Perché alcuni bimbi si “mangiano” le unghie? E’ un disagio, come possiamo aiutarli?

Vi è mai capitato di vedere bambini con le mani in bocca che si rosicchiano le unghie?
Non è un “vizietto”, ma è la manifestazione di un disagio.
La nostra Psicologa Amica, la dottoressa Francesca Santarelli, ci spiega cosa possiamo fare e cosa non dobbiamo fare per aiutare i nostri piccoli a superare anche questo problema.
Ecco cosa ci dice:“L’onicofagia, ossia la tendenza a rosicchiarsi e mangiarsi le unghie, rientra in quei comportamenti definiti “compulsivi” (caratterizzati cioè da un’irrefrenabile bisogno di compiere una specifica azione) e di solito compare intorno ai 4-5 anni.

La tendenza a mangiarsi le unghie di manifesta in genere, come espressione di una forma di ansia generalizzata o causata da una specifica situazione o spesso, anche come forma di disagio rispetto ad un evento che il bambino sente di far fatica a sopportare.
Molte volte questo comportamento compare un corrispondenza di eventi come:
1) La nascita di un fratellino che tende spesso a determinare sentimenti di gelosia e insicurezza
2) L’inserimento all’asilo che spesso può suscitare resistenza nel piccolo, incapace di affrontare serenamente questo primo decisivo distacco dalla mamma
3) Una situazione conflittuale all’interno della famiglia

Per attenuare un senso di ansia provocato in simili circostanze, il bambino ricorre a questo comportamento con lo scopo di consolarsi almeno momentaneamente e astrarsi dalla realtà.
Del resto, è proprio l’inefficacia di questo meccanismo, che non è in realtà in grado di risolvere il disagio che lo induce, a determinare la compulsività e la coazione a rimetterlo in atto sempre con maggiore frequenza e intensità.

In base a questi ultimi due fattori si possono distinguere diversi livelli di disturbo: in genere si tratta di un fenomeno transitorio attivato da una circostanza specifica e destinato a risolversi nell’arco di poco tempo senza associarsi a un disagio più significativo del bambino.

In casi peggiori (ma senza per questo spaventarsi!) si sottolinea il carattere più “punitivo” di questa abitudine, che segnalerebbe l’incapacità di accettare i propri sentimenti negativi (come la rabbia, l’aggressività, la gelosia): l’aspetto autolesionistico connesso all’onicofagia consentirebbe di esprimere cosi il proprio senso di colpa.

Il vizio di mangiarsi le unghie non corrisponde mai però ad un atto volontario del bambino, bensì ad una sorta di automatismo indipendente dalla sua volontà.
Reagire duramente non farebbe quindi, che peggiorare la situazione aumentando l’insicurezza nel bambino e, di conseguenza, il bisogno di ricorrere a questo gesto.
Ecco perché è importante che mamma e papà capiscano che il piccolo, attraverso questo comportamento, sta esprimendo un disagio che prova e che non sa e non può esprimere a parole.
Quello che consiglio in genere a chi mi consulta è quello di riservare maggiore attenzione alle emozioni che il piccolo può provare rispetto a quello periodo della sua vita (eventi, cambiamenti, situazioni…).
Dopodiché bisognerebbe aiutarlo a esprimere tali sentimenti attraverso l’uso della parola se possibile, o altrimenti con giochi, disegni e attività ludiche che permettano di “gettar fuori” il proprio mondo interiore.
E’ anche importante offrirgli spesso la possibilità di scaricare la propria emotività (soprattutto i vissuti emotivi negativi) attraverso giochi fisici (lotta, guerra) o sport.

Ricordate che i nostri cuccioli comunicano sempre al di là delle parole….”

Per appuntamenti o info con la dottoressa Francesca Santarelli, potete visitare il sito Internet del suo studio: www.studiosantarellidecarolis.com.

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

32 risposte a “Perché alcuni bimbi si “mangiano” le unghie? E’ un disagio, come possiamo aiutarli?

  1. La mia piccola si mangia le unghie…..a solo 2 anni e mezzo nn so perche lo faccia,eppure e una bimba tranquilla,forse un po nervosa x il fatto che cercava sempre il seno,però cn una scusa sn 4 giorni che nn prende il seno e sta reagendo bene anche la notte. Era piu
    Nervosa prima ,ma cmq leangia lo stesso!!!!

  2. Buonasera,sono una mamma di unabimba di 2anni e mezzo, e da un po, che la mia piccola si rosicchia le unghie e sinceramemte nn riesco a a capire xche lo faccia!!!!

  3. La mia bimba di tre anni ha iniziato a mangiarsi le unghie
    Penso perche si stia rendendo conto che
    Sia giunta la ora di staccarsi dal seno, perche
    Le sto dando ancora latte materno ma…..
    Inizia a darmi fastidio e glielo sto facendo
    Notare ….e lei ne sta soffrendo molto

  4. Di unghie sono esperta! Da quando ero bambina mangio le unghie, ancora adesso che ho più di 50 anni e tutti i metodi che ho provato non hanno funzionato. Di costanza non se ne parla, non ne avevo assolutamente. Ora è diverso. Da quando ho imparato a lavorare a maglia lo scorso anno a santa cristina val gardena in vacanza non faccio altro che quello quando mi viene voglia di mangiarmi le dita. Il risultato è che le mani sono occupate e quindi mi dimentico di metterle in bocca perchè sono concentratissima sul lavoro e in più mi faccio mettere la resina una volta al mese dall’estetista. Mi aiuta perchè le unghie sono molto fragili ma sotto a questo crescono tranquillamente senza essere mangiucchiate. Devo molto a questo hobby meraviglioso che mi permette anche di creare dei bellissimi capolavori per tutta la mia famiglia. Provate, anche le ragazzine di 14 anni possono lavorare a maglia e si fanno gli scialli e berretti do it yourself. Simona

  5. buona seraa io sono un papa’ abbastanza preoccupato e spigo subito il perche’ : mia figlia ,quasi 14enne,oltre a mangiarsi le unghie spezzetta tutte le spugne che trova quindi domando a lei ,anche se capisco che potrebbe essere un problema di emotivita’ .Con questo porgo distinti saluti e attendo una sua risposta ringraziandola anticipatamente

  6. Ho 30 anni, mangio da sempre le unghie, senza particolari alcun problema per le stesse o per le dita. Sono un Medico. Non le mangio in condizioni di stress, non ho avuto particolari stress da bambino, non sono una persone aggressiva, ne chiusa, ne mi ritrovo minimamente in una qualunque delle cause da voi indicate. Ricordo però benissimo che TUTTI i miei compagni di classe da bambino si mangiavano le unghie. Secondo me avete sbagliato in pieno. Mangiarsi le unghie è semplicemente un istinto naturale, e non una malattia, che tutti i bambini fanno,e che vien poi repressa con la forza dai genitori per convenzione sociale. Questa è la mia esperienza di mangiatore di unghie non stressato ne compulsivo ne problematico. L’unicao problema che mi ha causato mangiar le unghie è il dover subire le offese degli altri. Certe volte la psicologia serve solo a criminalizzare comportamenti “diversi” e non compresi dalla maggioranza. Fatevene una ragione spesso non ci son problemi dietro atteggiamenti che per voi son “strani” ma solo una visione differente delle cose.

    • Grazie della risposta. Finalmente qualcuno che la pensa come me. Ora ogni comportamento è visto come un problema che porta a doversi rivolgere a uno psicologo. Ma chi 30 anni fa si mangiava le unghie e non è stato seguito ora è un criminale, è un pazzo, è un problematico? Ma dai facciamola finita. Ora se non vai dal logopedista o dallo psicologo non sei normale. Ma abbiamo tutti problemi? I problemi esistono perché ce li creiamo noi. Non perché ci sono. I veri problemi sono altri

  7. MIA FIGLIA HA 2 ANNI E MEZZO E ROSICCHIA LE UNGHIE. PENSO CHE QUELLO CHE DICE LA DOTTORESSA E’ GIUSTO MA PUO’ANCHE ESSERE CHE LA BAMBINA FACCIA QUESTO PERCHE’ E’ CIRCONDATA DA ALTRE PERSONE IN FAMIGLIA CHE LO FANNO? E IN QUESTO CASO SIAMO LA MAMMA ,LA SORELLA E IL FRATELLO.

  8. @Jessica: non sono nessuno per giudciare, una situazione tra l’altro che non conosco, pero’ non credo vi serva il parere dello psicologo per il problema delle unghie….la risposta l’hai data da sola, tua figlia cosi’ piccola vive un disagio molto pesante.
    Capisco che possa essere difficile molte volte trattenersi, ma credo che per amore di vostra figlia dobbiate imparare a non discutere in sua presenza, penso sia davvero brutto che una bambina cosi’ piccola chieda ai genitori di smettere di litigare, che ne pensi?
    Cercate di rimandare le discussioni ai momenti in cui dorme oppure non e’ presente, non quando fa altro, perche’ i bambini sembrano distratti ad esempio dal gioco ma invece sentono tutto …ti auguro di ritrovare la serenita’ familiare

  9. Salve, mia figlia ha 22 mesi e’ un po’ che si mangia le unghie..ma io forse mi son gia data la risposta…non vivo una situazione serena in famiglia…mi vede spesso piangere quando litigo col mio compagno…a volte e lei a dirci basta basta..mi sento veramente in colpa…premetto che la causa maggiore dei miei litigi e perche il mio compagno lavora furi e dal lunedi al venerdi non lo vediamo…nostra figlia aveva quattro mesi quando ha cominciato col lavoro fuori…Dottoressa qual e il suo consiglio per noi..

  10. Mio figlio Manuel ha cominciato a rosicchiarsi le unghie all’inizio del suo primo anno di scuola elementare.C’è da dire che ha un disturbo del linguaggio e quindi è deducibile che vive una situazione di stress e ansia per questo nuovo percorso scolastico.Di certo la non buona comunicazione non aiuta.Avrei bisogno di un consiglio per aiutarlo.Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *