Gelosia tra fratelli: cosa possono fare i genitori? Intervenire? Assecondare i capricci? Ignorare?

La scorsa intervista alla dott.ssa Francesca Santarelli, la nostra Psicologa amica, sul delicato tema delle separazioni e sui rapporti con i figli ho visto che ha raccolto il vostro consenso.
E allora eccoci al secondo appuntamento. Questa volta i temi proposti sono essenzialmente due:
1) Il carattere del bambino si forma nei primi tre anni di vita?

2) Come si devono comportare i genitori quando scatta la gelosia fra fratelli?

Cominciamo con il primo quesito posto da “mamma”: “E’ vero che il carattere si forma nei primi tre anni di vita del bambino e che tutto ciò che accade in questo lasso di tempo sia determinante per la formazione della personalità?“. Dottoressa Santarelli che cosa ci dice a tal proposito?

Quello che accade nei primi tre anni di vita è vero, è molto importante ma non è detto che poi sia immodificabile! Partiamo dal presupposto che il carattere e la personalità del bambino non sono fattori genetici, ma sono un qualcosa che si costruisce, che si può modificare e che viene arricchito anche dalle esperienze di vita che gradualmente si faranno nel corso dello sviluppo.
Nei primi tre anni si sviluppa però una cosa fondamentale e unica, che può costruirsi solo in questa fase: l’attaccamento. È molto difficile per me, definire in modo semplice e ristretto una cosa cosi ricca di elementi, dettagli e spiegazioni, ma cercherò di trasmettervi ciò che secondo me è basilare da comprendere per tutti. L’attaccamento è una spinta innata e naturale che avviene spontaneamente nel piccolo verso la ricerca di una figura di riferimento che si prenda cura di lui nei momenti di maggiore vulnerabilità e bisogno. Basti pensare anche a un cucciolo di pulcino, che cerca affannosamente la mamma chioccia su cui adagiarsi, anche quando ha freddo ed è spaventato, non solo quando ha fame…
Ecco, questa splendida magia avviene anche nei cuccioli d uomo, se pur in modo differente..
La cosa importante è la risposta della “figura di attaccamento” (di solito la mamma) che si potrà dimostrare stabile, instabile, felice e rilassata o spaventata, nervosa, triste, insofferente e infastidita…
In base alle costanti risposte della mamma basate su una determinata emotività (non basta quindi una volta, ma sempre o la maggior parte delle volte) il bambino svilupperà il nucleo dell’idea che avrà di sé e di cosa si potrà aspettare dagli altri.
Faccio un esempio per spiegarmi meglio: se ogni volta che il bambino piange (perche ha fame, freddo, paura, voglia di coccola…) la mamma lo prende in braccio sempre nervosa, infastidita o arrabbiata, il bambino potrà sviluppare l’idea di sé come “elemento disturbante”, colui che causa quell’emotività della mamma e sviluppare una credenza di base per cui, se chiede, se ha bisogno di qualcosa, disturba, innervosisce, spaventa….quindi tenderà ad aspettarsi questo dagli altri anche nella vita adulta.
Naturalmente quello che vi descrivo, per forza di cose risulta essere riduttivo, ma spero possa spiegare la base della personalità del bambino in termini più semplici possibili.
Naturalmente questo fondamentale “gioco relazionale” verrà poi a integrarsi con le esperienze di relazione con il papà, con altre figure di riferimento, con gli aspetti del temperamento caratteriale (che è diverso dal carattere), con le prime esperienze sociali e di vita per poi formare definitivamente la personalità adulta. Possiamo dunque concludere che, l’attaccamento sia l’unico aspetto basilare che avviene nei primi tre anni che è “immodificabile” in certi versi e che sarà poi determinante per costruirmi la base della personalità e del carattere.

Altro tema scottante è il rapporto di amore-odio che si crea tra fratelli.”La mia piccoletta di 4 anni e mezzo ha iniziato ad essere insofferente e ad avere gesti di gelosia a causa della presenza del fratello di 16 mesi. Sia ben chiaro che la gelosia non la riversa nei confronti del fratello, ma verso me e il padre. Cerca in tutti i modi di attirare l’attenzione, pretende di ottenere sempre quello che vuole, fa un capriccio dopo l’altro e utilizza anche il cibo per attirare l’attenzione”, scrive Enri73 chiedendo: come si devono comportare i genitori?
Un problema, questo, che conosce bene chi ha due o più figli! Bisogna assecondare i capricci del grande? Trascurare il piccolo? Divedere i compiti tra mamma e papà facendo gestire il grande al babbo e il piccolo alla mamma?

La prima cosa che vorrei trasmettervi come chiarimento è questa: tutti i bambini soffrono di gelosia quando arriva un fratellino, anche quando non lo manifestano e quando a noi sembra che non lo sia.
Quello che accade in fondo, nella sua psiche e nel suo inconscio, spesso non emerge e non si vede, ma tutti gli studi di psicologia infantile ce lo confermano e ci insegniamo che, oltre ad essere una cosa del tutto naturale, è anche positiva per lo sviluppo della personalità del bambino, meglio ancora se capace di esprimerla attraverso capricci, ricerche di attenzioni, rabbia inspiegabile e regressioni di alcuni comportamenti (ciuccio, biberon, lettone, passeggino, pannolino, ecc…).
Spesso usano l’arma del cibo per esprimere tale disagio proprio perché sanno che è terreno fertile su cui far leva per far preoccupare mamma e papà. Naturalmente non servono parole per spiegare ai bambini che mamma e papà vogliono bene a tutti e due, che il fratellino è piccolo e ha bisogno ecc…
I bambini non seguono discorsi logici che si fanno tra adulti! Meglio dunque i fatti!
Questo non vuol dire finire per assecondare ogni capriccio per accontentarlo, perché si corre il rischio di far peggio, ma solo avere un pochino più di pazienza prima di perderla del tutto.
Bisogna mantenere dunque lo stesse regole e più possibilmente le stesse abitudini che vi erano prima in famiglia, non farsi sentire e vedere spaventati della rabbia o dei comportamenti messi in atto dal bambino, ma accogliere quello che prova non sgridandolo, ma permettendogli di esprimere ciò che sente senza timore di essere giudicato negativamente. Sarebbe opportuno facilitargli attività ludiche in cui possa scaricare la sua gelosia (disegni, attività fisica e creativa) e se vuole, renderlo partecipe nell’accudimento di piccoli gesti nei confronti del fratellino (ad esempio quando gli si dà la pappa).
Dobbiamo trasmettergli (non solo a parole) i vantaggi dell’essere il più grande, quindi fargli fare delle cose da solo, riservate solo per lui con la mamma o con il papà, distribuendo i compiti e i momenti in modo paritario (per non dar l’idea che la mamma ora è solo del piccolo e il papà per lui…).

Grazie mille dottoressa da parte mia e da parte di tutti gli utenti del Blog per il grande contributo e aiuto che ci sta dando!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

17 risposte a “Gelosia tra fratelli: cosa possono fare i genitori? Intervenire? Assecondare i capricci? Ignorare?

  1. Buongiorno,
    sono la mamma adottiva di due bambini arrivati in famiglia il primo a tre anni e il secondo a 4 anni e mezzo. Dalla mia esperienza e dall’esperienza di tante mamme adottive con le quali mi sono confrontata, anche i bambini come i nostri, che hanno subito forti traumi di abbandono nei primissimi anni di vita, una volta arrivati in famiglia sviluppano, con dinamiche differenti e legate alla loro storia pregressa, un fortissimo attaccamento. In certi casi è anche un attaccamento molto positivo e di tipo sicuro, dapprima con uno dei due genitori, scelto come figura di riferimento, e successivamente anche con il secondo genitore. Quindi a mio avviso la famiglia può essere davvero la cura, anche di dinamiche negative di attaccamento sviluppate nel bambino nei primi tre anni di vita ed è in certi versi “modificabile”. Ma è solo la mia intuizione, non esistono purtroppo molti studi davvero approfonditi che avvalorino queste positive esperienze.
    Invece purtroppo la gelosia fra fratelli esiste eccome, anche in quelli adottivi!!!

  2. Mi unisco tristemente al seguito delle mamme il cui primogenito manifesta palesemente comportamenti di gelosia nei confronti del secondogenito. I miei due figli hanno 7 anni e mezzo e 5 anni e mezzo (precisamente 22 mesi di distanza). Non ho potuto preparare adeguatamente il primo all’ arrivo del secondo in quanto troppo piccolo, e quindi quasi privo degli appropriati strumenti linguistici per comprendere l’imminente arrivo del fratellino. Mi sono limitata a fargli vedere delle riviste di mamme incinta e bebé portando la sua manina sul mio pancione, oppure facevo dei semplici disegni in cui figuravano mio figlio grande che prendeva per mano il fratellino più piccolo (entrambi rappresentati sorridenti).
    Quando però é nato l’atteso fratellino, ho subito percepito il cambiamento del primogenito: la mia casa si é trasformata in una giungla dominata dalla legge del più forte, il grande guardava con sfida la sua “preda” mettendo in atto i più disparati comportamenti tesi a far del male, ad escludere, a vincere, a sopprimere! Insomma potevo solo sperare che si limitasse ad ignorare il piccolo.
    Ora, nonostante siano trascorsi anni, le forme di gelosia del primogenito nei confronti del fratello si sono solo affinate, ma permangono con chiari segni di sofferenza a carico del più grande. Quest’ultimo, temendo il confronto con il temerario e sagace fratellino di 5 anni e mezzo, non si cimenta in alcuna attività (compreso lo studio), apparendo di fatto insicuro, rinunciatario ed infantile. Il suo comportamento “regressivo” lo spinge a fare capricci nelle più banali situazioni quotidiane (es. dividersi una merendina col fratello, decidere dove uscire, chi entra per primo nell’ascensore, etc…) dimostrandosi sempre lagnoso e ricercando continuamente conferme affettive, quali, chiedermi se gli voglio bene, quanto lo penso, cosa farei se lui morisse, etc.
    Vorrei gentilmente chiederle Dottoressa cosa altro potrei fare, visto che dedico la gran parte del mio tempo a mio figlio più grande, cercando di mitigare le sue insicurezze, confortandolo ed elogiandolo, ma tutto ciò non sembra, per ora, sortire grandi risultati. Devo limitarmi ad aspettare sperando che la sua crescita lo faccia maturare e lo renda più sicuro di sé?
    La ringrazio per la sua attenzione e per la sua risposta.

    Mamma Silvia.

    • Ciao Silvana, vivo la tua identica situazione due fratelli di 19 mesi di differenza il primo 7 anni il secondo 6 e mezzo. Il primo fa esattamente le stesse cose del tuo e io come te impiego tempo ed energia solo per lui con risultati a dir poco scarsi, mi sento impotente.

  3. Sono la mamma di due bimbe una di due4 anni e mezzo l’ altra di 3. Lamia bimba più grande da circa 1 anno con me éccambiata non vuole che la coccolo mi respinge,malgrado cerco di accontentarla dice che sono cattiva, che le maestre sono meglio e quando ci sono mmamme di sue amiche si attacca a loro ( cosa che fa anche con i papà ). Spesso le parlo per spiegarle cose che non vanno bene ma non mi ascolta e quando le chiedo di ripetere non si ricorda o non ha sentito e cosa mi spaventa da morire e’ che se le dico di guardarmi e concentrarsi ripete le mie parole sottovoce a fior di labbra come se dovesse fare uno sforzo incredibile per capire. Io mi do la colpa di tutto perché sono spesso nervosa,non lavoro e sono sempre con loro e quindi litigi ,urli capricci tutto il giorno è tanti dispetti. Grazie attendo istruzioni:-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *