Ecco perché non aspetterò che i miei figli crescano per godermi la vita

Stamattina leggendo in Rete notizie su mamme, figli, pappe e pannolini, la mia attenzione è stata rapita da un titolo: “Perché non aspetterò che i miei figli crescano per godermi la vita”. E’ un post scritto dalla blogger Jennifer S. White e pubblicato su HuffPost Usa.

Il titolo, secondo me, è fantastico. “Perché non aspetterò che i miei figli crescano per godermi la vita”

Pensateci. Quanta verità in una manciata di parole!
Spesso quando arrivano i figli la nostra vita, o meglio quella che era prima del loro arrivo, si mette in modalità stand by.

Tutto viene ritarato mettendo questi piccoli esserini al centro del nostro universo.

La vita dei neo-genitori si azzera in attesa di…
In attesa che i figli crescano, che i figli abbiano meno necessità, meno bisogno dei genitori.
Quante volte ci è capitato di dire: “Quando i bambini diventeranno grandi… tornerò a fare questo, piuttosto che quello”

A me migliaia di volte. Fosse solo per una questione di tempo da dedicare a me stessa che mi manca.

Ma quando i figli non hanno più bisogno dei genitori?


In realtà i bisogni cambiano, crescono e si evolvono con loro.

Ma non credo ci sia un momento in cui si possa dire: non ho più bisogno di mamma e papà.
Ho 43 anni e non so cosa pagherei per avere i miei a un isolato da me, anziché a mille chilometri da me.
Io ho bisogno di loro esattamente come loro hanno bisogno di me.
In quest’ottica questo titolo è illuminante. Perché aspettare?

Non sappiamo cosa la vita abbia in serbo per noi. Magari cose meravigliose, magari no.
E allora perché aspettare che crescano i figli che goderci la vita?

Godiamocela, con loro, ma godiamocela appieno.

E un invito che rivolgo soprattutto a me stessa, che pur avendo tanto, non sono mai soddisfatta…

In questi giorni sto ricevendo un sacco di brutte notizie, di piccoli angeli volati in cielo per tanti motivi diversi…
E ogni volta mi assale l’angoscia e penso: quanto tempo perdo ogni giorno a urlare, sbraitare… potrei impiegare quel tempo a strapazzarmeli di coccole e a baciarmeli, invece di essere sempre arrabbiata e isterica. Vivrei meglio io, vivrebbero meglio loro.

Proprio due sere fa Marco mi ha guardata e mi ha detto: “Mamma, ma perché sei sempre così nervosa. Arrivi dall’ufficio che sei già incavolata con noi e non sai neppure se abbiamo fatto i bravi o i monelli…!

Ha solo 8 anni ed è più saggio di sua madre!

Perché non aspetterò che i miei figli crescano per godermi la vita?
Perché me la sto già godendo. E da oggi cercherò di godermela ancora meglio.
Di godermela con loro che, nonostante tutte le preoccupazioni e i grattacapi che mi danno, sono il regalo più grande che la vita mi abbia dato!

Share on Facebook0Share on Google+2Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

21 risposte a “Ecco perché non aspetterò che i miei figli crescano per godermi la vita

  1. Sono d’accordo sul fat to Che non si develop attenders Che I figli crescano per fare determinate cose soprattutto i viaggi,vanno certamente organizzati con crismi diversi ma… Perché no!!!il problema è’che ad esempio nel mio caso…devo organizzarlo senza pensarci tanto..la metto in macchina e… Vai…alla scoperta del mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *