27 gen

I figli vanno mantenuti anche … da sposati

I figli sono come i diamanti: “sono per sempre”. Care mamme e cari papà avete un mutuo per 30 anni? Ebbene potrebbe non essere la cosa più lunga da “mantenere”. Il primato potrebbe spettare proprio ai vostri pargoli. I figli infatti vanno mantenuti anche da ultramaggiorenni, anche se sposati, se sono studenti universitari e non si sono ancora realizzati professionalmente.

Lo ha deciso la Corte di Cassazione accogliendo il ricorso di una madre che si era vista tagliare dall’ex marito il contributo economico per la figlia maggiorenne e sposata con un giovane di Santo Domingo, ma studentessa universitaria.

La Corte ha ribadito il principio secondo il quale “il matrimonio del figlio maggiorenne già destinatario del contributo di mantenimento a carico di ciascuno dei genitori ne comporta l’automatica cessazione”, ma ha spiegato che nel caso in questione non ricorrevano gli stessi presupposti, dato che la ragazza e il marito erano molto giovani ed entrambi ancora studenti.

A questo punto che dire: se i figli sono per sempre…. i genitori anche!
Forza, armiamoci di coraggio e pazienza!

OkNotizie

« Torna alla home

Il mondo del bebè

14 Commenti a “I figli vanno mantenuti anche … da sposati”

  1. Marika Scrive:

    MA ANCHE NO!!!
    io sono andata via di casa a 23 anni,convivevo e studiavo! mi sono trovata un lavoro per mantenermi! poi mi sono laureata, sposata, trovata un lavoro e fatta famiglia e l’ho fatto con le mie forze…e i miei genitori mi hanno continuato ad amare e a stare vicino emotivamente… ma quando si responsabilizzano i figli???!!!!!

  2. Roberto Scrive:

    L’eccesso di protezione blocca la responsabilizzazione e maturazione; la decisione è fortemente diseducativa.
    Per chi studia ci sono anche le borse di studio e la possibilità di studiare lavorando (come ho fatto io).
    Così si aumenta l’Italia degli assistiti e di chi crede che i salami nascano sugli alberi.

  3. Flavio Scrive:

    il loro mondo non e’ quello in cui sei cresciuta tu,quindi mi dispiace ma non sono assolutamente daccordo con le tue affermazioni.

  4. Marika Scrive:

    flavio, capisco di essere stata fortunata,ma di sacrifici ne ho fatti tanti per arrivare ad avere la posizione che ho adesso: ho 29 anni, una laurea, un lavoro in banca, una casa mia, un marito, un figlio e il desiderio di averne altri! ho studiato la notte e lavorato il giorno,risparmiato su tutto per trovare i soldi dell’anticipo di casa,rinunciato ai bei vestiti e ai viaggi intercontinentali…ma sono fiera di me! e i miei genitorni non mi hanno mai aiutata economicamente,ma mi hanno sempre incoraggiata a realizzarmi e a camminare con le mie gambe!!! nel resto del mondo a 20 anni vivi da solo,è vero che lo stato ti aiuta spesso,ma nel nostro paese non c’è neanche la voglia di emanciparsi dalla famiglia d’origine!!!

  5. Monica Scrive:

    Ha ragione Marika, in tutto e per tutto! Sentenza inutile e dannosa, soprattutto per la figlia in questione.

  6. Laura Scrive:

    Che orrore questa “protezione per legge”: e poi ci lamentiamo se i nostri figli crescono rimbecilliti…

  7. arianna Scrive:

    sono d’accordo con marika e’ scandalosa questa sentenza bisogna che i giovani d’oggi si sveglino un po’ mi sembrano 4 addormentati che non sanno cosa vogliono dalla vita sono straviziati e stracoccolati. Io ho 2 bambini piccoli al grande che ha 4 anni ho gia’ insegnato a fare le sue cose da solo xkè ho visto una scena dove lo porto a nuotare che mi ha fatto pensare, una mamma che lavava la figlia di 8 anni + o – e dopo lavata la bambina mandava sms con il cellulare. Sanno mandare sms ma lavarsi no.

  8. nadia Scrive:

    Io sono d’accordo con Flavio. Tutto dipende dal vissuto di ognuno.
    Ho 45 anni sono sposata ed ho 2 figli 15 e 5 anni.
    Mio marito ha sempre lavorato, da 5 anni l’azienda dove lavorava a dichiarato fallimento e pur essendo un informatico non ha più trovato un lavoro fisso.
    Abbiamo un mutuo chi ci aiuta se non la famiglia?
    Da quando non ho più mia madre vivo situazioni impossibili perchè mio padre non ci aiuta volentieri. Mio marito fa qualsiasi cosa, ma ha 48 anni e non è facile perchè si pensa a far lavorare i giovani (ed difficile) per i padri di famiglia non ci sono leggi che agevolano e nel mio caso neanche la famiglia. Prova ad immaginare una situazione così e vediamo se la pensi nello stesso modo. I lavori più umili li farebbe, ma sai a chi li affidano agli stranieri!!!
    Spero cambierete idea marika e Flavio e quanti ragionano come voi!!!

    P.s. io lavoro per fortuna

  9. Marika Scrive:

    @nadia: mi dispiace molto per la tua situazione, ma l’articolo di maria prendeva in considerazione un altro aspetto! si parlava di emancipazione dei giovani dalla famiglia d’origine quando c’è la possibilità di trovarsi un lavoro e camminare da soli!! il problema è che spesso neanche c’è la volontà di provare! poi nella vita ci possono essere cambiamenti che per forza di cose ti spingono a chiedere di nuovo l’aiuto dei genitori,come nel vostro caso. Ma a suo tempo voi avete cercato di costruirvi una famiglia,non vi siete appoggiati sulle rispettive famiglie! era quello il discorso!!

  10. Katy Scrive:

    Questo è uno dei tantissimi motivi per cui mi rifiuto di mettere al mondo dei figli…

  11. Robert Scrive:

    Ciao a tutti, ho letto attentamente i vostri articoli, rispetto le vostre opinioni e sono d’accordo con qualcuno di voi che non c’è una regola generale ossia ogni persono o famiglia ha alle spalle una storia.

    Ripetto una “storia” e ogniuna diversa. Penso che la vita in un modo o nell’altro ti da tanta gioia e a volte sorprese impreviste. io sono dell’avviso che se si può si aiutano i figli sempre sia economicamente sia moralmente. Sono un padre di un bimbo e vorrei essere sempre presente anche povero per aiutarlo ora, da maggiorenne, e da sposato.

    Grazie

  12. veritiera Scrive:

    “I figli vanno mantenuti anche … da sposati” questo chi lo dice: LA LEGGE????
    SE LA LEGGE LO DECIDE, E’ DA RIFARE E A PARTE CHE E’ RIDICOLO CHE DEI FIGLI SPOSATI SI POSSAN MANTENERE

  13. STEFANO Scrive:

    Io invece son andato fuori casa a 21 anni e I miei genitori, divorziati, han preferito far la loro vita. Non sanno nemmen dove abito. Tra un po avrò un figlio e a loro non interessa. Allora: in casi di buoni genitori non vedo giusto campare sempre sulle loro spalle ma in casi come I miei direi che ė il caso di spennarli a vita.
    Ps: Non ho fatto nulla per rovinare rapporti con loro e loro han ereditato qualche milione dai loro genitori

  14. ambra Scrive:

    @Stefano: come ti capisco!!!!!!! Mi rifiuto di spennarli (anche perchè ci hanno pensato da soli a dilapidare le loro fortune!!) ma..per il resto….

Lascia un Commento