Parto, la valigia per il bebè

Preparata la valigia per la mamma, ora bisogna pensare al bebè e sistemare l’occorrente. E’ vero che gli indumenti sono così piccoli, ma così piccoli che basta davvero poco spazio. Ma è quello più prezioso!

Mi ricordo che, soprattutto per il primo figlio, mi emozionavo anche a guardare quei body e quelle tutine così… mignon.

Le avrò piegate e riaperte e ripiegate e riaperte mille volte…o forse più. E vogliamo parlare dei calzini? Praticamente lunghi… come il mio dito!!

Help! Mi sto perdendo un’altra volta. Fermatemiiii…

Allora, dicevamo, della valigia.
Ogni ospedale stila una bella lista delle cose che bisogna portare.

In ogni caso è bene non dimenticare:

1) Tutine, almeno tre. Se poi serviranno le altre ci sarà il papà, che intanto fa la spola tra casa e ospedale, a portare le altre. Ovviamente dipende dal periodo: se è primavera-estate-autunno è preferibile portare quelle di cotone. In pieno inverno la ciniglia. Anche se negli ospedali c’è un caldo…
2) Body in cotone. Qui abbonderei un po’, almeno cinque!
3) Bavaglini
4) Calzini in cotone senza elastico
5) Una copertina morbida in cotone in cui avvolgere il piccoletto. Se è estate vi consiglio di portare un lenzuolino da utilizzare durante l’allattamento per separare il bebè dalla mamma, altrimenti vi appiccicate tutti e due!
5) I vestitini per le dimissioni.

Vi racconto la mia esperienza.
Quando è nato Marco, 27 luglio, faceva talmente tanto caldo in ospedale e fuori che l’unica cosa che potevo mettergli erano i body in cotone leggero.
Mi è servito anche il lenzuolino proprio per separare la mia pelle dalla sua! E i bavaglini. Null’altro.
Anche quando siamo usciti dall’ospedale il piccoletto era in body. C’erano 40 gradi! Mettergli altro sarebbe stata una tortura.

Quando è nato Luca, 25 aprile, avevo portato le tutine di ciniglia. Ma poiché il puffetto rigurgitava sempre e quindi si sporcava in continuazione, per tenerlo asciutto avrei dovuto avere con me una scorta di almeno 20 tutine. E allora? Ho usato allegramente i camicini messi a disposizione dall’ospedale.
Comodi… e soprattutto li lavavano loro! Mi sono trovata benissimo.

Alcune mamme avevano portato il ciuccio. Io no.

Altre avevano portato le muffole in cotone (era la prima volta in vita mia che le vedevo). I neonati hanno quelle unghiette morbide ma che graffiano…

Altre ancora avevano usato dei sacchetti di cotone per separare i vari cambi del piccolo. Io non l’ho fatto. La prima volta perchè… non lo sapevo. La seconda volta perchè avevo visto che l’ospedale forniva tutto il necessario per il cambio bebè, a parte body e calze, e quindi ho portato veramente lo stretto necessario.
Prova ne è che quando è nato Marco avevo una valigiona di quelle extra che in vacanza porto in genere quando devo stare via due settimane. Quando è nato Luca … avevo una ventiquattrore o poco più! 😮

Infine, ricordate di portare tutti i documenti: tutte le eco, le visite fatte durante la gravidanza, la tessera sanitaria.

Spero di non aver dimenticato nulla…

Ma quanto tempo prima si prepara la valigia? Almeno un mesetto prima, non si sa mai!

Buon parto a tutte!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

19 risposte a “Parto, la valigia per il bebè

  1. la mia piccola si chiama Elisa. amo i nomi italiani e possibilmente di famiglia, e infatti Elisa era la nonna di mio marito.
    fare la valigia mi ha emozionato tantissimo, perchè prima ho lavato, appeso e stirato tutto e vedere tutto il suo guardaroba profumato e pronto per essere usato mi ha scombussolato un pochino, ma lo stendino tutto rosa e bianco era uno spettacolo!!!

  2. cao, anche nell’ospedale dove ho partorito c’era il rooming-in ma causa parto cesareo le prime due notti non l’ho tenuto… la terza notte non sono passati a prenderlo dopo la poppata delle 23.00 e abbiamo dormito insieme nel mio letto… al mattino dopo non vi dico sarà stata la vicinanza del cucciolo ma a me è arrivata la montata.. seno enorme e dure ho mandato mia mamma a prendermi un reggiseno nuovo ho dovuto prendere la 10°… il cucciolo non si attaccava bene ho dovuto acquistare i paracapezzoli per poterlo allattare…

  3. Per Laura:
    come ti capisco,ho ancora davanti agli occhi l’ immagine mia da sola in sala parto a piangere x la commozione di aver dato alla luce la mia piccola stella e il mio ex a fare fotografie di là con i parenti:-((((((((((((((
    Storie di ex!!
    Per quanto riguarda calzine e tutine,che meraviglia,le prime sono rimaste impregnate del profumo di Carlotta per un pò di tempo, non volevo lavarle per paura di perdere quel magnifico odore

  4. Ciao!a proposito di rooming-in,nel mio ospedale non c’era ma io sono d’accordo.Ok che una volta a casa il bimbo ovviamente è con te 24 h al giorno ma credo che un paio di giorni di riposo soprattutto la notta sia meglio.Lì la notte il nido era cmq accessibile quindi per allattare non c’era problema.

  5. ciao..
    che bei ricordi… la valigia è stata preparata con largo anticipo… per scaramanzia… avevo impacchettato i vari completini del bimbo nei sacchettini e messo il nome… tutto in ordine… poi già pensato il marito a mettere in disordine…. quando mi hanno ricoverato con i primi dolori… mi hanno visitato e deciso per un cesareo perchè ad ogni contrazione il battito calava… mi hanno portato subito il sala operatoria… l’infermiera ha chiesto al futuro papà i vestiti e lui le ha consegnato la mia camicia da notte, le pantofole.. in pratica non capiva più nulla ha rovistato nella borsa e alla fine ha: può prendere lei quello che serve altrimenti domani siamo ancora qua…

  6. Ciao a tutte, mamma mia che bei ricordi!! quando con tanto batticuore preparavo i sacchettini con tanto di nome sopra, con i piccoli indumenti che avrebbero indossato i miei cuccioli…che tenerezza!! voleva dire appunto che nel giro di pochissimo sarebbe avvenuto il fatidico giorno del tanto atteso parto…che bello!! e quando sei li’ che sta’ per nascere l’ostetrica ti dice signora allora che cosa gli mettiamo? nonostante tu le buste le abbia gia’ numerate lei te lo chiede…e alla fine lui e’ li’ te lo danno bello pulito e col vestitino che abbiamo scelto con tanta cura..cavoli quello devo dire che e’ veramente un momento unico!!! a’ Silvia77, essendo che sono la collega di rosa77 io come nome se fosse una bimba, le avevo proposto Eva, e corto poco comune e secondo me carino a lei piace….che ne dite ragazze facciomo un toto nome? magari a lei puo’ fare piacere visto che non sa’ da dove cominciare! Ciao

  7. @silvia77: io non lo so se da altre parti si chiamano diversamente…sono quei rettangolini di solito di seta che si mettono appena nascono i bimbi,si infila solo la testina, di solito quando si dice alla propria mamma che si è incinte le raglano loro! e ci sono ricamati dei simboli portafortuna…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *