Mamme no panic!

Copertina-Mamme-No-Panic
Due amiche che coronano un sogno: quello di scrivere un libro!

Un libro su un tema che a loro sta molto a cuore e sul quale hanno tante, ma tante cose da dire. Un tema che tocca da vicino anche tutte noi: essere mamme, essere genitori.

Le due amiche sono Francesca Santarelli, la nostra Psicologa Amica, e Giuliana Arena, la blogger di “Mamme a Milano”

Il libro è “Mamme no panic”.

Vederlo in libreria, sullo scaffale, tra i  ‘nuovi arrivi’, fa un certo effetto a me, non oso immaginare a loro.

Ancora non ho avuto il tempo di leggerlo. Ma è lì sul comodino e penso che lo divorerò nei prossimi giorni.

Se devo dirla tutta, mi sento un po’ la madrina di questo libro. Adoro lo stile brioso di Giuliana, apprezzo la professionalità di Francesca. E ho sempre pensato che unendo le forze queste due donne avrebbero potuto fare grandi cose.
Così ho fatto in modo che i loro destini si incrociassero. Solo uno scambio di email. Niente di più.
Ma tanto è bastato a far nascere una bella amicizia, un grande progetto: Mamme no panic.
E quando mi hanno detto che il loro libro era in dirittura d’arrivo, beh!, dentro di me ho pensato: “Lo sapevo! E ci scommetto, diventerà un best seller!”

Lo auguro di cuore a Francesca e a Giuliana!

Un in bocca al lupo a queste due amiche, grandi professioniste e ora… anche scrittrici 😉

Ma come nasce l’idea di un libro? Come si realizza? L’ho chiesto a loro.

Ecco cosa ci hanno detto:

Continua a leggere

I neonati sorridono per far felici mamma e papà

neonato
Opportunisti, levantini, compiacenti, furbetti scafati, istrionici…

Attribuireste mai tutti questi aggettivi a dei neonati?
Ma se vi dicessi che per alcuni atteggiamenti sono esattamente così?

Incredibile ma vero: a pochi mesi di vita sanno già bene come abbindolare mamma e papà, come farli impazzire di gioia usando con intelligenza e maestria l’unica “arma” di cui dispongono: il sorriso! Continua a leggere

Scattante nella vita, come nella scrittura. Il suo carattere? Leale ma un po’ sopra le righe

ottimismoIl termine scattante non è usato solo nello sport, ma anche in grafologia.

Come si riconosce la persona scattante? Quali sono le altre peculiarità e caratteristiche del carattere e della scrittura?
Ce lo svela la nostra grafologa Candida Livatino.
Ecco cosa ci dice: Continua a leggere

Nasce la coppia in formato genitori

 

Ieri ho incontrato in ascensore un mio collega, neo papà da due mesi.
“Quando me lo dicevano non ci credevo, o comunque non immaginavo sarebbe stata così dura. Ormai non esisto più in quella casa. Lei ha solo occhi e attenzioni per la piccina”.

L’ho ascoltato. Mi ha fatto tanta tenerezza. Effettivamente sarà stato così pure per mio marito.
Lo ammetto, per me, quando sono arrivati i figli, soprattutto nei primissimi anni, tutto ruotava intorno a loro. I miei occhi non vedevano altro, le mie orecchie non sentivano altro. E forse anche adesso le cose non sono cambiate tanto 😉 Ma lui ha avuto pazienza, tanta pazienza.
Non è stato facile.
Quando arriva un bebè in una casa tutto cambia e tutti gli equilibri devono essere rivisti, altrimenti la coppia scoppia e la famiglia si sgretola.

Oggi parliamo di questo delicato argomento con la psicologa amica, la dottoressa Francesca Santarelli che ci dà utili consigli su come affrontare in due l’arrivo di un pargolo.
Nella sua prima frase, secondo me, c’è tanta verità: “Quando in famiglia arriva un bebè, l’amore non basta!”

Ecco i consigli della psicologa:

Continua a leggere

Un messaggio per voi dalla psicologa amica Francesca Santarelli

Santarelli2014_piccolaMie care mamme, solo qualche giorno fa, ho avuto la possibilità di leggere i commenti di alcune di voi che mi hanno fatto gli auguri per la nascita del mio secondo cucciolo! Maria come sempre gentilissima, so che vi ha annunciato subito il suo arrivo, ma come potete ben sapere e immaginare, non ho avuto un attimo di tempo per salutarvi e ringraziarvi personalmente.
Ebbene si, la mia avventura da mamma continua…sempre più consapevole che non è affatto facile conciliare la teoria con la pratica! Chi pensa che io sia agevolata per le competenze che ho, si sbaglia di grosso…. Nelle vesti di madre, sono come tutte voi: cerco in tutti i modi di fare il meglio possibile, ma sempre più consapevole che davvero è un’utopia non sbagliare mai, essere perfette e riuscire a proteggere i nostri più grandi amori dalle frustrazioni della vita. Continua a leggere

Miss Nonna Italiana 2015 è la 46enne Debora Silvestri

Debora Silvestri

Dopo Miss Mamma e Miss Suocera arriva anche la Miss Nonna Italiana 2015: è la 46enne Debora Silvestri. E’ lei ad indossare la fascia di nonna number 1 del Belpaese.

In finale, a contendersi il titolo, ben 33 nonne, provenienti da tutta Italia.
38 anni la partecipante più giovane (la catanese Stefania Abate), 66 anni la nonna più grande in gara (la cesenaticense Cinzia Benini).

Hanno sfilato e si sono “sfidate” in varie prove, hanno sostenuto una prova di abilità come cantare e ballare con i propri nipoti, recitare una poesia, cantare una ninna nanna e cimentarsi in varie prove creative e sportive, per aggiudicarsi il titolo.

Alla fine la giuria ha scelto: “MISS NONNA ITALIANA 2015” è DEBORA SILVESTRI, 46 anni, parrucchiera, di Uzzano (Pistoia), mamma di Cristina di 26 anni ed è nonna di Mathias di 3 anni e mezzo.
Debora è una bellissima donna, solare e molto dolce, esibendosi in una simpatica coreografia sulla musica del tormentone “Gam Gam Style”, ha conquistato il pubblico e la giuria, aggiudicandosi il titolo di “MISS NONNA ITALIANA 2015“.

Continua a leggere

“Operazione Rhino”: il 22 settembre è la giornata mondiale del Rinoceronte

Cercare un rinoceronte nel suo habitat naturale è come cercare un ago in un pagliaio!
Ad oggi, infatti, sono rimasti solo 20.500 esemplari di rinoceronte bianco e poco meno di 5.000 rinoceronti neri.

Lo so che alcuni di voi si staranno chiedendo: “Cosa ha a che fare questa notizia con Viva la Mamma?”
E’ vero, non si parla di bambini, ma di cuccioli un po’ più pesanti ( 🙂 )

Ma è pur vero che sono anche questi esseri che hanno bisogno di aiuto, o meglio, di essere difesi da chi li vuole sterminare!
Proprio così: S-T-E-R-M-I-N-A-R-E!!!

Se i tassi di abbattimento continueranno a salire con lo stesso trend dell’ultimo periodo – afferma Daniel Sanchez, Direttore zoologico del Bioparco ZOOM Torino – ossia 1 rinoceronte ucciso ogni 7 ore – in meno di 28 anni i rinoceronti saranno estinti nel loro habitat naturale e si potranno osservare e conoscere esclusivamente nelle strutture zoologiche.

28 anni. Solo 28 anni. In pratica già i nostri figli, ma ancor di più i nostri nipoti penseranno ai rinoceronti come ai dodo. Continua a leggere

Ecco come scrive chi nella vita è abituato ad arrivare dritto al punto

centroNo preamboli, no perditempo, no giri di parole, ma dritti al punto.

Devo essere sincera, mi piacerebbe essere così 🙂
Ma nella mia grafia non ho il segno della recisa. Invece chi ha queste “doti” si riconosce proprio da questa nota caratteristica nella propria scrittura.

Come capire se i nostri amici, colleghi, partner, parenti hanno questa particolarità?

Ci spiega tutto la nostra grafologa Candida Livatino: Continua a leggere

Un bambino perso, non è perso per la sua mamma

rosa“Signora, mi dispiace, non c’è più battito!”

Questa è la frase che tutte le donne che aspettano un bambino hanno il terrore di ascoltare dal proprio ginecologo.
Poche parole che gelano un sogno, quello di diventare genitori.
Poche parole che pesano come un macigno che nessuno riesce a smuovere.
Un dolore intimo, profondo che devasta e dilania, ma che pochi riescono a comprendere.

Oggi parliamo di interruzione di gravidanza, di aborto, e lo facciamo con la psicologa amica, la dottoressa Santarelli e con Giorgia Cozza.

Continua a leggere

Chi ha la scrittura spigolosa è ambizioso sul lavoro, ma un pessimo amante

Scan0295

Chi scrive in maniera spigolosa può essere un buon avvocato, ma non un buon amante!
Adesso che lo sapete… decidete voi 🙂
Essere determinati e aggressivi può andare bene sul campo del lavoro, ma non tanto in quello sentimentale dove, per trovare un buon equilibrio, gli angoli devono essere smussati.
Chi ha la scrittura angolosa, però, difficilmente ammorbidirà i suoi spigoli…

Ma vediamo bene qual è la grafia spigolosa. Ci spiega tutto, come sempre, la nostra grafologa Candida Livatino.

Continua a leggere