Se il bambino si tocca…

Ci sono bambini che si strusciano sui braccioli dei divani, quelli che cercano di trovare il piacere “giocando con il peluche”.
Sì, proprio così, bambini che cercano il piacere. E non lo fanno con malizia. E’ un bisogno naturale, fisiologico, spontaneo.
Spesso però se lo fanno in presenza di adulti, magari estranei, possono creare un certo imbarazzo, soprattutto nei genitori.

Allora che fare?

Meglio fermarli? Sgridarli? Far finta di niente?

Le risposte a queste domande arrivano dalla nostra psicologa Francesca Santarelli.

Ecco cosa ci dice:

La scoperta della sessualità infantile – e in particolare della capacità da parte del bambino di raggiungere il piacere attraverso la stimolazione delle cosiddette zone erogene- risale a Freud, che descrisse le diverse tappe dello sviluppo psicosessuale infantile proprio riferendole alle diverse aree del corpo che via via risultavano suscitare, se stimolate, tale gratificazione fisica nel piccolo.

In particolare Freud distingue tre fasi:

-la fase orale:  relativa alla fascia di età compresa tra la nascita e il primo anno di vita, in cui il bambino ricava piacere dal contatto della bocca col seno materno o con quelli che rappresentano dei sostituti del capezzolo (il ciuccio, il ditino o un oggetto morbido da succhiare).

-fase anale: caratterizzata dal periodo di crescita che va da 1 a 3 anni, nel corso della quale (soprattutto dai 18 mesi) il bimbo acquisisce il controllo degli sfinteri, cioè la capacità di trattenere feci e pipi. A questa età l’espulsione e la ritenzione dei prodotti del proprio corpo suscitano nel piccolo un’intensa sensazione di piacere e una forte curiosità nei loro confronti, tanto da arrivare a toccarli e a esibirli con fierezza.

-fase fallica: questa è la tappa conclusiva del processo freudiano che va da 3 a 6 anni, contraddistinta dalla scoperta della differenza tra maschi e femmine e l’avvio della graduale strutturazione dell’identità sessuale che andrà delineandosi nella pubertà. In questi anni e quindi del tutto naturale che il bambino manifesta un particolare interesse verso gli organi genitali e quindi non ci si dovrà allarmare se lo si sorprende a toccarsi le parti intime.

Non suscitare sensi di colpa è fondamentale in questa fase, considerando che il bambino si trova ad affrontare il complesso di Edipo, l’attrazione nei confronti del genitore di sesso opposto. È una fase transitoria che in genere viene superata versi 6/7 anni con identificazione definitiva con il genitore dello stesso sesso. Le pratiche di autoerotismo che compaiono tra i 3 e i 4 anni possono indurre lui un senso di colpa profondo se in esse si insinuano fantasie che coinvolgono le figure genitoriali. Aggravare questo senso di colpa, con un atteggiamento punitivo, finirebbe per esasperare e rendere più difficile il superare di questi sentimenti.

Il modo più efficace per aiutare il bambino, consiste nello sforzarsi di mantenere il controllo quando le prime volte lo si sorprende mentre si tocca: se un certo imbarazzo e del tutto naturale, è importante non sgridarlo o accusarlo di star facendo qualcosa di male e spiegargli che quello che gli sta succedendo non deve turbarlo: fa parte della natura umana ed è comune in tutti gli individui.
È necessario fargli capire che la sessualità rientra nella sfera dell’intimità di ogni persona e quindi non andrebbe esibita: ciò aiuta ad avviare in lui l’elaborazione del senso del pudore. Nel caso, invece, il bambino ricorra all’autoerotismo troppo di frequente o associ questa pratica a sentimenti di tristezza o la tendenza a isolarsi, è opportuno rivolgersi a uno psicologo dell’età evolutiva.

Copertina-Mamme-No-Panic

Per appuntamenti  con la dottoressa Francesca Santarelli, o info, potete visitare il sito Internet del suo studio:  www.studiosantarellidecarolis.com 

Francesca Santarelli è in libreria con il libro “Mamme No Panic”, scritto a quattro mani con Giuliana Arena

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Se il bambino si tocca…

  1. @Vincenzo Puppo: non entro nel merito del post xkè non mi interessa granché ma una cosa vorrei dirtela. Non so se tu abbia figlie femmine ma ti parlo x esperienza personale. Mia figlia grande ha avuto il suo primo ciclo qualche giorno dopo l’inizio della 5 elementare. Ciò vuol dire che il suo corpo era cambiato già da un anno prima (abbondante). Se non avesse saputo nulla o meglio se avessi seguito la tua teoria cosa pensi avesse fatto la bimba? Vedere il suo corpo cambiare e non sapere perchè non credi che qualche domanda se la sarebbe posta? Non credi che si sarebbe spaventata a morte? Invece quando è successo sapeva perfettamente cosa stava accadendo e ha dovuto “solo” fare i conti con la situazione.

  2. “sessualità infantile… Freud..” ??? per i bambini NON si devono usare i termini degli adulti! Non esiste una sessualità infantile (argomento usato anche dai pedofili): le ipotesi (opinioni personali) sessuologiche di Freud non hanno basi scientifiche e questo si sa da diversi decenni. Esiste solo il gioco infantile e la scoperta del proprio corpo, sono gli adulti che danno un significato sessuale ad alcuni comportamenti infantili: perché usare una terminologia da adulti per i neonati e i bambini? Attenzione: La sessualizzazione di bambini/e (e la pedofilia) sta aumentando… Fino a 8-9 anni, quando figli/e fanno domande spontaneamente sul sesso, è sufficiente che i genitori diano risposte brevi e più semplici possibili, limitate al quesito fatto, se i bambini non insistono è inutile dare ulteriori spiegazioni o cercare di capire se loro hanno compreso tutto (i bambini vivono al presente!). Allora una educazione “sessuale”, non richiesta dal punto di vista pedagogico, serve a qualcosa? I neonati e i bambini sono consapevoli di compiere “atti sessuali”? Lo sviluppo sessuale può iniziare prima della pubertà?… Si devono coinvolgere i genitori dalle scuole dell’infanzia (materne)…, e poi si deve iniziare in quinta elementare, solo per le bambine spiegando in modo semplice le mestruazioni (io ho un libriccino su questo, a chi interessa scrivetemi che ve lo spedisco in pdf). Poi nella scuola secondaria (media), per tutti/e ragazzi/e (e genitori) vedi il progetto/programma dei corsi che faccio nelle scuole: chi vuole collaborare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *