Un gesto contro la violenza sulle donne

Qualche giorno fa mi ha scritto Carmela, una cara amica di questo blog, chiedendomi di poter condividere un pensiero, un evento.
Ho sempre pensato che questo non sia solo il MIO blog, ma il NOSTRO blog, uno spazio in cui tutte le mamme, tutti i lettori, possono avere il loro spazio, dire la propria opinione attraverso i commenti e proporre argomenti, fatti, storie da condividere.

L’argomento che propone Carmela è profondo e degno di attenzione. Un tema che apparentemente è lontano, ma in realtà è talmente vicino che può toccare ognuno di noi: la violenza sulle donne.

Ecco cosa ci dice Carmela:

“Ciao Maria, grazie per la tua disponibilità. La violenza sulle donne ormai è all’ordine del giorno, e credo che si debba cominciare in famiglia e sin da piccoli all’educazione e al rispetto per l’altro. Già qualcuna delle nostre amiche che commentano qui sul blog, come Silviafede che l’anno scorso ha partecipato, conoscono questo evento attraverso i miei post che condivido su Facebook.

Oggi vi presentiamo qualcosa di semplice, ma che potrebbe entrare nella storia dell’Umanità. Pensate: un’ora di completo silenzio simultaneo in tutto il web!
Si terrà il 25 novembre, nella Giornata internazionale per l’Eliminazione della violenza contro le Donne. E’ qualcosa di potente e condiviso, che abbraccia il mondo intero e che difficilmente può passare inosservato!

L’iniziativa ha una finalità importante: far prendere coscienza della violenza di genere e condannare proprio quei silenzi che proteggono i violenti.
Tutti si ricordano dei problemi SOLO quando ne arriva la ricorrenza, per poi dimenticarli sin dal mattino dopo.
Questo gesto mira all’esatto contrario: parlarne sempre e tacere un’ora soltanto.
Gli organizzatori ogni giorno diffondono fatti di cronaca ed iniziative anti-violenza,per cOMbattere l’indifferenza e la disinformazione.
Ma il lavoro più prezioso è quello da compiere sui giovani: l’ EDUCAZIONE!
Un percorso solido e costruttivo, basato su un lavoro quotidiano e che opera su tutti i livelli della società.
L’escalation della violenza, si nutre di piccoli gesti quotidiani… ma gli stessi piccoli gesti, possono eliminarla”

Maggiori informazioni sulla pagina Facebook di Mister OM.

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

27 risposte a “Un gesto contro la violenza sulle donne

  1. Buongiorno
    @ Carmela
    La mia citazione della Bibbia, non era assolutamente dettata dal fatto che bisogna seguire alla lettera, tutto ciò che c’è scritto. Era solamente mia premura, ricordare che anche in essa, si parli di rispondere alla violenza e di non sottomettersi a nessuno. Ma anche in questo caso, l’ipocrisia, ha preso il sopravvento. Quanti sono i Cristiani, che seguono alla lettera gli insegnamenti della Bibbia ? nemmeno il mondo clericale la segue. Non credo che la pedofilia, sia una pratica consentita nel libro, o sbaglio ? non credo in Dio, ne tanto meno a quello che la chiesa ci propone quotidianamente. E’ gente che predica bene, ma razzola male. Ha ucciso molta più gente la chiesa, che il peggiore dei dittatori. I Cristiani che sono contro la violenza, mi fanno ridere. Ribadisco un concetto molto semplice. Se questa società è ridotta in questo modo, l’educazione al rispetto credo che sia servita a poco. Buona giornata.
    Cordialmente.

  2. @Marco.
    Come sempre sposta il discorso dal punto di partenza. Non voglio discutere di altro, all’infuori del post, e non lo commenterò più.
    Una sola osservazione, lei ha più volte ribadito di essere ateo e di non credere in Dio, allora perché cita la Bibbia? Se non crede in Dio, non deve credere neanche alla Sua Parola. Se le interessa parlare di religione possiamo chiedere a Maria di fare un post sulla religione, magari le DIFFERENZE tra Antico Testamento e Nuovo (spiegato ai bambini)? Io sarei ben felice di partecipare alla discussione, ho studiato la Bibbia, e ancora la studio, ho partecipato per molti anni, adesso gli impegni me lo impediscono, alle lezioni della Lateranense come ospite, si figuri se non mi piacerebbe…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *