Una mamma… in ferie!

Strada delle 52 gallerie

Lo so che questo blog si chiama Viva la Mamma e quanto sto per dirvi potrebbe scandalizzare alcune di voi, ma senza vergogna e con molta soddisfazione vi confesso che mi sto allegramente e pienamente godendo le mie due settimane di ferie dai figli!

Mio fratello ha voluto farci un gran bel regalo: ha deciso di portare Marco e Luca in vacanza insieme alla sua famiglia. La meta è di tutto rispetto: Puglia, in campagna dai miei genitori.

La mattina, praticamente all’alba, vanno al mare e poi al pomeriggio fanno le passeggiate in bicicletta, giocano, escono, si rilassano.

Loro si stanno divertendo da matti, tanto che a volte non hanno neppure il tempo di parlare al telefono con noi. E io… sto riscoprendo la gioia di trascorrere un po’ di tempo con mio marito. Stiamo facendo tutte le cose che con i bambini è difficile fare e che a noi piacciono un sacco.

Non correte con la fantasia! 😉

Il primo sabato free siamo andati a fare una passeggiata in montagna, sul Pasubio, la “strada delle 52 gallerie”. Una mulattiera realizzata nel 1916, durante la prima guerra mondiale. Serviva per portare viveri e munizioni ai soldati che erano sul fronte.
A metà strada ero già stravolta. Ho capito che sono veramente fuori allenamento. Sigh! A fatica sono arrivata al rifugio. Ma quanta soddisfazione!
Il panorama toglie il fiato per quanto è bello.
In realtà tutto il percorso è meraviglioso. Ma ci sono molti tratti esposti e non credo che sia adatto a bambini vivaci. Marco e Luca, per intenderci, non li avrei portati.

Poi tutto ricorda le imprese dei militari. E alla ricchezza della natura si aggiungono le emozioni dettate dalla storia di questi luoghi.
Un’esperienza bellissima!

Siamo tornati a casa stravolti.
La mattina seguente le gambe non rispondevano ai miei comandi!
Il  caldo faceva la sua parte. Siamo rimasti a casa a riprenderci.

La sera… via all’ Expo!
E anche in questo caso lunghe passeggiate su e giù per il Decumano e per i padiglioni. Con la ciligina sulla torta offerta dallo spettacolo dell’albero della vita. Splendido ed emozionante!

Durante la settimana poche uscite per ovvie ragioni. Ma non ci siamo fatti mancare una cena fuori, una passeggiata per Milano in monopattino e tanto relax.

La casa sempre in ordine, il bagno pulito, poche lavatrici da fare, pochi panni da stirare, nessuna corsa contro il tempo, nessuna babysitter con cui scusarsi per il ritardo, niente urlate, niente di niente.

Queste sì che si chiamano FERIE!

Sabato scorso altra grande e bella esperienza, siamo andati a vedere le cascate del Serio in notturna, in Valbondione, con anche tour gastronomico.
Su per un sentiero fino ad un piccolo borgo dove era stato organizzato un aperitivo e un antipasto con i prodotti tipici della valle. Poi giro tra le case alla scoperta degli antichi mestieri.

Poi altra scarpinata fino ad un altro rifugio. Lì si cenava con risotto, polenta e funghi. Da leccarsi anche i baffi!

Poi altra passeggiata fino al punto in cui si vedevano le cascate. C’era talmente tanta gente che si faceva fatica a trovare anche un solo pezzettino di terra su cui posare le stanche terga.

Quando orami era buio, intorno alle 22:00, abbiamo sentito delle sirene. Era il segnale che stavamo aspettando. Tre grandi fari hanno illuminato a giorno le cascate. E dopo 10 minuti quelli che erano tre rivoli d’acqua si sono trasformati nelle cascate più alte d’Italia, le seconde più alte d’Europa con un salto di ben 315 metri. Ho provato a fare delle foto, ma non rendono l’idea.
Era tutto così suggestivo. Il rumore dell’acqua che con forza e violenza cadeva giù, il cielo nero e stellato.

Dopo mezz’ora lo spettacolo della natura si è concluso e hanno spento i fari.
Pian piano si sono accese migliaia di torce. Un serpentone infinito di piccole luci. Sembravano tante piccole lucciole che scendevano giù per la montagna.
Io e mio marito stavamo seguendo la corrente del fiume di gente quando ad un certo punto abbiamo visto la freccia che indicava Valbondione.
Abbiamo preso la deviazione, ma in pochi minuti ci siamo ritrovati da soli in mezzo al bosco.

“Ma eravamo migliaia fino a poco fa, com’è che adesso siamo soli?”, ho chiesto con una certa paura a mio marito.
“Sei sicuro che sia questo il sentiero? Non mi pare sia quello che abbiamo fatto all’andata! E poi che ci fanno quei tronchi segati lì, potrà mai essere un sentiero quello?”

Mi immaginavo già a vagare per tutta la notte tra i boschi, quando in lontananza ho visto delle piccole luci che si avvicinavano. Era un gruppetto di 4 ragazzi che scendevano, capitanati da una signorina che in un’altra vita sarà stata sicuramente un capriolo visto l’agilità con cui si muoveva!

Ci siamo aggregati a loro. Questa ragazza aveva un bel passo veloce. Ma non potevo fare storie. L’alternativa era perdersi nel bosco. Così mi sono fatta coraggio e le sono stata dietro come un segugio.
Non vi nego che sono arrivata a valle che ero provata, molto provata.

Mio marito: “Uahoo! Non ti ho mai visto camminare così velocemente in montagna!”
E io: “Mi hai vista bene? Ma bene, bene?”

Lui: “Sì”

Io: “Perfetto e ricordatelo perché non mi vedrai mai più camminare così. Era la forza della disperazione che mi  spingeva” 🙂

Siamo arrivati a casa che erano le due di notte passate. I miei occhi si chiudevano da soli e a fatica riuscivo a tenere viva una conversazione in auto. Per fortuna che mio marito ha una resistenza diversa. Lui è “a lunga durata” 😉

Io adoro la montagna, camminare tra i boschi. Ma non ho più il fisico e la resistenza di una volta. Sono fuori allenamento e me ne accorgo ogni volta che ci cimentiamo in una esperienza come questa che, vi assicuro, è stata bellissima.

Ieri relax e shopping pomeridiano. E per chiudere in bellezza il weekend, tavolo per due al giapponese.

Mi mancano i bambini?

Certo!

Ma saperli al mare, con gli zii, i nonni e i cuginetti felici e spensierati. Sapere che stanno non bene, ma di più, mi rende serena. E i tête-à-tête con il mio principe azzurro hanno tutto un altro gusto, hanno il sapore della felicità!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

11 risposte a “Una mamma… in ferie!

  1. @Maria. Vengo io con te. adoro camminare. Per il giapponese passo.
    Anch’io madre sciagurata come CriCri. Quando avevano l’età dei tuoi li lasciavo ai miei o alle zie, per andare a cena con mio marito o un fine settimana. Hai fatto bene a ritagliarti questo tempo solo per voi. Loro cresceranno e andranno via, ma il resto della tua vita la trascorrerai con tuo marito.

  2. @maria, che bello. io sogno il momento in cui entrambi i miei bimbi vanno via per qualche giorno. sogno, un po’ di relax sola e/o con mio marito. anche solo una cena senza la fretta di tornare perchè il conto della baby sitter sale. purtroppo i miei stradisponibili a casa non se la sentono di portarli via…

  3. @maria: bellissimo racconto e pure io come cri sono stanca solo al pensiero di fare la scarpinata…non amo molto la montagna, preferisco il mare… 😉 va beh ognuno è diverso ma sicuramente l’esperienza sarebbe bellissima da fare… ci penserò, tanto ora che i miei terremoti crescono ho tempo di rimettermi in forma 😛

  4. Maria veramente ho parenti in Veneto e vado spesso (ultimamente un po’ meno) quindi “la strada delle 52 gallerie” sarebbe fattibile (xkè è in Veneto giusto?)…è solo che….NON FA X ME. Ahahah

  5. Maria bellissimo racconto mi è piaciuto un sacco. Come mamma scellerata sei in buona compagnia, io le ragazze le lascio spesso e non ho nessun problema. Inoltre è sempre bello riscoprire la coppia. Poi i tuoi bambini sono super coccolati quindi…
    Nonostante siano foto bellissime ahimè devo dire che io e la montagna non andiamo granché d’accordo.
    Ok che adesso proprio non posso assolutamente cimentarmi in queste scalate ma anche prima che potevo l’ho fatto poche volte (da fidanzati) e solo xkè delle coppie di amici avevano la passione x la montagna. Sicuramente è molto suggestivo, la cascata in notturna poi mi piacerebbe molto visitarla il problema è: come ci arrivo? Bene mentre ci penso…mi riposo….xkè al solo pensiero di andare mi sono stancata. Ahahaha.

  6. Posso solo immaginare che bello!
    Peccato che un tale scenario sia stato anche teatro di orrori per tutti quei poveri soldati durante la guerra.

    Chissà, magari un giorno riuscirò a vedere dal vivo anche quella zona! 🙂

  7. Maria che meraviglia tutto il tuo racconto e come ti capisco!!! Come sai da sempre Fede passa il mese di luglio in Toscana coi miei genitori (e quest’anno anche i miei suoceri) ed io e mio marito a Roma ce la spassiamo…unica differenza il venerdi’ li raggiungiamo e passiamo dei bellissimi we con Fede e tutto il gruppo dei nostri amici storici con bambini
    Poter organizzare ogni sera una cosa diversa mi elettrizza…la mattina ti svegli e pensi a cosa ti piacerebbe fare…cena fuori? passeggiata in centro? cinema all’aperto? concerti? …ne parli un attimo e decidi…noi a casa stiamo sempre pochissimo anche con Fede siamo abituati a vivere fuori casa, ma cosi’ e’ molto piu’ semplice ….niente da organizzare, niente da programmare…si pensa e si parte…
    Eh si ci vuole proprio Maria, godiamoci queste giornate che ci aiutano anche a riscoprire il piacere di stare insieme e i motivi per cui ce li siamo sposati i nostri principi azzurri…
    Per la montagna anche noi l’abbiamo scoperta lo scorso anno e quest’anno abbiamo replicato…Fede e’ un camminatore instancabile , non si lamenta mai per la fatica e devo dire che anche io me la cavo…tutta la palestra fatta durante l’anno porta i suoi frutti!! E poi i panorami sono sempre impagabili…
    Quando li raggiungerai Maria? Fra poco e’ il compleanno di Marco se non ricordo male…

  8. Mi sono persa nel bosco, ma di giorno per fortuna, insieme alla mia amica, mio fratello, la ragazza e il mio ex. Stessa cosa: abbiamo sbagliato la deviazione e ci siamo accorti di alcuni tronchi che pochi minuti prima non avevamo scavalcato. Stupidamente siamo andati avanti anziché tornare indietro (non eravamo andati così avanti da non trovare la strada), pensando che avremmo visto presto il sentiero.

    Non è bello PER NIENTE. Specie se nessuno a valle sa che sei perso perché siete tutti insieme e nessuno se ne accorge. A centellinare l’acqua in cinque perché era caldo e non sai quanto ci vorrà a uscire.
    Ci abbiamo messo un’ora e poco più, solo perché grazie al cielo due di noi hanno visto gente che passava e abbiamo capito che era uno dei due sentieri (una volta raggiunto, abbiamo visto che era quello diverse centinaia di metri più in basso rispetto a quello che avevamo preso noi). Ci siamo praticamente fatti la collina in diagonale.

    Perdite a parte… che bello il tuo racconto! Mi piacerebbe molto vedere di nuovo la montagna!
    La mulattiera deve essere bellissima – stancante, ma ne vale la pena, vero? 🙂

    • @Mimi: la strada delle 52 gallerie toglie il fiato per quanto è bella! Sembra di essere sul set cinematografico del “Il signore degli Anelli”. Le migliaia di guglie, le distese di verde… Davvero stupendo!
      Ci sono 750metri di dislivello, per chi è fuori fase come me non sono pochi. E la strada del ritorno è luuunga! Ma la rifarei! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *