Lo spray anti-mostro!

Emanuela Folliero, ospite di Silvia Toffanin a Verissimo, ha raccontato la sua avventura di mamma e ha detto che quando mette a letto suo figlio Andrea, per farlo dormire sereno, spruzza nella stanza un particolarissimo prodotto finto: lo spray anti-mostri. Efficace e d’effetto. Il finto spray è urticante: i mostri si grattano e scappano via!
Secondo me un’invenzione geniale!
Intorno ai tre anni, infatti, i bambini cominciano ad avere tante paure: paura del buio, paura dei mostri, delle streghe, del lupo, eccetera.

Ma “E’ giusto inventare storie del genere per tranquillizzare i bambini?” Lo ha chiesto Silvia Toffanin a Tata Simona.

E la tata ha risposto così: “E’ giusto, anzi giustissimo stemperare le paure dei bimbi con un po’ di magia. Quindi ben venga lo spray anti-mostri, ma anche la fatina con i brillantini che manda via il lupo. E storie simili. Effettivamente è il modo giusto per approcciarsi al bambino e permettergli di vivere anche questa avventura come una favola.”

Che ne pensate?

Tata Simona, nel corso della puntata ha dato anche dei consigli su come usare, quando e come togliere il ciuccio ai bambini!
Volete sapere di più? Eccovi il video!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

9 risposte a “Lo spray anti-mostro!

  1. Mia figlia ha paura di fare i brutti sogni 😉 Allora le abbiamo detto che per sognare cose belle, deve addormentarsi pensando a cose belle… e così al mattino mi racconta dei giri in giostra che ha fatto nei sogni e tante altre cose divertenti.
    Anche io dico sempre a mia figlia che i mostri nn esistono e quando vediamo qualche cartone animato (tipo Ben10) le spiego semplicemente che sono finzioni, disegni animati fatto da persone come noi.
    L’unica cosa particolare è che al momento mi chiede di raccontargli fiabe che nn abbiano personaggi cattivi…ma quanto è difficile trovarne una diversa ogni sera???? Alla fine ricadiamo sempre su Cenerentola…ormai ho la versione breve e quella lunga e guai a sbagliare qualcosa…mi riprende sempre 😉
    Per il ciuccio invece io una sera, aveva quasi 3 anni, le ho semplicemente detto che ero troppo stanca per andarglielo a prendere (lei era già nel letto e lo avevamo dimenticato giù in cucina)…si è addormentata da sola…ed il giorno dopo idem…le ho detto “Ormai sei grande..dormi già senza ciuccio!!!” e lei era tutta contenta perchè era diventata grande…poi nn me lo ha più chiesto.
    Un abbraccio

  2. Io preferisco semplicemente raccontare la verità….i mostri nn esistono punto e basta. La magia la creiamo per tante altre cose, come la fata del dentino, il natale, la notte di san lorenzo e tante altre cose….i mostri sono davvero inutili! Se dovesse capitare che vedono alla tv qualcosa che nn devono, anche perche ultimamente si parla di fascia protetta quando in realta mandano in onda qualsiasi cosa, gli spiego semplicemente come fanno a creare i mostri e i trucchi che usano…..e le mie figlie nn hanno paura di niente! Con me funziona e la magia lo sanno bene cos’è anzi….nn sto a descrivere i ns momenti magigi soprattutto a natale!!!

  3. ciao, vi leggo ogni giorno, ma è la prima volta che scrivo. Sono mamma di due bimbe: Giulia che compie 4 anni il prossimo mese ed Alessia che compirà 2 anni a dicembre.
    La mia esperienza per quanto riguarda il ciuccio è questa: Giulia era molto dipendente dal ciuccio; qualche mese prima della nascita della sorellina avevamo già cercato di diminuirne l’utilizzo, chiamando un uccellino “immaginario” che glielo portava solo per la nanna. Al risveglio Giulia lo richiamava e lui se lo portava via. Con la nascita della sorellina la richiesta del ciuccio è ovviamente aumentata e l’abbiamo assecondata, forti di tutte le letture fatte per affrontare al meglio la regressione/gelosia tipica per una bimba di 2 anni a cui arriva una sorellina:-)
    A poco a poco abbiamo nuovamente diminuito l’utilizzo del ciuccio ed eravamo tornati ad usarlo solo per la nanna, sempre con l’uccellino che lo portava.Dopo 6 mesi dalla nascita della sorellina (giulia aveva quindi 2 anni e 1/2) un giorno mentre lavavo il ciuccio ho detto basta! Ho tagliato il ciuccio in 3 grossi pezzi, ho scritto una letterina a Giulia da parte dell’uccellino in cui lui le diceva che quel giorno, mentre le portava il ciuccio a causa del grande caldo (era luglio) era molto stanco ed il ciuccio gli è caduto dal becco ed è finito sulle rotaie dove è subito passato un treno che ha ridotto il ciuccio come lei poteva vedere. Le diceva anche nella letterina che lui era però sicuro che Giulia avrebbe capito che ormai era una signorina e che il ciuccio non le serviva più, è per i bimbi piccoli! e per premiarla e per darle una compagnia per la nanna le ha regalato un morbido pupazzetto coccoloso. Subito Giulia ha reagito bene, anche troppo…ovviamente al momento di andre a nanna ha pianto parecchio, ma siamo stati fermi sulla nostra posizione…ha pianto ancora per le 2-3 nanne successive e poi non ha più chiesto il ciuccio!!
    Credo sia vero che ad una certa età sono pronti ad abbandonare il ciuccio…
    scusate se mi sono dilungata, ma mi faceva piacere raccontare la mia esperienza 🙂
    Con Alessia vorrei fare la stessa cosa, ma Giulia già ad un anno parlava benissimo…Alessia invece capisce tutto, ma proprio tutto, ma è molto più pigra a parlare per cui è più difficile fare dei discorsi ed interagire…ma anche con lei vorrei rifare la stessa cose.

  4. MARIA80 non hai molta scelta, o aspetti che sia lui a dirti che non lo vuole, e ci potrà mettere + tempo di quanto possa piacere a te, oppure sopporti il delirio che prima poi finirà.
    Anche io ero semi disperata x la mia grande che voleva il ciuccio sempre….ero riuscita a convincerla che a scuola non si portavae nemmeno mentre si giocava e poi un giorno mi ha guardata e mi ha detto “mamma lo posso buttare via?” “si certo, ma devi essere sicura perchè poi non c’è più” e lei si è alzata e ha buttato il suo ciuccio nella pattumiera e non me lo ha più cercato. Così senza drammi.

  5. La mia piccola che farà tre anni il mese prossimo, è un periodo che parla di mostri, ma io le dico che in casa nostra i mostri non possono entrare perchè sanno che noi non li vogliamo…ecco perchè mettiamo l’antifurto 🙂 Lei sembra crederci ed è tranquilla. Quando le dicevo che non esistono non funzionava, allora ho adottato qst strategia che sembra più efficace

  6. Il mio problema invece è il ciuccio. Le ho provate tutte per non farglielo più cercare ma nulla…Il mese scorso siamo andati al parco Oltremare e c’è un cactus di legno dove i bimbi appendono il loro ciuccio che poi verrà dato ai piccoli delfini (idea bellissima e non immaginate quanti ce ne erano appesi). Lo avevamo convinto a “regalare” anche il suo e sembrava resistere ma dopo un’oretta…il delirio….e siamo tornati a riprenderlo! Ho esaurito le idee ed accetto qualche suggerimento visto che sicuramente tra di voi cìè chi ci è già passata….

  7. le mie bimbe non hanno tante paure, una comunque tutte le sere mette i suoi pupazzi sulla sponda del letto che la guardano, così la proteggono, con la grande invece hanno funzionato le Winx, quando apparivano delle paure, ho sempre azionato lo scudo protettivo delle fatine che proteggeva la nostra casa da tutti i mostri.
    la Magia funziona sempre e fino a quando sono piccoli un pizzico di magia nella vita ci vuole no???

  8. noi abbiamo messo alcuni pupazzi a guardia del letto…dopo qualche notte con incubi, abbiamo posizionato alcuni pupazzi tra i duoi preferiti che ora sono stati promossi a guardiano, sono a fianco del suo letto, e se anche qualcuno riuscisse a forzare porte e finestre, loro sono li’ per fermarli!!!
    aveva funzionato…

  9. spesso marco mi chiede di raccontargli favole come cappuccetto rosso o i 3 porcellini dove il lupo ha la peggio forse per esorcizzarne la paura e poi qualche volta mi ha chiesto se qui in casa poteva entrare un lupo o cmq mi ha fatto capire che temeva che potesse entrare il lupo… non ho inventato storie ho solo rafforzato la realtà e cioe che abbiamo tutte le imposte chiuse, le tapparelle abbassate, una casa solida di cemento e mattoni (rimarcando la casetta del porcellino) e tanti altri punti a nostro vantaggio per fargli capire che no qui il lupo proprio non puo entrare anche perche ci sono mamma e papà che glielo impediscono se proprio non bastassero le altre cose…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *