Con i “topini” la merenda diventa una festa!

Questa ricetta l’ho scippata dalla pagina Facebook di Cotto e Mangiato, ma mi sembrava troppo golosa per non proporvela…

Si tratta di “Topini di meringa”.

Ecco la ricetta (inviata da Nadia):

Iniziate a montare 2 albumi con la frusta elettrica, unite 220 gr di zucchero e lavorate bene fino a ottenere una meringa soda. Mettete il composto in una sac à poche (se non l’avete usate un cucchiaio) e iniziate a formare sulla carta forno il corpo dei topolini (praticamente degli ovali allungati) con tanto di coda. Fate gli occhietti con le palline argentate e le orecchiette con mezza mandorla (o scaglie di mandorla affettate).

Infornate a 160° per mezz’ora.

Una volta sfornati e raffreddati formate il nasino e i baffetti con del cioccolato fondente fuso.

Non vi sembra una ricetta carinissima?
Da fare con i bambini nelle grigie domeniche d’inverno mi sembra perfetta!

Tra i commenti al post ho trovato anche un’alternativa interessante fatta con i Pan di Stelle, marmellata di albicocche, Philadelphia, nutella, pinoli e smarties.

L’unico dubbio che ho è sui tempi di cottura! Il mio forno (elettrico) impiega un po’ di più per cuocere le meringhe…

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “Con i “topini” la merenda diventa una festa!

  1. sperimenterò queste meringhette anche perche non le ho mai fatte, vedremo il mio forno che ne pensa 🙂
    @maria se posso un suggerimento…e se anche con il nostro blog preferito aprissi una pagina facebook in cui rispecchiare i tuoi articoli? 🙂

  2. Maria quanto di più di cottura? e usi il forno normale o la funzione “ventilato”? io ho provato due volte a fare le meringhe ma in entrambi i casi mi sono rimaste umide e appiccicose all’interno..niente a che vedere con vere meringhe insomma…!

    • @Sere86: Io ho provato diverse volte e devo dire che l’unica volta che le meringhe erano degne di essere chiamate tali è stato quando le ho fatte cuocere per due ore!

  3. Attenzione! Vi consiglio di aggiungere i confettini (per gli occhietti) e le parti zuccherose dopo il passaggio nel forno per la cottura!
    La mia prima torta (ero agli inizi in cucina) l’avevo costellata di confettini azzurri… con il calore del forno si erano sciolti in una glassa compatta ed azzurra!
    mi son salvata con un pò di fantasia, aggiungendo altre decorazioni e scrivendo con la panna “PUFFOLANDIA”, meno male che non avevo usato confetti rosa!

  4. io su un libricino per bambini ho trovato anche i topini fatti con biscotti secchi, filadelfia e nutella. tutto impastato a formare il topo, nasino e coda con stringhe di liquirizia e orecchiette con due smarties. son venuti buonissimi e i miei bimbi schizzinosi hanno apprezzato…
    la variante riccio invece prevede aculei fatti con i mikado ! slurp !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *