Il pianto del bambino manda in tilt la mamma: come ci si deve comportare?

Io lo dico sempre: “Beata chi ci riesce”, ma io non riesco proprio a rimanere tranquilla sentendo i miei figli che piangono.
Il loro pianto mi manda in tilt. Il mio cervello lo registra come: “E’ scattato l’allarme, muoviti!”
E questo in tutte le circostanze, anche quando so, con certezza, che quelle lacrime e quelle urla sono dovute semplicemente a capricci. E’ un mio limite, lo riconosco.
Nel periodo in cui li allattavo, poi, mi accadeva qualcosa di veramente strano: se sentivo altri neonati piangere, mi arrivava la montata lattea. Pur sapendo che non erano i miei.
Misteri della natura…
Ma a quanto pare non sono la sola a non resistere al richiamo del pianto. Per moltissime mamme è un suono insopportabile. Eppure c’è qualcosa che possiamo e dobbiamo fare per il nostro bene e per quello dei nostri figli.

Ce ne parla la nostra Psicologa Amica, la dottoressa Francesca Santarelli.
Ecco cosa ci racconta a tal proposito:

Scommetto che ognuna di noi, almeno una volta nella vita, è andata a cercare qualche informazione inerente il significato del pianto del bambino, soprattutto in una prima fase di vita, quando si tratta solo di un neonato.

Sono stati scritti libri, capitoli interi, articoli e pubblicazioni su libri e riviste di ogni genere.

Si sono addirittura inventati marchingegni elettronici capaci, non solo di rilevare quando il bambino piange e noi siamo in un’altra stanza, ma addirittura con la pretesa “illusoria” di interpretare e dare significato a quel pianto.

Oggi, da mamma, capisco il richiamo del mercato e della commercializzazione in quel senso.

Non ce n’è: il pianto di nostro figlio, a qualunque età, ci mette proprio alle strette!

Lo sappiamo tutti che i bambini piangono (almeno finche non parlano) perche è l’unico modo che conoscono per comunicare, qualunque sia il bisogno e il messaggio che vogliono darci: hanno fame, sete, sonno, sono stanchi, annoiati, irritati o sofferenti.

E che quando parlano, molto spesso le lacrime sono collegate alla stanchezza o ai capricci e per questo sono una scarica che esercitano per liberarsi da tensioni interne.

Ma in entrambe i casi, ripeto, tutte siamo bravissime conoscitrici di queste belle spiegazioni e la nostra razionalità ce le appoggia appieno, ma quando ci troviamo nel bel mezzo di una crisi di pianto del nostro bimbo, ecco che dentro di noi scatta qualcosa che va bel al di là delle conoscenze e della razionalità.

Il suo pianto ci va a toccare delle note profonde dentro di noi, ci mette a contatto con un richiamo interiore che a volte fa venire i brividi per quanto è forte e incontrollabile.

E mentre gli uomini spesso riescono ad esempio ad ascoltare quel pianto e nello stesso tempo mangiano tranquilli o riescono a seguire il telegiornale in sottofondo, sembrerebbe che noi mamme non siamo programmate per fare due cose insieme di questo tipo: il “suo” pianto, azzera ogni parte del nostro cervello.

Quella vocina ci perfora la testa, prende ogni spazio mentale e ci fa vibrare qualcosa di profondo che poi sfoga in molte e diverse emozioni e reazioni.

Ce lo siamo sentite dire o ce lo siamo anche dette noi stesse molte volte che “è importante insegnare al bambino che si può tollerare il pianto e la frustrazione. Che non bisogna prenderli subito in braccio , ma lasciarli anche piangere un po’ ecc…”, ma vi risulta che sia cosi semplice nella pratica?

Una volta una mamma mi disse: “ è incredibile come ogni volta che mi metto a tavola con mio marito, la mia piccola comincia a piangere. Io mi dico che non devo accorrere subito e che può aspettare qualche minuto che finisco di mangiare, ma poi mi arrabbio con la mia bocca che ci mette cosi tanto tempo a finire ogni singolo boccone “!

Mi ha fatto sorridere talmente tanto questo racconto che lo riporto sempre negli incontri che faccio mensilmente con le mamme che mi seguono… e tutte ridono e mi dicono: “Ora che ci penso, è vero!! Accade anche a me”!

Bè, oggi non voglio replicarvi le solite teorie ne dirvi che non c e niente da fare per cambiare quello che sappiamo e che siamo nella pratica dell’essere mamme, ma come sempre voglio riflettere con voi su questo piccolo accorgimento:

Prima di accorrere dal nostro piccolo che piange, proviamo a contare fino a tre e nello stesso tempo imponiamoci di fare tre respiri profondi. Questo serve per sintonizzarci con le nostre emozioni.

Poi, proviamo a pensare che il pianto che sentiamo risuona cosi forte dentro di noi, ma non nel nostro cucciolo, nel senso che non è corrispondente a quell’allarme che invece noi avvertiamo quando lo sentiamo (anche se a volte sembra che li stai “ammazzando” per quanto sembrano disperati!).

Proviamo, in quei pochi secondi, a chiederci che cosa ci vuole dire quella vocina lì che urla, ma tenendo sempre presente che non è sinonimo di dolore!

Se facciamo questo, aiutiamo il nostro piccolo a vedere nei nostri occhi, non tanto la rabbia e l’ansia che spesso invece prendono il sopravvento in queste circostanze, ma una mamma che non si spaventa di quelle urla, ma che è capace di ASCOLTARE profondamente e poi, decidere con più lucidità come e quando intervenire.

L’accorrere dunque, non serve né a noi né a loro. Dobbiamo solo imparare forse a sintonizzarci con il loro pianto e non con quello nostro interiore che risuona quando li sentiamo.

Spero di esser riuscita anche questa volta a condividere e riflettere con voi su qualcosa di utile e importante per la bella esperienza che ci accomuna.

Vi ricordo che per appuntamenti o info con la dottoressa Francesca Santarelli, potete visitare il sito Internet del suo studio: www.studiosantarellidecarolis.com.

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

20 risposte a “Il pianto del bambino manda in tilt la mamma: come ci si deve comportare?

  1. Ho sempre cercato di restare calma e affrontare i pianti (quelli veri, non i capricci) senza impanicarmi, anche perché “mia-figlia-questa-sconosciuta” proprio non sapevo da che parte prenderla. Il problema adesso è il pianto dei bambini DEGLI ALTRI! Giuro, vado nel panico. Quando sento il pianto accorato o i singhiozzoni fra le lacrime, dei figli di conoscenti o amiche, o persino di sconosciuti per strada, mi figurerei di abbracciarli, coccolarli e consolarli, mi disferei per rasserenarli, ma NON SONO MIEI! A volto mi prendo per pazza da sola. Che sia la sindrome della “quanto-vorrei-essere-nonna” in stadio precoce?

  2. @ambra…anche a me capitava, ora molto meno devo dire, di essere spesso sopraffatta da istinti diciamo primordiali verso mio figlio ed il mio compagno…..mi sono resa conto pero’ che era una semplice fase che come è arrivata così è passata per fortuna………….:)

  3. Quando Alice (19 mesi) fa i capricci non c’è storia… la lascio piangere e se la fa passare alla svelta. Ma proprio domenica pomeriggio si è svegliata in preda ad una crisi di pianto angosciante che non abbiamo capito da cosa dipendesse… Cambio pannolino, niente, ciuccio, niente, acqua, niente… lì non sapevo davvero che pesci prendere e l’unica cosa che la facesse stare serena era abbracciarmi… si è calmata ma ad un certo punto stavo per piangere insieme a lei!!!

  4. @FRANCI: quel che dici è sicuramente vero, succede, ma nel mio caso, in quell’episodio raccontato, mi sono scagliata contro mio marito! quando il bimbo era piccolo e piangeva (non spesso devo dire) quel pianto mi scatenava istinti primordiali, o animaleschi, e d’istinto dovevo intervenire. Quella volta mio marito non voleva darmelo, ma voleva tenerlo lui, e io ho reagito come un animale perchè lo volevo io. Contro il babbo, l’amore della mia vita, l’uomo più dolce e premuroso che conosco! ma così è! mea culpa!

  5. @ambra anche io purtroppo mi trovo qualche volta, mio malgrado, a perdere letteralmente la pazienza quando mio figlio piange che non vuole andare nel lettino a dormire…..purtorppo la sera sono spesso talmente stanca che mi innervosico per niente………..poi mi pento tantissimo e sto male per tutto io giorno successivo fin quando non lo rivedo dopo il lavoro….oltre ad essere mamme siamo anche esseri umani con i nostri limiti no????? 🙁

  6. Io forse perchè mi ritengo un pò maschio dentro lo lascio piangere….proprio stamattina ha fatto tantissimi capricci…piangeva…strillava come un matto ma io l’ho ignorato così dopo 10 minuti si è calmato e mi è venuto vicino e ha iniziato a darmi i bacini…per molti sarò dura ma preferisco non farmi manipolare per delle scemenze….

  7. quando mio figlio era piccolo (ora non ho più reazioni così animalesche) una volta che stava piangendo forte e mio marito non me lo voleva dare in braccio (che l’aveva in braccio lui) io ho letteralmente…ringhiato!
    Sì avete capito bene, ho ringhiato contro mio marito mostrando i denti, ho ringhiato e gli ho strappato il bimbo dalle braccia! Passata la crisi di pianto io stessa non volevo credere a quello che avevo fatto! Vi giuro che non sono una persona agressiva, e non sono una lupa, ma mi sono comportata esattamente come tale!

  8. MIO FIGLIO E’ POCO CAPRICCIOSO, FORSE PERCHE’ HA SOLO 20 MESI…RARAMENTE PIANGE, QUANDO CADE O QUANDO DI RIMANERE NEL LETTINO PER DORMIRE PROPRIO NON VUOLE SAPERNE……IN ENTRAMBE LE IPOTESI IL MIO SISTEMA NERVOSO VA LETTERALMENTE IN TILT…. 🙁

  9. cara dottoressa pienamente d’accordo am quando il bimbo piange io corro come fa maria!
    soprattutto qaundo era piccolo piccolo e ancora era difficile capire xchè piangeva era veramente una morsa al cuore.. adesso che è più grande è facile capire xchè piange e magari cerco di aprlare farlo ragionare etc, però di fatto quando piange io sono subito li pronta ad abbracciarlo e coccolarlo.
    Sbaglio? forse ma nessuno è mai morto per un abbracco in più!!!
    lui lo vedo subito sereno e tranquillo e la cosa fa star bene anche me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *