La scrittura del bullo

bulli

Continuiamo il viaggio nel mondo dell’adolescenza con la nostra grafologa Candida Livatino.
Dopo aver parlato di come individuare eventuali problemi dei ragazzi analizzando la loro scrittura, oggi parliamo invece della grafia dei bulli.

Che caratteristiche ha la scrittura del bullo?

Ecco cosa ci dice Candida Livatino:

“Cari genitori,

il bullismo è un fenomeno che desta preoccupazione in chi ha figli in età adolescenziale.

Alcuni temono che il figlio possa esserne vittima, altri invece non vorrebbero che ne fosse protagonista.

Il dialogo è certamente lo strumento migliore per capire se il proprio figlio può essere toccato da questo fenomeno, ormai alle cronache quasi quotidiane.

Sappiamo però come è difficile dialogare con i figli, a volte per colpa nostra, a volte perché non vogliono aprirsi e confidarci i loro problemi.

L’analisi della scrittura può supplire, ovviamente in parte, a questa mancanza di dialogo.

Capire se un ragazzo si può lasciare andare ad episodi di bullismo può far si che ciò non accada ed evitare brutte sorprese .

Ma che caratteristiche ha la scrittura del bullo?

bulloCi sono alcuni segni grafologici, facili da individuare, che possono darci delle indicazioni.

Lo stampatello, peraltro diffuso tra i giovani, è un indicatore del fatto che il ragazzo non vuole mostrarsi per quello che è, anche solo per non far trasparire le sue insicurezze.

Il calibro (dimensione delle lettere) grande evidenzia che si sente forte, quasi onnipotente, intoccabile ma solo perché è inserito in un gruppo che lo “gasa”.

Questa presunta forza spesso evapora appena si trova da solo.

I tremolii e le stentatezze, che si ritrovano qua e là nello scritto, segnalano una insoddisfazione di base, ma spesso anche una rabbia esistenziale. Il mondo circostante gli appare ostile e nemico.

La rovesciata a sinistra, (cioè la pendenza verso il lato sinistro del foglio) indica che il ragazzo non si sente capito e per questo se la prende con gli altri.

Vuole essere al centro delle attenzioni, primeggiare e quindi cerca la provocazione o reagisce in maniera aggressiva alle osservazioni altrui.

Ovviamente è l’insieme di questi segni, non uno solo, che può far scattare un allarme nei genitori.

A quel punto è fondamentale cercare comunque un dialogo e far sentire quell’affetto e quella considerazione che in fondo sta cercando.

Un caro saluto.

Candida Livatino”

Se volete conoscere cosa dice la grafologia sulle affinità di coppia, o scoprire se il vostro partner è fedele, o se il vostro collega è invidioso, vi ricordo che Candida Livatino ha scritto il secondo libro proprio su questo tema: “Le sfumature della scrittura” editore: Sperling & Kupfer.

Candida Livatino ha anche un sito Internet in cui racconta tutte le sue esperienze lavorative e tanto altro ancora.

L’indirizzo :
www.livatinocandida.it

 

 

 

 

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “La scrittura del bullo

  1. Proverei a pensare cosa potrebbe determinare il commento di questa grafologa…pensate se ci fosse un genitore che credesse a ciò che Lei afferma, preventivamente metterebbe in una sorta di gabbia, l’adolescente, determinando anche eventuali scompensi psicologici…solamente perché qualcuno come sempre…vuole, vorrebbe pontificare sull’essere altrui….e lo fa per solo scopo di lucro….
    Per la cronaca…ho sempre amato la matematica….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *