Tata Simona: “Avete bimbi piccoli? Fategli vivere il Natale come una grande emozione”

Fra qualche settimana arriva il Natale!
E come ogni anno ho chiesto a Tata Simona di scrivere qualche riga per noi.
Devo dire che questa volta il suo messaggio di auguri è davvero prezioso!

Eccolo:

“Molti genitori, mi hanno scritto in questi giorni per chiedermi consigli su come approcciarsi ai loro bimbi sul tema Natalizio.
Spesso mamme e papà di bimbi piccolissimi rimandano agli anni successivi i festeggiamenti perchè convinti che i loro piccoli non percepiscano ancora lo spirito del Natale.
In realtà bisogna sfatare questa convinzione, perchè se è vero che i bambini piccoli non hanno la capacità di comprendere concetti complessi e articolati, è vero anche che vivono di  sensazioni, la magia del Natale si può trasmettere attraverso le canzoni, le luci e l’atmosfera che si crea in un momento così familiare.
Se riuscirete a non sottovalutare la sensibilità dei vostri bambini gli regalerete delle emozioni che inevitabilmente rivivranno per tutta la vita, guardate ogni cosa con gli occhi di un bambino, come se fosse la prima volta, soffermatevi davanti ad una vetrina addobbata, ammirate le luci e i colori, mettete come sottofondo delle canzoni natalizie mentre fate l’albero o preparate il presepe, trasmettete ai bambini l’attesa e lo stupore di questo momento magico.
Sarà un modo per riscoprire il vostro lato fanciullesco e permetterete ai bambini di partecipare insieme a tutta la famiglia ad un momento di condivisione che può essere contagioso , ogni volta che ascolteranno una canzone di Natale, o vedranno le luci di un albero addobbato, rivivranno una sensazione di gioia e di calore che magari non sapranno razionalizzare, ma gli ricorderanno di essere stati dei bambini felici e amati……

Buone Feste a tutti!!!!!!!!!!”

Che dire: è proprio vero!

Tanti auguri anche da parte nostra a Tata Simona e alla sua famiglia!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

7 risposte a “Tata Simona: “Avete bimbi piccoli? Fategli vivere il Natale come una grande emozione”

  1. x ciocco73: io sono di bergamo e qui si festeggia s.lucia, non è che potresti mandarmi in qualche modo il telefono di questa signora che si diverte a fare s.lucia al telefono? io ho un bimbo di 2 anni, e quest’anno per la prima volta forse può iniziare a capire s.lucia, abbiamo già scritto la letterina e lui stesso ha scelto il regalo che vorrebbe ricevere
    Grazie mille in anticipo!

  2. Maria è troppo carina…..hi hi rubata!!! proverò vediamo che salta fuori. In quanto a clima natalizio la mie cucciole lo hanno sempre vissuto proprio. Divento peggio dei pupi in questo periodo. Me lo godo proprio e per rendere l’idea mi hanno già confiscato la chiave della soffitta….altrimenti non resisto!!!! Un anno però ho fregato tutti e fatto il doppione hi hi non vi dico mio marito….Domani albero e via con i cd natalizi….

  3. io penso che il natale sia una festivita splendida e cerco di trasmettere la magia che sento dentro di me ai piccoli,per far vivere loro la gioia dell’attesa…marco ha gia imparato la poesia con tanto di mimica ed ora sta preparando lo spettacolo…
    quando siamo andati a san gregorio armeno mi son fatta aiutare a scegliere degli addobbi x l’albero…ogni mattina gli faccio aprire uan finestrella del calendario dell’avvento… insomma viviamo un’atmosfera a mio parere un po magica…
    sperando che la salute ci accompagni vorrei che il prossimo fosse un buon Natale…

  4. @Maria: grazie x l’incoraggiamento…ci proverò anche perchè anche a lui piace mimare le canzoni (di solito cantiamo sul water “ninna nanna del chicco di caffè” o “un milione di anni fa” o “dagli una spinta” e con suo papà “parapapà” e altre ancora che a volte mi tocca inventare sul momento xchè le impara al nido e io non le so… non è proprio il posto ideale ma almeno si rilassa) e mi segue anche con le parole…

  5. Da noi, come ho già detto prima, è molto sentita S.Lucia, che porta doni ai bimbi in groppa al suo asinello, munito di una campanella x avvisare i bimbi ancora alzati che s.lucia sta arrivando e devono correre a letto.
    beh, ieri sera il mio luca ha parlato con s.lucia al telefono e ha sentito il campanello dell’asinello…non vi dico com’era emozionato e felice, soprattutto x l’asinello!!!
    al mio paese di origine (20 km da dove abito ora) c’è la mamma di una mia ex compagna delle elementari che da anni si diletta a fare s.lucia e ha messo a disposizione delle mamme il suo telefono per far parlare con la santa i bambini. E’ una bella cosa quella che fa questa signora perchè i bimbi sono super-emozionati di parlare con la santa che porta loro i doni (mi ha raccontato di bimbi che chiamano anche per tanti giorni di fila e le chiedono ad esempio come trova la loro casa visto che è cieca e non vi dico cosa si inventa)

    poi per natale vorrei provare a far dire una brevissima poesia a Luca (visto che al nido non lo fanno), so che è piccolo, ma se ci riesce bene, altrim ci penseremo il prossimo anno…

    credo che anche questo sia un modo di rendere speciale il periodo delle feste.

    • @Ciocco73: io da un po’ sto cercando di insegnare al mio Luca la poesia che nella mia famiglia si “affida” al più piccolo:. “Tutti andiamo alla capanna per vedere cosa c’è. C’è un bimbo che fa la nanna tra le braccia della mamma. Se avessi un vestitino lo darei a quel bambino. Vestitino non ne ho, un bacino gli darò!”.
      Al momento Luca mi accompagna nelle parola nanna, mamma, bacino. Ma devo dire che fa una bella mimica di tutta la poesia. Ed è comunque uno spettacolo da non perdere! Provaci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *