato cosa gli porto all’ospedale? grazie

  36. vendita camicie online Scrive:

    ottimo articolo… bravi

  37. chiara Scrive:

    cara redazione (maria)ho trovato molto utile e completa la lista delle cose da portare in valigia per il parto ma non sono riuscita a trovare quella per il nascituro.potete aiutarmi??grazie mille.

  38. Lara Scrive:

    Ciao a tutte, :-) sono alla 36 settimana e sto preparando la valigia spero tanto di non dimenticare niente :-) per caso qualcuno sa dirmi dove trovare la crema di lanolina pura al 100% per il seno? Grazie.

  39. Redazione (Maria) Scrive:

    @Lara: in tutte le farmacie e parafarmacie! Io ho usato “Purelan 100″ della Medela e mi sono trovata abbastanza bene. L’unica cosa negativa è che unge ed è difficile togliere via le macchie da pigiami e canotte!
    Come ti senti? In bocca al lupo e dacci tue news!

  40. lory Scrive:

    Ciao a tutte le pancine. Sono alla 28 settimana e nel mio grembo c’è Chiara,la mia farfallina..sono alla terza gravidanza,e sono felice. Grazie a tutte per i consigli,e in bocca lupo

  41. sweet_Audrey85 Scrive:

    Buonasera a tutte!!! Questa settimana entrerò nella 25esima e il mio piccolino si fa sentire tantissimo… nn vi nascondo che sono troppo felice e nn vedo l’ora di stringerlo tra le braccia…ma la paura del parto c’è ed è pure tanta!!!XD

Lascia un Commento

Current day month ye@r *