Innocenti e generosi ma anche furbi e maliziosi: sono sempre loro, i nostri bimbi

Ho un figlio che …fa tutto lui!
Fa un sacco di regali, pulisce casa, prepara la cena a tutta la famiglia. Insomma un mito. Il tutto a tre anni e mezzo.
Non sto scherzando. E’ tutto vero.

Appena vede per casa un sacchetto di carta lo riempie con tutto quello che trova in giro poi viene e dice: “Mamma ho un regalo per te”.

L’ultima volta nel sacchetto c’erano nell’ordine: tre telecomandi (ecco perché non riuscivo a trovarli da ore e non potevo cambiare canale, sigh!), Laila (il cagnolino di peluche del fratellino), un cuscino piccolo, e ben due Ferrari. Niente male, vero?

Ma il top l’ha raggiunto quando mi ha detto: “Mamma, ti è piaciuto il regalo? E io: “Quale?”. E lui: “Ti ho regalato questo lettone (ossia il letto matrimoniale), questa stanza e due bagni”. E io: “Perché due bagni?” E lui: “Uno per me e uno per papà”.
Mhh! “E il regalo sarebbe per me?”

Comunque sia…Uaho! Praticamente mi ha donato mezza casa. Quindi anche mezzo mutuo! Figata, direi. Passiamo da trent’anni a 15. Che figlio generoso!

Ultimamente poi si è scoperto anche cuoco. “Mamma l’ho preparata io questa pappa, ti piace?” Cavolo se non mi piace…ho impiegato due ore per cucinarla.

“Mamma ho preparato io questa pappa a Luca, vero?” E io: “No Marco, questa volta no. Non c’eri non potevi prepararla”. E Lui: “Mamma, ma che dici! Ho fatto tutto prima di andare via”.
Però… questo bimbo ha pure la risposta sempre pronta. Vi assicuro che se non fossi sicura che sono tutte sue invenzioni, vista la convinzione con cui racconta le cose, penserei che sono vere!

E guai a telefonare a qualcuno per chiedere qualche ricetta. Si intromette subito nella conversazione: “Mamma te lo dico io: cipolla, aglio, patata, zucchina, pane, latte e biscotti”.
Ma io avevo chiesto la ricetta per la torta di nocciole! Fa lo stesso.

E’ un mito. Speriamo solo che tutta questa generosità non svanisca con l’età!

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *