La bugia di Babbo Natale

I vostri bimbi credono a Babbo Natale?
E a che età è giusto far sapere la verità ai bambini?
Luca, quasi 20 mesi, è ancora troppo piccolo per comprendere certe cose.
Certo, vive l’atmosfera di festa, osserva ammirato il presepe e cerca costantemente di smontare l’albero, ma null’altro!
Di Babbo Natale, dell’omone grosso dalla barba bianca, ha addirittura paura.
Ma è normale per i bimbi di quella età.
Ricordo la prima festa al nido di Marco. I bambini del secondo e terzo anno erano eccitatissimi per l’arrivo di Babbo Natale. Quelli del primo anno… spaventatissimi.
Il mio piccolino si rifiutò di fare la foto di gruppo insieme a quel “tizio” e quando cercò di salutarlo, scoppiò in un pianto disperato!
Luca idem. Quando vede Babbo Natale per strada, se è lontano ok, sta tranquillo, ma quando si avvicina…  scappa!

Marco, invece, adesso è diventato grande, 4 anni abbondanti, e a Babbo Natale ci crede… e no!

Nella sua testa esiste. Ma quello vero, quello che vola con la slitta trainato dalle renne non si vede. Tutti quelli che si trovano per strada invece sono “uomini” vestiti da Babbo Natale. Insomma sono FINTI!
Domenica scorsa (forse ve l’ho già raccontato!) un Babbo Natale lo fermò e gli chiese: “Cosa vuoi che ti porti?”
E Marco gli rispose: “Tu? E perché dovresti farmi un regalo?”
Babbo Natale ci rimase malissimo.
Poi Marco aggiunse: “Niente, non voglio niente perché non ho spazio in casa. Non so dove mettere i giocattoli”
Babbo Natale spalancò gli occhi. Poi, aggravando la situazione, disse: “Non mi credi? Ho parcheggiato le renne dietro l’angolo!”.
E Marco lo azzittì dicendogli: “Arrivo proprio da lì, non ci sono renne. Vai a controllare tu. Se le hai lasciate veramente, beh! mi sa che sono scappate!”
Non penso che qualcuno prima di allora gli avesse dato risposte simili.

Io ridevo come una pazza sotto i baffi. Se qualcuno mi avesse raccontato una scena simile non ci avrei creduto. Già non credevo alle mie orecchie. Mio figlio, timido com’è, che dà quelle risposte!

Lui, però, un regalo da Babbo Natale, quello vero, se lo aspetta. Uno solo.
Ancora non ha deciso quale. Ma spera di trovarlo la mattina di Natale sotto l’albero!

Ieri sera mi ha detto: “Mamma, come facciamo a dire a Babbo Natale che noi siamo dai nonni? E se poi lui viene a casa nostra e non trova nessuno?”
E io: “Amore, lui è magico, sa e vede tutto!”

Ma torniamo alla domanda iniziale: dobbiamo mentire ai nostri figli e fargli credere all’esistenza di Babbo Natale o, se ce lo chiede, dirgli la verità?

I bambini dai due ai cinque anni vivono già in un mondo fantastico, popolato da mostri, fate, gnomi e elfi. Per loro è facile credere a questo personaggio magico.

Ma quelli più grandicelli?
Voi vi ricordate fino a che età avete creduto a Babbo Natale?

Io sì, fino a 40. Ma li compirò l’anno prossimo 🙂

Scusate, ma chi ha detto che Babbo Natale non esiste?

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

30 risposte a “La bugia di Babbo Natale

  1. @mimi: mai visto il film “Miracolo sulla 34 strada”? La frase di Sara che anche cio’ che non si vede puo’ esistere viene dritta da li’, pero’ credo che lei volesse solo parlare della magia del Natale, dell’atmosfera di attesa che non deve perdersi per strada nemmeno da adulti perche’ e’ un sentimento bello e nobile…se invece intendeva proprio il vecchietto con la slitta in carne e ossa concordo con te…ci vuole un dottore bravo!

  2. @ Sara: se dici che credi nella “magia” della storia di un vecchietto che gira tutto il mondo su una slitta trainata da renne volanti, allora dai ci può stare.

    Ma che mi paragoni Babbo Natale all’aria “perché c’è ma non si vede”… sembra che arrivi dritta dritta dal Medioevo, scusami.
    Che l’aria esista anche se non si vede è scientificamente dimostrato da secoli… Altrimenti come faremmo a respirare?!

    Stessa cosa per l’amore: è un sentimento che si prova e che come tale ha effetti sulle persone.

    Che Babbo Natale (e soprattutto delle renne volanti!) esista perché “non ho scritto lettere ma i regali c’erano” sono discorsi che non fa una donna sposata ma una ragazzina di 6 anni…

  3. Io ci credo.
    Non vuol dire che se non vedi babbo natale non esiste, allora non esiste nè l’aria e nè l’amore.
    Io e mio marito non abbiamo mai letto letterine o messo regali sotto l’albero, eppure il giorno di natale c’erano regali!!

  4. Ciao ho scoperto da ieri (da una mia amica) che babbo natale non esiste: in realta sono i nostri genitori che leggono la lettera sotto l albero e poi ci comprano tutti i regali…..infatti, se ci pensate vi siete perche la lettera te la fanno scrivere tipo una decina di giorni prima di natale???
    Io pensavo che fosse una bugia, ma poi mi ha detto che ha visto suo padre di notte prendere la lettera
    Da allora mi sono chiesta molte cose: per quanto i miei genitori avrebbero continuato a mentirmi?se e vero che loro babbo natale, questo vuol dire che ci fanno una decina di regali, alcuni anche costosissimi………

  5. Io ho 49 anni e sono il papà di di un dolcissimo ragazzino di 10 anni….età critica soprattutto per la cattiveria di altri bambini che provano piacere a deridere chi ancora crede ….
    Ma chi lo ha detto che Babbo Natale non esiste? Io credo in Babbo Natale ed anche mio figlio ci crede, anche se è combattuto dall’incredulità dei compagni di scuola. Ma se anche non esistesse???
    Perchè distruggere nella nostra fantasia e nei nostri cuori una cosi fantastica, piacevole, intima e profonda favola….forse reale? E’ tanto bello credere nell’arrivo di questo grande e dolce uomo con la barba bianca e con un sorriso cosi profondo…..in mezzo alla giungla di soggetti, di guai e di problemi in cui viviamo o sopravviviamo quotidianamente…che sarebbe solo cattiveria e cattiveria gratuita convincersi e convincere gli altri che Babbo Natale non esista.
    Esiste, esiste e dipende solo dal nostro cuore e dalle capacità che abbiamo di farlo funzionare., continuare a crederci. Un abbraccio a tutti, indiscriminatamente.

  6. io avevo 5 anni e siccome non ci credevo e volevo accertarmene prima di dirlo, ho finto di dormire per poi sorpendere zii, nonni e genitori e infatti li ho beccati mentre mettevano i regali sotto l’albero, ma non ho detto nulla sino all’anno successivo, infatti l’anno dopo quando mi hanno chiesto cosa volessi da “gesù bambino” o “babbo natale” risposi che da loro due non volevo nulla e che mi chiedessero apertamente tutti cosa volevo da loro, invece mio figlio che ora ha 25 anni mi ha detto che ci faceva credere che era babbo natale che portava i doni perchè poi eravamo costretti a farne uno anche noi per natale…ahahaha vedi un po’….

  7. X Vale…infatti io ho scritto “festeggiano”….forse non mi sono spegata bene..è come se organizzi
    una festa di compleanno con tanto di regali, torta ecc…ma il festeggiato non viene o non esiste neppure! Passare del tempo con la famiglia è ottimo e necessario e lo condivido. Io che sono credente e praticante però mi trovo troppo coinvolta dalla festa “commerciale” e mi stresso per nulla perdendo di vista di accogliere veramente il vero festeggiato…ma parlo x me…, ma dico e sottolineo X ME…e X ME non ha senso tutto il festeggiamento se ci si dimentica perchè c’è la festa del Natale…poi ciascuno può darle il valore che vuole…ciao

  8. @GABRIELE:mamma mia, che visione triste del natale…se uno guarda il natale da questo punto di vista, cosa nella vita puo’ farci ancora sorridere?
    @claudia: uno che no nci crede, coglie l’occasione per passare un periodo il piu ‘sereno possibile con la propria famiglia, fuori dalla frenesia del quotidiano.ti pare poco? a me no, per me e’ gia’ un gran dono…

  9. @io….forse mi ascoltata…mi sento più serena…sarà l’atmosfera? grazie comunque
    @Gabriele…che pessimista mamma mia!
    Buon NAtale a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *