Il parto si avvicina, ecco la valigia per la futura mamma da portare in ospedale

La gravidanza volge ormai al termine e il pensiero è già lì, al parto. Ma cosa bisogna mettere in valigia, cosa bisogna portare in ospedale per il grande evento?

Me lo ha chiesto Chiara, una mia amica in dolce attesa. Ma visto che le pancione di questo blog aumentano di giorno in giorno, da Valentina, a Rosa, a Marika, a Giuli… e giusto ieri ho saputo che anche Margherita, una mia cara amica diventerà mamma-bis (tanti auguroni!!) allora ho pensato di scrivere un post per tutte.

La lista è divisa in due parti: l’occorrente per la mamma e il necessario per il bebè.

Partiamo dalla mamma:

1) camicie da notte: almeno tre e aperte davanti fino alla vita per facilitare l’allattamento. Visto il gran caldo che fa negli ospedali vi suggerisco di prendere quelle di cotone anche in pieno inverno!
Per il parto vero e proprio vi consiglio di portare una t-shirt lunga e comoda oppure una camicia da notte decisamente non preziosa. Considerate che si sporcherà parecchio e quindi la dovrete candeggiare per bene o, nel peggiore delle ipotesi, buttare!
Per le 48 ore successive (perché se va tutto bene dopo due giorni al massimo vi mandano a casa!) tre camicie da notte dovrebbero bastarvi!
2) Vestaglia
3) Mutante di rete usa e getta. Si trovano facilmente in tutti i negozi che vendono le cose per i neonati.
4) Pantofole
5) Eventualmente se le usate delle calze (io non le ho portate!), canottiere e reggiseni.
6) Beauty case con spazzolino, dentifricio, detergente eccetera eccetera… Io ho portato anche della calendula madre per disinfettare bene le parti intime 🙂
7) Coppette assorbilatte: la prima volta non mi sono servite, la seconda volta sì!
8 ) Assorbenti per la notte. In genere gli ospedali forniscono gli assorbenti, ma spesso sono in cotone senza una base di plastica.
Vi lascio immaginare: tempo due minuti ed è tutto sporco: camicie da notte, letto, eccetera eccetera. Io avevo portato gli assorbenti normali per la notte (che sono più lunghi) e sopra avevo messo quelli dell’ospedale e mi sono trovata bene! (mi rendo conto che non è bellissimo parlare di queste cose… ma qualcuno questo sporco lavoro lo deve pur fare, ah ah! :o)

9) Infine… e per me è stata la cosa più importante: la crema per il seno.
Vi assicuro che quando il pupetto si attaccherà saranno dolori! Soprattutto se non si attacca nel modo giusto (fatevi aiutare dalle puericultrici, sono lì apposta!!). Il vostro capezzolo sarà subito messo a dura prova anche se negli ultimi periodi lo avrete ammorbidito con creme e oli o esposto al sole.

Io ho usato una crema di lanolina pura al 100%. Fantastica anche perché non bisogna lavare il capezzolo prima di attaccare il bambino. Unico neo: è un unguento giallognolo che sporca le camicie da notte ed è difficile da togliere, anche lavandole per bene. Ma se non siete molto affezionate alle camicie… 😮

Altra cosa, è un rimedio della nonna, ma vi assicuro efficacissimo: semi di melocotogno.
Mettete cinque-sei semi in una tazza da caffè, ricopriteli con dell’acqua (un centimetro circa sopra ai semi). Tempo due ore si formerà un unguento che potrete applicare sul capezzolo.
Anche in questo caso non è necessario lavare il seno prima di allattare.
In entrambi i casi, ve lo giuro, mi ha salvato le tette!

Quando è nato Marco, credo di avervelo già raccontato, mi stavano venendo le ragadi. Il bambino si era attaccato male al capezzolo e io piangevo per il dolore tutte le volte che allattavo. Che male!
Siccome allattava praticamente notte e giorno (povero aveva fame e il colostro non gli bastava!), vi lascio immaginare i lacrimoni. Fino a che mia madre non mi ha preparato “l’unguento magico”.
Per me è cambiato il mondo!
Siccome anche tante altre neo-mamme erano nella stessa condizione, abbiamo fornito semi di melocotogno a tutte. Mia madre, per fortuna, ne aveva una bella scorta!

Successivamente sono passata alla crema di lanolina, perché più comoda anche da portare in giro. E la uso anche adesso sui nasini dei bimbi screpolati dal raffreddore. E’ ottima!

Ultimo consiglio salva tette e vi prego non ridete: lasciatele “al vento” più che potete.
Io anche in casa, quando potevo, andavo in giro a seno scoperto. Tra una poppata e l’altra, infatti, areola e capezzolo devono essere ben asciutti per favorire la cicatrizzazione di eventuali taglietti.

10) Decimo e ultimo punto… in valigia mettete anche i vestiti per quando tornerete a casa.

Ops.. ho visto che mi sono dilungata un po’ troppo. Praticamente ho scritto un post-lenzuolo. E allora l’occorrente per il bimbo ve lo scrivo nel prossimo post!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

48 risposte a “Il parto si avvicina, ecco la valigia per la futura mamma da portare in ospedale

  1. karina: io sinceramente mi darei una mossa! si sa mai come ha detto mimi e cmq io non vedevo ora di avere tutto pronto tu no???

  2. @ Karina: non si partorisce intorno a 39 settimane? Direi che se vuoi fare le cose con calma e hai le idee chiare forse non sei in ritardo.
    Altrimenti puoi fare come si faceva una volta: se hai un comò bello grande, svuota il primo cassettone e lo fai diventare una culla d’emergenza per il bambino.

    Ok non iniziare a preparare tutto al primo accenno di test positivo, ma ci pensi che magari potresti avere un parto pre-termine?

  3. veronica: come senza lavoro cosi anche se sei icninta? ma lo sai che la legge ti tutela vero?
    per il resto delle cose sicuramente dove abiti ci sono posti che vendono le cose usate ma in ottimo stato in modo da non spnedere molto sia x corrozzine che per vestiti oppure chiedi al tuo parroco aiuto coraggio!!

  4. salve io sono quasi al 6 mese e non ho nulla di pronto non so come muovermi e si ho paura di non riuscire a trovare nulla e avere tutto pronto per la mia bimba…nn so cosa preparare vorrei consigli grazie a tutte

  5. Buonasera a tutte!!! Questa settimana entrerò nella 25esima e il mio piccolino si fa sentire tantissimo… nn vi nascondo che sono troppo felice e nn vedo l’ora di stringerlo tra le braccia…ma la paura del parto c’è ed è pure tanta!!!XD

  6. Ciao a tutte le pancine. Sono alla 28 settimana e nel mio grembo c’è Chiara,la mia farfallina..sono alla terza gravidanza,e sono felice. Grazie a tutte per i consigli,e in bocca lupo

  7. Ciao a tutte, 🙂 sono alla 36 settimana e sto preparando la valigia spero tanto di non dimenticare niente 🙂 per caso qualcuno sa dirmi dove trovare la crema di lanolina pura al 100% per il seno? Grazie.

    • @Lara: in tutte le farmacie e parafarmacie! Io ho usato “Purelan 100” della Medela e mi sono trovata abbastanza bene. L’unica cosa negativa è che unge ed è difficile togliere via le macchie da pigiami e canotte!
      Come ti senti? In bocca al lupo e dacci tue news!

  8. cara redazione (maria)ho trovato molto utile e completa la lista delle cose da portare in valigia per il parto ma non sono riuscita a trovare quella per il nascituro.potete aiutarmi??grazie mille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *